• Back to Index
  • Email address
  • Contact Webmaster

  •  
     

    N. 2 – MARZO – APRILE 2000

    Edizione italiana 


    SOMMARIO

    ATTIVITÀ DEI MEMBRI DEL CONSIGLIO GENERALE
    Incontro delle Superiori Generali
    Altre visite
    Visita a Burkina Faso, Liberia, Zimbabwe, Mozambico e 
    Camerun

    LE CAUSE DEI SANTI CARMELITANI SECONDO IL NUOVO INDEX

    MONACHE CARMELITANE 
    Vetralla, Italia
    Roma, Italia
    Caudete (Albacete), Spagna
    Saragozza, Spagna

    SUORE CARMELITANE MISSIONARIE DI S. TERESA DEL BAMBINO GESÙ
    Incontro delle superiori della Congregazione
    123° Anniversario della nascita di Madre Crocifissa
    Date importante per la Congregazione

    FAMIGLIA MISSIONARIA "DONUM DEI"
    Cinquanta anni di grazie

    PUBBLICAZIONI CARMELITANE

    BREVI NOTIZIE
    Notiziario del Commissariato delle Antille
    Convegno sulla figura del Profeta Elia
    Progetto missionario "Sarepta"
    Seminario sulla Preghiera Carmelitana
    Nuovo centro parrocchiale
    Appuntamenti

    AGGIORNAMENTO DEGLI INDIRIZZI E NUMERI TELEFONICI 

    VITA CARMELITANA 

    MONACHE CARMELITANE NEL MONDO: MONASTERO DELLA MADRE DI DIO E DEL CARMINE







    O Padre,
    che in questo giorno,
    per mezzo del tuo Figlio,
    hai vinto la morte
    e ci hai aperto
    il passaggio
    alla vita eterna,
    concedi a noi,
    che celebriamo
    la Pasqua di risurrezione,
    di essere rinnovati
    nel tuo Spirito,
    per rinascere nella luce
    del Signore risorto.


    Buona Pasqua a tutti i membri
    della Famiglia Carmelitana



    ATTIVITÀ DEI MEMBRI
    DEL CONSIGLIO GENERALE

    P. Joseph Chalmers, Priore Generale

    All'inizio di febbraio 2000, è stato tenuto un incontro col tema "Il Contributo del Carmelo nel Terzo Millennio" per le Superiori Generali di tutte le Congregazioni aggregate all'Ordine. L'incontro si è svolto a Focene, nel centro di spiritualità delle Suore Carmelitane Missionarie di S. Teresa del Bambino Gesù nelle vicinanze dell'aeroporto di Roma. Hanno partecipato circa trenta rappresentanti, provenienti dalle Filippine, Stati Uniti, Venezuela, Trinidad, Brasile, Spagna, Regno Unito e Italia.

    La Curia Generalizia è stata rappresentata dal P. Gaspar Mondéjar, Vice Generale, P. Anthony Scerri, Consigliere Generale, ed io. A fare luce su questa settimana di studio, sono intervenuti P. Bruno Secondin (Ita) con la relazione "La comprensione attuale del Carisma Carmelitano - Come mettere il carisma al servizio della Chiesa" e la Sig.ra Donna Orsuto, docente all'Università Gregoriana con "Il rinnovamento della vita consacrata: valutazione e prospettive - Nuovi modelli di partecipazione". Tra l'altro, come membri della Famiglia Carmelitana, abbiamo discusso le modalità del lavoro comune e il consolidamento dei legami già esistenti.

    Il 2 febbraio tutto il gruppo ha partecipato alla Messa del giubileo per la vita consacrata celebrata dal Papa in Piazza S. Pietro. Quel giorno abbiamo cele-brato la Preghiera della Sera al CISA e cenato con la comunità. Alla fine della settimana ci siamo recati a Firenze per visitare le due comunità ed incontrare i membri della Famiglia Carmelitana. L'ultimo in-contro delle Generali delle Congregazioni aggregate all'Ordine è stato tenuto nel 1989. Tutti i partecipanti sono stati unanimi nel proporre questi incontri più frequentemente.

    Appena concluso l'incontro delle superiori, accompagnato dal P. Anthony Scerri, ho visitato i Carmelitani dello Zimbabwe e di Mozambico (vedi pagina 28-29).

    Al mio ritorno nello Zimbabwe, sono partito per l'Irlanda, dove insieme al P. Míceál O'Neill, dal 1° al 18 marzo abbiamo visitato tutte le comunità della Provincia, incontrato ciascuna comunità e ciascun religioso in un colloquio individuale. Alla fine della visita, abbiamo incontrato tutti i priori delle comunità e il Consiglio Provinciale.

    P. Anthony Scerri, Consigliere Generale

    Recentemente la mia attenzione è stata centrata sull'Africa dove ci stiamo espandendo e crescendo, e dove l'Ordine ha un futuro promettente. Ciò che segue è una breve relazione della mia attività.

    PP. Ubaldo Pani (Ita), Rafael Leiva, Provinciale della Bética, Eugenio Kaboré, Francisco Daza e Désiré Kouakou

    Gli sforzi di molti anni di preparazione dei nostri fratelli da Burkina Faso nella Provincia Betica sono stati premiati il 17 gennaio 2000 quando la nostra prima fondazione di frati nel paese è stata uf-ficialmente inaugurata con una celebrazione Eucaristica e la benedizione del vescovo Anselme Sanon di Bobo Dioulasso. Presenti alla celebrazione, nella cappella di una casa messa a nostra disposizione dalla Famiglia Missionaria Donum Dei (FMDD), erano i quattro missionari, PP. Francisco Daza, Ubaldo Pani (Ita), Eugène Kaboré e Désiré Kouakou, P. Rafael Leiva, Provinciale di Betica, P. Tomàs Léon, suo segretario, io, da parte del Consiglio Generale, ed alcune Lavoratrici Missionarie (FMDD).

    Anche il giorno precedente è stato memorabile, quando nella Cattedrale di Bobo Dioulasso, il vescovo Sanon ha accolto e presentato i missionari carmelitani ai fedeli ed al clero della diocesi. I Carmelitani sono stati accolti cordialmente da tutti, vescovo, clero e fedeli.

    Siamo molto grati alle Lavoratrici Missionarie per il loro appoggio e per preparativi per l'arrivo dei frati. Grazie al loro zelo ed impegno, ci sono già nove giovani che desiderano abbracciare l'Ordine. Auguriamo ai frati missionari ogni bene per il loro futuro.

    Da Burkina Faso, invitato dal vescovo B. Dotu Sekey della diocesi di Gbarnga, mi sono recato in Liberia. Prima della guerra civile (1990-1997), le suore Carmelitane del Corpus Christi (CCC) hanno ottenuto una fondazione nella diocesi di Cape Palmieri, e grazie a loro ci sono alcuni giovani interessati all'Ordine. Una volta ripristinata la pace nel paese le suore sperano di ritornare.

    Mentre mi trovavo a Gbarnga ed a Accra (Ghana), ho incontrato tre giovani interessati all'Ordine. Ci possono essere altri giovani interessati nella diocesi di Cape Palmieri. Al riguardo, aspetto ulteriori informazioni dalle Carmelitane del Corpus Christi. Attualmente, insieme alla Provincia Britannica, sto studiando due possibilità: una nuova fondazione in Liberia oppure che la Provincia prenda alcuni candidati per la formazione. Le vostre preghiere per questo progetto saranno molto gradite.

    In febbraio, il Priore Generale, P. Joseph Chalmers, ed io, abbiamo fatto una visita fraterna ai nostri religiosi nello Zimbabwe in preparazione al Capitolo della Provincia Irlandese. Abbiamo parlato agli studenti e ai novizi, incontrato P. John McGrath, Commissario Provinciale, ed il suo Consiglio, ed unitamente al P. Robert Kelly, Provinciale Irlandese, abbiamo partecipato all'Assemblea Generale Annuale tenuta a Mutare il 18 febbraio. L'idea generale emersa da questi incontri è di ottimismo e di speranza per il futuro del Carmelo zimbabwese. E' stato anche evidente il desiderio d'intensificare ulteriormente la contemplazione e la vita comunitaria del Commissariato.

    Questo anno ci sono tre novizi e venticinque studenti. Fra Vitalis Benza è un diacono che sarà ordinato sacerdote nel prossimo agosto.

    Dal 15 al 17 febbraio P. Joseph Chalmers ed io abbiamo visitato i nostri fratelli in Gorongosa, Mozambico. L'impressione generale che abbiamo avuto dei tre fratelli della Provincia di Pernambuco (P. Severino de Freitas, P. Telesforo Machado Calvacanti e Fra Amilton Vidotto) impegnati in questa missione, è stata quella della loro grande gioia.

    Casa dei Carmelitani in Mozambico

    È meraviglioso vedere quanto lavoro questi fratelli hanno compiuto in soli quindici mesi dall'inizio della fondazione a Gorongosa. Sono solleciti alle necessità e al benessere della gente che è molto povera. Hanno anche restaurato molti edifici della missione che erano completamente rovinati dalla guerra civile. C'è ancora molto da fare e hanno bisogno di ogni tipo di assistenza che noi possiamo offrire. Inoltre i fratelli desiderano ricevere pubblicazioni in portoghese, spagnolo ed italiano (il loro indirizzo è: Padres Carmelitas, C.P. 544, Missão de Gorongosa, Beira, Mozambico). La comunità sta aspettando un quarto religioso da Pernambuco che probabilmente arriverà il prossimo agosto.

    I fratelli sono da lodare per il loro zelo e per l'entusiasmo profuso nel loro impegno.

    Grazie all'impegno delle Lavoratrici Missionarie a M'Balmayo in Camerun, c'è un numero di giovani interessati all'Ordine. Durante un incontro tenuto in luglio 1998 tra P. Carlo Cicconetti, Provinciale Italiano, P. Tiberio Scorrano, Procuratore della Provincia Italiana, P. Jean-Marie D'Undji, Commissario Provinciale del Congo, ed io, siamo rimasti d'accordo perché i formatori congolesi vadano in Camerun per trascorrere del tempo con questi giovani e discernere la loro vocazione. Nonostante la guerra nel Congo e le difficoltà che richiede questo impegno, i nostri formatori congolesi hanno portato avanti la loro promessa ed adesso abbiamo tre candidati dal Camerun in Congo. Recentemente P. Francois Alirac (Ita-Con) ha trascorso un mese in Camerun per accompagnare gli altri candidati.

    Lo scorso agosto, quando eravamo a Bamberg (Germania), è stato tenuto un altro incontro tra i PP. Carlo Cicconetti, Jean-Marie D'Undji, Anton Beemsterboer, Provinciale della Germania Inferiore, ed io. In questa occasione siamo rimasti d'accordo che la Provincia della Germania Inferiore sarebbe stata corresponsabile per il progetto e per l'appoggio finanziario. Nuovamente chiedo le vostre preghiere per questo progetto.
     

    LE CAUSE DEI SANTI CARMELITANI
    SECONDO IL NUOVO INDEX

    Lo scorso dicembre è stato presentato il volume della Congregazione delle Cause dei Santi che contiene l'elenco aggiornato fino al 1999 delle cause di beatificazione e canonizzazione in corso presso il dicastero. L'Index è l'elenco delle Cause di beatificazione e di canonizzazione: di quelle appena iniziate, di quelle in fase avanzata e di quelle che hanno concluso il loro iter. La prima edizione risale al 1890; l'ultima del 1988 era esaurita da anni. L'attuale volume percorre il lavoro che la Congregazione ha svolto dal 1588 (anno della costituzione ad opera di Sisto V) fino al 1999.

    Dopo una prefazione con importanti informazioni sulla storia e la procedura delle Cause dei Santi, nella prima parte del nuovo Index sono indicate 1.921 Cause, alcune ferme ma che possono sempre rimettersi in movimento, la maggior parte in via di svolgimento. In questa presentazione offriamo brevemente la situazione delle Cause della Postulazione Generale del nostro Ordine come sono indicate nell'Index della Congregazione. Tranne le Cause dei Servi di Dio che possono raggiungere la Canonizzazione, ci sono le Cause dei Venerabili che hanno già avuto il riconoscimento dell’eroicità delle virtù del candidato e sono in attesa di un processo su un presunto miracolo per raggiungere la beatificazione e dei martiri che per essere beatificati non richiedono miracolo. Altre Cause si trovano ancora nella fase istruttoria in diocesi.

    1. Servi di Dio

    a) Nella fase d’inchiesta diocesana

    b) Cause ferme nella Congregazione c) Cause ferme da ricuperare
    Parrocchia "Nostra Signora del Carmine" - Cagliari (Sardegna)
    La Gloria del cielo con santi carmelitani - Artista: Aligi Sassu

    d) Cause nella Congregazione finita la "Positio" allestite per essere studiate dai teologi.

    2. Venerabili 3. Beati

    La seconda parte del volume contiene l'elenco degli antichi beati o santi che hanno ottenuto la conferma del culto, cause precedenti al 1534. L'attuale numero complessivo di questi beati è di 1.430 unità. Tra i beati si fa distinzione tra beati con procedura normale, martiri o no, e beati con approvazione di culto. Tra questi ultimi poi si fa distinzione tra quelli elencati nel calendario liturgico e quelli soppressi dal calendario.

    Con approvazione di culto

    a) Elencati nel Calendario dell’Ordine:

    b) Esclusi dal Calendario: La terza parte riporta l'elenco dei beati, che attualmente sono 1.712 e vanno dal 1609 al 1999. I beati proclamati dall'inizio della Congregazione fino a Paolo VI sono 808; quelli proclamati da Giovanni Paolo II sono 904 (a rendere così elevato il numero dei beati hanno contribuito alcuni gruppi di martiri). 4. Santi

    L'ultima parte dell'Index riguarda i Santi canonizzati dalla fondazione della Congregazione ad oggi; complessivamente sono 591 così distribuite: 296 da Clemente VIII (1594) fino a Paolo VI; 295 canonizzati da Giovanni Paolo II, tra i quali 103 martiri coreani.


    MONACHE CARMELITANE

    Anche quest'anno il Carmelo di Vetralla si è fatto promotore della XI° Giornata del Dialogo Ebraico-Cristiano. La mattina del 17 gennaio, le monache hanno fatto una viva esperienza dei forti vincoli che ci legano all'Ebraismo, invitando Don Giuseppe Sorani, dei PP. Orioniti, ebreo, sacerdote ed esegeta, per un colloquio con la comunità. Appena incontrò la comunità, Don Giuseppe si espresse così: "Sapete qual è la mia prima impressione quando entro in un Carmelo? Di trovarmi in terra d'Israele . . . e quindi a casa".

    Durante il suo colloquio Don Sorani associò la vocazione del popolo ebraico a quella del Carmelo: "Non è forse vero che il vostro Ordine si riallaccia al profeta Elia, il quale difese sul Carmelo l'alleanza e la santità del Dio vivente? E che da Elia avete ricevuto in eredità lo zelo ardente nell'amare il Signore e nel proclamarlo unico Dio? Questa è anche la vocazione d'Israele. Pensate quale grande dono: il Signore vi ha fatto partecipi - e l'ha fatto solo a voi - della chiamata unica e irripetibile che ha rivolto al suo popolo. Da quel momento Israele e il Carmelo sono uniti da un'unica vocazione". Don Sorani ha continuato a svolgere il tema attraverso un'attenta lettura dei documenti del Magistero e della Regola Carmelitana, la quale, al paragrafo 19, evoca Lc 10,27 e Dt 6,5 cioè lo Shemà Israel.

    Nel pomeriggio, prima di recarsi alla conferenza di Viterbo, ha visitato le monache il Rabbino prof. Vittorio Della Rocca.

    Dal 17 al 21 gennaio 2000 si è svolto nella Curia Generalizia il primo incontro degli assistenti e delegati per le monache carmelitane. Secondo la lettera del Priore Generale inviata alle monache lo scorso febbraio, lo scopo dell'incontro è stato "di esaminare il nostro ruolo all'interno della Famiglia Carmelitana e iniziare con voi un processo di cooperazione più vicina e più aperta."

    Uno dei punti discussi durante questi giorni è stata l'esperienza delle federazioni dei monasteri in Spagna. Il Priore Generale ha affermato che "i monasteri che si sono federati sembrano avere avuto un'esperienza molto buona ed è qualche cosa che gli altri monasteri potrebbero considerare molto attentamente. Sembrano esserci molti benefici dalle federazioni perché offre uno spazio più grande per la formazione iniziale e permanente, e più flessibilità perché i monasteri si possano aiutare l'un l'altro soprattutto nei momenti di maggiore difficoltà. Tutti questi e molti più benefici si possono ottenere senza togliere l'autonomia ai monasteri individuali."

    L'incontro è stato un'esperienza molto ricca per tutti i partecipanti provenienti dall'Italia, Spagna, Olanda, Stati Uniti, Porto Rico, Brasile, Perù, Indonesia e Filippine, insieme ai vari membri del Consiglio Generale.

    Nei giorni 14 – 15 febbraio 2000, nel monastero Sagrado Corazón de Jesús y Virgen de Gracia di Caudete (Albacete), ha avuto luogo il Capitolo Elettivo della comunità presieduto dal Delegato Diocesano per i Religiose il Rev. Vidal Martínez. La votazione ha avuto il seguente risultato:
    Priora -- Sr. Mª Llanos Rodríguez Callejas
    1ª Consigliera -- Sr. Mª Estela Santos Torres
    2ª Consigliera -- Sr. Mª Patrocinio Marco Fernández
    3ª Consigliera e Maestra delle Novizie -- Sr. Mª Gloria Iborra Lledó
    4ª Consigliera -- Sr. Mª Elena Ballester Ballester
    Economa -- Sr. Mª Pilar Cotanda Álvaro
    Sacrestana -- Sr. Mª Josefina Marco Navarro
    La Federazione Mater Unitatis delle monache carmelitane delle Province Arago-Valentina e Castiglia ha organizzato il Corso di Formazione Iniziale per l'anno 2.000. Il programma si svolgerà nel monastero di Saragozza dal 1 al 19 di maggio.

    Il programma di formazione della nuova RATIO contempla tre aree:

    Si è programmato anche il Corso di Formazione Permanente che si svolgerà dal'11 al 29 settembre 2000:
    1ª settimana: "L'animazione comunitaria"
    2ª settimana: "I Profeti"
    3ª settimana: "Elia nell'Ordine" a carico del P. Antonio Ruiz (Baet).
    In più, ogni trimestre, il P. Alberto Yubero (Arag), Assistente per le monache carmelitane della Federazione, visiterà le distinte comunità tenendo un corso sulla figura storica, dottrinale e spirituale di Santa Mª Maddalena de' Pazzi, basato sul libro "Extasis, amor y renovación" preparato dallo stesso P. Yubero per l'edizione BAC (Biblioteca Autori Cristiani).
     

    SUORE CARMELITANE MISSIONARIE
    DI S. TERESA DEL BAMBINO GESÙ

    Il Consiglio Generale della Congregazione SCMTBG ha tenuto a Santa Marinella (Roma), dal 13 al 18 febbraio 2000, l’incontro dei Consigli delle Province e delle Delegazioni con il tema: "Relazioni significative per mediare la comunione". Hanno partecipato le responsabili della Provincia "Maria Madre del Carmelo" (Italia-Malta), della Provincia "S. Teresa di Lisieux" (Brasile), della Delegazione "S. Giuseppe" (Canada), della Delegazione "S. Teresina" (Tanzania) e della Delegazione "Padre Lorenzo" (Filippine).

    Molti i momenti significativi del programma, tra l'altro da segnalare:

    Durante questi giorni, le sorelle chiamate al servizio dell’autorità nella Congregazione SCMTBG hanno potuto riflettere e dialogare per conoscere meglio la loro realtà e consolidare un comune impegno di servizio alle sorelle della Congregazione. Tale impegno è stato comunicato ai presenti a conclusione dell'incontro in un messaggio inviato a tutte le comunità. Domenica 30 gennaio 2000, in occasione del 123° Anniversario dalla nascita di Madre Crocifissa, la cittadina d’Ispica (Italia) ha ricordato la Fondatrice della Congregazione con varie attività. Oltre il gruppo del Terz’Ordine Carmelitano della città, promotore della celebrazione, erano presenti rappresentanti dell’amministrazione comunale e tanti cittadini ispicesi. In rappresentanza della Superiora Generale erano presenti alla cerimonia due Consigliere Generali e quasi tutte le suore carmelitane delle comunità della Sicilia.


    FAMIGLIA MISSIONARIA
    "DONUM DEI"

    Cinquanta anni fa, l'11 febbraio 1950, P. Marcel Roussel Galle diede inizio, con 8 giovani parigine, alle Lavoratrici Missionarie. Pieno di ardore missionario P. Marcel desiderava evangelizzare le folle allontanate dall'amore divino tramite ragazze vergini, totalmente dedicate a Dio. Rispondendo alla chiamata di Pio XII, espressa nell'Enciclica Fidei Donum, la famiglia da lui fondata subito divenne missionaria nei 5 continenti (nel 1958 in Africa, nel 1960 in Asia e America Latina, nel 1965 in Oceania).

    L'apostolato iniziò presso ambienti di lavoro più difficili: fabbriche, bar, ospedali, licei, prostitute. Profondamente colpito dal quarto capitolo del vangelo di Giovanni, diede inizio ai ristoranti l'Eau Vive, come luoghi di evangelizzazione. Nel 1981 di fronte alla crisi mondiale che colpì la famiglia, il Fondatore comprese che l'evangelizzazione doveva dirigersi verso le famiglie: una mamma deve diventare apostolo della propria famiglia, deve cercare di coinvolgere il suo marito, i suoi figli, e così la sua famiglia diventa missionaria nell'ambiente dove vivono e lavorano. Ben presto queste famiglie hanno formato, insieme ad altre, il secondo ramo della Famiglia Missionaria, la quale venne definitivamente chiamata Famiglia Missionaria "Donum Dei" (FMDD).

    Durante la notte del 15-16 febbraio 1984 il Fondatore ha avuto l'ispirazione di aggregare la sua Famiglia spirituale all'Ordine Carmelitano, in modo da appoggiare tutta la sua missione sullo spirito della Piccola Teresa e del Carmelo. Tre anni dopo, il 22 febbraio 1987, P. John Malley, allora Priore Generale, firmò il Decreto di riconoscimento della Famiglia Missionaria "Donum Dei" come membro del Terz'Ordine Carmelitano Secolare.


    Un gruppo della Famiglia Missionaria "Donum Dei"
    dopo la celebrazione eucaristica insieme al vescovo di Burkina Faso

    Per celebrare questi cinquanta anni di grazia, il 13 febbraio 2000, nel Centro Internazionale Sant'Alberto (Roma), si è svolta una Messa Solenne presieduta dal P. Redemptus Valabek, O.Carm., e concelebrata da un vescovo di Burkina Faso e numerosi sacerdoti. Hanno partecipato la Sig.na Marie-Joseph Perriot Comte, Responsabile Generale, le Consigliere Generali, molti membri della Famiglia Missionaria Donum Dei e simpatizzanti. La festa si è conclusa con un rinfresco accompagnato da canti, danze e rappresentazioni.
     

    PUBBLICAZIONI CARMELITANE

    Libri:

    50 años de fundación - Familia Misionera Donum Dei, L'Eau Vive del Peru, Lima, 2000, pp. 16.

    ALBERTAZZI, Alessandro, Il cominciare ed il finire sarà tutto suo, Suore carmelitane delle Grazie, Bologna, 1999, pp. 128.

    Directory of the British Province - January 2000, The Province of Our Lady of the Assumption, 2000, pp. 20.

    GROSSO, Giovanni, Il Carmelo, un cammino . . . una meta, Centro Stampa Carmelitano, Roma, 2000, pp. 32

    Il Carmelo in Italia - 2000 Anno Santo, Centro Stampa Carmelitana, Roma, 2000, pp. 192.

    LÓPEZ-MELÚS, Rafael Maria, carmelita, ¡Madre, María! Así fue tu vida, AMACAR, Onda, [2000], pp. 238.

    OCD 2000: Direcciones-Addresses-Adresses-Indirizzi, Casa Generalizia dei Carmelitani Scalzi, Roma, [2000], pp. 229.

    Una Iglesia en marcha con el pueblo - Prelatura de Sicuani: 40 años 1959-1999, (Coordinador: Franz Riedel), Centro de Estudios y Publicaciones (CEP), Lima, 1999, pp. 314.

    Vida de Unión con María, Por los venerables carmelitas del siglo XVII: Miguel de San Agustín - Maria de Santa Teresa Petyt, AMACAR, Onda, [2000], pp. 231.

    Calendari 2000:

    Calendario Carmelitano 2000: Il Grande Giubileo. Eventi della storia della Chiesa nel secolo XX, Centro Stampa Carmelitana, Roma, Italia.

    Video cassette:

    Courage to Build Anew - The Return of the Carmelites to Aylesford, Pilgrim Productions Canterbury Ltd., United Kingdom, 2000. Questo video, di trenta minuti, celebra il 50° anniversario dal ritorno dei Carmelitani ad Aylesford e presenta il loro lavoro oggi e le loro speranze per il futuro. Nel documentario prendono parte i confratelli della Provincia Britannica Joseph Chalmers, Wilfrid McGreal, John Berridge e Laurence Frost.

    --------------------------

    N.B. Affinché le nuove pubblicazioni siano riportate dal CITOC è necessario che una copia e una breve presentazione siano inviate a: CITOC, Curia Generalizia dei Carmelitani, Via Giovanni Lanza 138, 00184 - Roma, Italia.

    Per la Biblioteca Carmelitana deve essere inviata un'altra copia a: Biblioteca Carmelitana, Via Sforza Pallavicini 10, 00193 - Roma, Italia. Le pubblicazioni per le recensioni su CARMELUS si debbono inviare a: Editore del CARMELUS, Via Sforza Pallavicini 10, 00193 - Roma, Italia.


    "Fate 
    risplendere 
    la vostra luce 
    davanti 
    agli uomini
    in modo 
    che essi vedano 
    Le vostre 
    opere buone
    e glorifichino 
    il Padre vostro 
    che è nei cieli." 

    (Mat. 5,16)

     

    GRAZIE

    Vogliamo ringraziare quanti hanno accolto il nostro appello comunicato in CITOC di novembre-dicembre 1999 di inviarci materiale carmelitano che riguarda la realtà e le attività (notizie, fotografie, cartoline, immagini, stampe, libri e depliant di case, chiese, santi, stemmi carmelitani, cassette audio e video, CD, ecc.). 

    Con la vostra collaborazione sono stati arricchiti non soltanto il CITOC e il nostro sito web ma anche tutti coloro che vengono in contatto con questi mezzi di comunicazione e che hanno a cuore tutto ciò che è carmelitano! 

    La Redazione di CITOC

     

    BREVI NOTIZIE

    Lo scorso febbraio, dopo alcuni anni di silenzio, è apparso nuovamente il bollettino d'informazione Carmelitas en las Antillas del Commissariato Provinciale delle Antille (Arag). La presentazione di questo numero è semplice ma attraente, ed oltre alle notizie su riunioni ed avvenimenti svolti recentemente nel Commissariato, comunica dell'informazione su un "Incontro dei cronisti conventuali"! Per quanto siamo informati questo tipo d'incontro è una novità per il nostro Ordine. L'incontro è stato tenuto l'11 gennaio 2000 e delinea i criteri che deve avere ogni cronaca, cioè, deve essere obiettiva, sincera, edificante, comunitaria, e soprattutto costante. Auguriamo alla redazione del bollettino un nuovo slancio con molti anni di servizio a tutta la Famiglia Carmelitana. Sabato e domenica, 5-6 febbraio 2000, nella chiesa dell'Ospedale Sandro Pertini (Roma), si è svolto un convegno attorno alla figura del Profeta Elia, patrono dell'Ospedale. Il programma del sabato includeva una conferenza "Elia Profeta: l'uomo di Dio, del popolo, del dialogo", una mostra di pittura ed arte, consegna degli attestati di benemerenza ai sostenitori del volontariato e un cocktail di chiusura. La domenica le attività sono continuate con una solenne celebrazione Eucaristica presieduta dal Cardinale Tonini, benedizione della statua di S. Elia Profeta, e l'affidamento dell'Ospedale e di tutta la famiglia ospedaliera a S. Elia Profeta. Il programma è stato organizzato con la collaborazione di P. Carmelo Vitrugno (Ita), cappellano dell'Ospedale, P. Stanislao Wisocki e il Volontariato S. Elia. "La farina della giara non si esaurirà e l'orcio dell'olio non si svuoterà finché il Signore non farà piovere sulla terra". Con questa citazione biblica dal ciclo di Elia, il Delegato per le Missioni della Provincia Betica, P. Luis Ruano, ha recentemente lanciato il progetto "Sarepta" in aiuto alle missioni che la stessa Provincia cura in Venezuela e in Burkina Faso. In concreto il progetto è a favore dei migliaia di bambini poveri. L'appello chiede a quanti vogliano partecipare al progetto di contribuire con una somma di 3.000 pesetas al mese (cioè, Lit 1.100 al giorno). Questo contributo verrà utilizzato per vestiario, alimentari ed assistenza medica ai bambini. Il progetto ha l'appoggio dell'ONG Carmelitana Karit di Spagna, che negli anni passati ha patrocinato molti altri progetti in terra di missione dove sono impegnati i religiosi e le religiose carmelitane. Quanti desiderano collaborare nel progetto possono contattare: P. Luis Mª Ruano Ramírez, O.Carm., PP. Carmelitas, Plaza del Buen Suceso 5, 41004 – Siviglia, Spagna. Il Centro di Spiritualità al Saint Mary's College (Stati Uniti) sta organizzando dal 18 al 24 giugno 2000, una settimana di Spiritualità Carmelitana intitolata "La Preghiera Carmelitana". Il seminario di quest'anno è tenuto in onore a P. Ernest E. Larkin (PCM), pioniere nello studio e nella divulgazione della Spiritualità Carmelitana. Il venerdì P. Larkin terrà una conferenza che sarà seguita da una celebrazione Eucaristica e una cena.

    Conferenze, gruppi di lavoro, preghiera in comune e l'Eucaristia quotidiana occuperanno i giorni di questa settimana durante la quale, la preghiera e lo studio comunitario e individuale verranno utilizzati per la scoperta di nuove piste con l'aiuto delle presentazioni offerte dal Forum Carmelitano sulla preghiera carmelitana. Il seminario è aperto ai laici, religiosi e sacerdoti di tutte le denominazioni.

    Per ulteriori informazioni contattare: Center for Spirituality, Saint Mary's College, Notre Dame, IN 46556-5001, Stati Uniti. Tel. 219/284-4636.

    Il 12 marzo 2000, con una solenne cerimonia presieduta dall'Arcivescovo di Valladolid, José Delicado Baeza, è stato inaugurato il nuovo centro parrocchiale e benedetto il nuovo tempio della Parrocchia Nostra Signora di Henar, curata dai Carmelitani della Provincia di Castiglia. Secondo l'informazione pervenuta, il nuovo Centro Parrocchiale servirà per celebrare la fede ed i sacramenti, esprimere l'amore alla Vergine Maria col titolo di Nostra Signora di Henar, vivere il Vangelo come progetto umano e cristiano, condividere con solidarietà umana e cristiana i mezzi spirituali e materiali. 23 luglio - 10 agosto 2000:
    Incontro Internazionale per Carmelitani nella Formazione Iniziale - Israele.

    14 - 16 settembre 2000:
    Incontro degli Economi Provinciali - Centro Internazionale Sant'Alberto, Roma, Italia.

    22 ottobre - 10 novembre 2000:
    Corso Internazionale di Formazione Permanente - Sassone, Italia.
    Tema: Le due figure ispiratrici della vita carmelitana: Elia e Maria.

    8 gennaio - 4 febbraio 2001:
    Corso Internazionale per Formatori Carmelitani - Monte Carmelo, Israele.
     

    AGGIORNAMENTO DEGLI
    INDIRIZZI E NUMERI TELEFONICI

    Indirizzi di nuove case

    Provincia Betica
    Pères Carmes, "Carmel", 01 B.P. 2189, Bobo Dioiasso 01, Burkina Faso. Tel. (+226) 982581.

    Hermanas Carmelitas del Sagrado Corazón de Jesús
    C/ Vigario, N° 3, Entre Corral Falso y Barreto, Guanabacoa, L'Avana 11, Cuba.

    Provincia della Germania Superiore
    Carmel Ashram, Alathur – 678541, Palakkad DT., India. Tel. 0492-222093
    Mt. Carmel Monastery, Vandanmed – 685551, Idukki DT., India. Tel. 0486-870290 (group dialing No. from Ernakulam Dist: 918)

    Cambio in indirizzi

    Provincia della Germania Superiore
    Comunidade Carmelitana, Cx. Postal 1251, Rua Omilio M. Soares 847, 80011-970 Curitiba, PR Brasile.

    Provincia Americana di S. Elia
    Mount Carmel Hermitage, R.R.1, Box 330C, Bolivar, Pennsylvania 15923, U.S.A. Tel. (724) 2380423.

    Nuovi numeri: telefono / fax

    Monache Carmelitane
    Carmelite Cloistered Nuns, Monastery of Our Lady of Mount Carmel, P.O. Box 2486, Machakos, Kenya. Tel & Fax: (+254) 145-20725

    Provincia di Rio de Janeiro
    Economo Provinciale, Comunidade Carmelitana, Rua Morais e Vale 111, Lapa, 20021-260 Rio de Janeiro, RJ, Brasile. Fax (021) 2247708

    Nuovi indirizzi di posta elettronica

    Provincia Italiana
    Campagna, Francesco 
    Castoro, Eliseo
    Zappatore, Lucio Maria 
    Santuario Maria SS.ma, Trapani
    <cmpciccio@libero.it>
    <castelis@libero.it>
    <zaplum@libero.it>
    <trapaniannunziata@libero.it>

    Famiglia Missionaria "Donum Dei"
    Travailleuses Missionaires, Domremy, Francia <t.m.domremy@wanadoo.fr>

    Provincia Irlandese
    Nolan, Simon <simonnolan@webworld.ie>

    Provincia Betica
    Osuna, Spagna <carmelosuna@hotmail.com>

    Monache Carmelitane
    Guiguinto, Filippine
    Siviglia, Spagna
    <CarmelGUI@digitelone.com>
    <ueio581556600@eurociber.es>

    Provincia Indonesiana
    Agung Wahyudianto, Augustinus 
    Mame, Paskalis 
    Pandiangan, Beslon Hilarius 
    <agungmax@hotmail.com>
    <paschal@catholic.org>
    <beslonp@hotmail.com>

    Curia Generalizia - Roma
    Murciano, Pedro <pmurciano@ocarm.org>

    Domus Carmelitana S. Alberto di Gerusalemme - Roma
    Domus Carmelitana, Roma <casa-s.alberto@libero.it>

    Provincia Arago-Valentina
    Aisa, Fructuoso
    Gómez, Carmelo
    Monreal Pujante, Jesús
    Comunità Carmelitana, Morovis
    <fructuosoaisa@wanadoo.es>
    <vcaminoz@planalfa.es>
    <monrealocarm@yahoo.com>
    <morovisocarm@prtc.net>

    Hermanas Carmelitas de Madre Candelaria
    Caracas, Venezuela <carmelitasmc@etheron.net>

    Provincia Irlandese
    Kelly, Des <dkelly56@yahoo.com>

    Provincia Americana del PCM
    Bacigalupo, Miguel
    Bombilla, Miguel Angel
    Crowley, Alan
    Llerena, Juan Carlos
    Ontiveros, Roy 
    Rivero, Eduardo
    <bacci_lupo@yahoo.com>
    <mbombilla@latinmail.com>
    <alancrowleyocarm@webtv.net>
    <jllerena@latinmail.com>
    <royontiveros@worldnet.att.net>
    <edurivero85@latinmail.com>

    Provincia Napoletana
    Pagliara, Cosimo <copagliara@libero.it>

    Centro Internazionale S. Alberto - Roma
    Waite, David
    Biblioteca carmelitana
    <dwaite@ocarm.org>
    <biblioteca@ocarm.org>

    Provincia della Germania Inferiore
    Rickelen, Lorenz van <brlorenz@uni-muenster.de>

    Provincia Americana di S. Elia
    Mount Carmel Retreat Center (Williamstown) <Mount_Carmel@mailcity.com>

    Provincia Olandese
    Buenafe, Christian
    Exala, Christopher
    Jaranilla, Cerineo T.
    Reforeal, Esmeraldo 
    <O.Carm-toots@mcc.cebu.amanet.net>
    <chex50@hotmail.com>
    <jaranilla@yahoo.com>
    <resmeraldo@yahoo.com>

    Hermanas de la Virgen María del Monte Carmelo
    Hermanas Carmelitas, Malang, Indonesia  <hcarmindo@telkom.net>

    (N.B. Per un elenco aggiornamento di tutti gli indirizzi e-mail carmelitani vedi pagina
    http://www.ocarm.org/citoc.news/emailadd.htm)

    Nuovi siti Web

    Santuario Parrocchia Maria SS.ma Annunziata, Trapani
    http://digilander.iol.it/trapaniannunziata/

    Karmel v Ceské republice
    http://www.karmel.cz

    Thérèse of Lisieux
    http://indigo.ie/~sttheres/

    Mount Carmel Retreat Center
    http://mount_carmel.tripod.com/index.htm
     

    VITA CARMELITANA

    Novizi

    11 Febbraio 2000
    Michael Mwale (Hib-Zim)
    Christopher Chifamba (Hib-Zim)
    Munyaradzi Tairowodza (Hib-Zim)

    Professione Semplice

    22 Gennaio 2000
    Amblisio Mapuranga (Hib-Zim)
    Abraham Thomas (Hib-Zim)
    Munashe Njombo (Hib-Zim)
    Dom. Tafadzwa Murenjekwa (Hib-Zim)
    Gabriel Farai Mandaza (Hib-Zim)
    Erasmus Masitera (Hib-Zim)

    26 Febbraio 2000
    Abel Augusto Galcerano (Cast-Arg)
    Eduardo Andrés Agosta (Cast-Arg)
    José Ernesto Torres (Cast-Arg)
    Atilio Rosales (Cast-Arg)

    25 Anni di Professione Semplice

    11 Giugno 2000
    Thomas Zalewski (SEL)

    29 Giugno 2000
    Rosalía de Jesús Leon García (SEV)

    50 Anni di Professione Semplice

    3 Maggio 2000
    Joseph (Leo.) Lütke Glanemann (GerS)

    16 Maggio 2000
    John (Francis) Hynes (Aust)
    Anne van Deelen (AMS)

    27 Maggio 2000
    M. Paola Basta (VET)

    4 Giugno 2000
    Eufrosina Hernandez Gonzalez (VAL)

    7 Giugno 2000
    M. Maddalena Damia Paciarini (CAE)

    Ordinazioni di Diaconi

    18 Dicembre 1999
    Jaison Kuthanapally (Indi)
    George Kattakayath (Indi)
    Philip Nirappel (Indi)
    Thomas Thalachira (Indi)
    Charles Kuzhinjalil (Indi)

    30 Gennaio 2000
    Agostinho Marques de Castro (Lus)

    29 Febbraio 2000
    Frasiskus Eli Heri Harianto (Indo)
    Agusto Sampaio da Costa (Indo)
    Lukas Jokoprasetyo (Indo)
    Agustinus Sutiono (Indo)
    Yohanes Don Bosco Djawa (Indo)
    Sixtus Leonard Berth Bhary (Indo)
    Raineldis Danrisman Sitanggang (Indo)
    Antonius Manik (Indo)
    Antonius Denny Sulistiono (Indo)
    Yosef Arnoldus Devanto (Indo)

    Ordinazioni Sacerdotali

    25 Marzo 2000
    Michelangelo Pellegrino (Neap)

    25 Anni di Ordinazione Sacerdotale

    4 Maggio 2000
    Helmut (Helmut) Janyga (GerI)

    17 Maggio 2000
    Robert Wolfe (PCM)

    24 Maggio 2000
    Gregory Klein (PCM)

    31 Maggio 2000
    Robert Boley (PCM)
    Michael O'Keefe (PCM)

    6 Giugno 2000
    Adam Rusek (Pol)

    28 Giugno 2000
    Manuel (Elías) Gonzalez Lopez (Arag)
    Ramón Gisbert Conejero (Arag)

    29 Giugno 2000
    Henricus Post (Neer)

    50 Anni di Ordinazione Sacerdotale

    18 Maggio 2000
    Vito (Alberto) Frappampina (Neap)

    6 Giugno 2000
    Philip Nessinger (PCM)
    John Fogarty (PCM)
    Gerald Heinen (PCM)
    Thomas Walsh (PCM)
    Stephen (Stanley) Kromer (PCM)
    Thomas Butler (PCM)

    Necrologio

    23 Dicembre 1999
    Matthias Geurts (Neer)

    27 Gennaio 2000
    Alice Cruz (PAR)

    14 Febbraio 2000
    Sixtus Scholtens (Neer)

    17 Febbraio 2000
    Nicola Marinangeli (Ita)

    28 Febbraio 2000
    Cirilo Alleman (Lus)

    10 Marzo 2000
    Giovanni Jascone (Ita)
     

    CARMELITANE NEL MONDO

    MONASTERO DELLA
    MADRE DI DIO E DEL CARMINE


    Indirizzo: C. Dr. Hysern, 19
    17820 Banyoles (Girona)
    Spagna.

    Diocesi: Girona
    Storia:
    La fondazione di questo monastero è una delle opere in cui la mano di Dio si vede chiaramente marcata. Si portò a termine senza mezzi materiali e appoggio di personaggi, da una semplice religiosa exclaustrata da uno dei monasteri carmelitani romani saccheggiati dalla massoneria durante il papato di Pio IX.

    La Madre fondatrice, Mª del Carmen de S. Juan de la Cruz, nacque a Barcellona (Spagna) il 12 ottobre 1819. Fu battezzata nella cattedrale col nome di Juana B. I suoi genitori furono Antonio de García, colonnello dell'esercito spagnolo, e María Martori. All'età di tre anni Juana perse sua madre e il padre la affidò alla cura di una sua sorella, religiosa carmelitana in un monastero di Roma. La bambina crebbe all'ombra di quelle sante mura, senza nessun affanno forche quello di essere tutta di Gesù.

    A quindici anni chiese d'indossare l'abito del Carmelo, ricevendo il nome di Sr. Mª del Carmen de San Juan de la Cruz. Coi tumulti e le perturbazioni politiche successi in Italia nel 1848, le monache furono disperse. Il Papa Pio IX autorizzò per iscritto le monache affinché fondassero monasteri del loro Ordine ovunque esse si trovassero. Sr. Mª del Carmen se ne andò a Barcellona (Spagna), dirigendosi alla provincia di Girona. Si incontrò ed ebbe un colloquio con Joaquín Masmitjá, Vicario Capitolare della diocesi, affinché le segnalasse il luogo adatto per una fondazione carmelitana. Il Vicario, che aveva già l'intenzione di fondare una Congregazione col nome del Cuore di María Vergine, le inviò ad Olot. Lì, per un periodo, si dedicò ad aiutare con grande dedizione la nuova Congregazione. Ma, seguendo il suo forte desiderio di fondare un monastero carmelitano, abbandonò la Congregazione ed accompagnata da Sr. Mª Dolores del Sagrado Corazón, si presentò al vescovo di Girona per chiedergli consiglio. Dopo alcuni falliti tentativi a Tordera e poi a Besalú, alle due religiose fu concesso di fondare un monastero a Banyoles, con la condizione di gestire una scuola per bambine, poiché le leggi civili di allora vietarono la fondazione di nuovi monasteri a meno che i religiosi non si dedicassero a fini d'utilità pubblica. Con questo impegno le due religiose furono ricevute dalle autorità e dal popolo di Banyoles molto bene.

    Nel 1860 si stabilirono all'Est di Banyoles, in una casa chiamata Hospital Vell, dove c'era una cappella dedicata a San Rocco. Nell'anno successivo professò la prima novizia, Sr. Dolores Mundet, la stessa religiosa che la accompagnò quando lasciò la Congregazione di Olot. Subito si unirono a loro altre giovani: Sr. Mª Serafina de San Eliseo e Sr. Mª Elías de San Angelo.

    Dopo alcuni anni di prova, nei quali rischiò perfino la fondazione, prese le difese il Canonico di Girona, Luis Puig de la Bellacasa, che ottenne per le religiose il permesso a favore delle due novizie il permesso di professare. Lo stesso Canonico offrì loro una casa con un piccolo orto la dove si trasferirono l'8 aprile 1867.

    Nel 1872 la comunità era formata da quattro monache. Per questo motivo il Vescovo di Girona, Constantino Bonet, le fece passare a clausura vescovile, dandole Costituzioni speciali che furono approvate dal Vescovo Tomás Sivilla. Da questo evento, sostenute da Mons. José Ferrer, le vocazioni aumentarono a tal punto che la chiesa e il monastero risultarono piccoli. Acquistati alcuni terreni, il 16 luglio 1884 fu benedetta la prima pietra e costruita l'attuale chiesa, la quale fu aperta al culto pubblico il 14 maggio 1887. Il monastero fu costruito negli anni successivi con il trasferimento definitivo delle monache il 15 luglio 1898.

    Nel giugno del 1907, dopo molte richieste ed attese, la comunità ricevette la lettera di aggregazione all'Ordine Carmelitano, come terzi regolari di clausura, perché così si richiese. Poi, nel 1951, il monastero passò a fare parte del Secondo Ordine, adottando la Regola di Sant'Alberto e le Costituzioni approvate dalla Congregazione per i Religiosi il 16 luglio 1935. A quel tempo, secondo una relazione della priora, Sr. Mª del Pilar de San Miguel, la comunità era formata da 23 monache professe, 11 coriste, 6 converse e 2 aspiranti.

    Nel 1960 fu celebrato il I° centenario di questo santo monastero. Nonostante la critica situazione economica del monastero, consigliate dal P. B. Xiberta (Cat), le monache hanno fatto come gli apostoli, e con fede hanno gettato la rete dalla parte Gesù. Una S. Messa celebrata il 14 settembre dal Priore Generale, P. Kilian Healy, fu la spilla d'oro del centenario.

    Attualmente la comunità è formata da 10 monache.
     
     

    130300