• Back to Index 
  • Email address 
  • Contact Webmaster 

  •  

    N. 3 – MAGGIO – GIUGNO 2001

    Edizione italiana
     

    SOMMARIO


    ATTIVITÀ DEI MEMBRI DEL CONSIGLIO GENERALE

    UNA LETTERA DEL PAPA AI CARMELITANI 

    LA FAMIGLIA CARMELITANA SI RADUNA ATTORNO AL SANTO PADRE 

    NOMINATI VESCOVO AUSILIARE E VICARIO GENERALE 

    DAL POSTULATORE GENERALE 

    INCONTRO INTERNAZIONALE DEI BIBLIOTECARI CARMELITANI 

    INCONTRO DEI SUPERIORI CARMELITANI DELLA REGIONE IBERICA 

    TRE BEATIFICAZIONI A MALTA

    L'ANNO MARIANO CARMELITANO IN AUSTRALIA 

    X° ANNIVERSARIO DELL’EREMO CARMELITANO DI CAPACCIO 

    MONACHE CARMELITANE 

    SUORE CARMELITANE MISSIONARIE DI S. TERESA DEL BAMBINO GESÙ

    SUORE CARMELITANE DI MADRE CANDELARIA 

    CONGRESSO INTERNAZIONALE DEL TERZ'ORDINE CARMELITANO 

    INCONTRI DEL LAICATO CARMELITANO 

    PUBBLICAZIONI CARMELITANE 

    BREVI NOTIZIE 

    AGGIORNAMENTO DEGLI INDIRIZZI E NUMERI TELEFONICI 

    VITA CARMELITANA 

     


     

    ATTIVITÀ DEI MEMBRI
    DEL CONSIGLIO GENERALE

    P. Joseph Chalmers, Priore Generale

    Ho concluso la mia ultima relazione annunciando la mia partenza per Burkina Faso in compagnia del P. Anthony Scerri. Siamo andati alla fine di febbraio 2001. Siamo lieti che la nuova comunità della Provincia Betica, assistita dalla Provincia Italiana, sia molto attiva. Un grazie va alle nostre sorelle della Famiglia Missionaria Donum Dei che aiutano molto in questa fondazione dei frati in Burkina Faso.

    Secondo le Costituzioni il Priore Generale deve presentare la sua relazione sei mesi prima del Capitolo Generale. Tale relazione è stata inviata a tutti i delegati del Capitolo Generale all'inizio di marzo. Spero che i Provinciali condividano i contenuti con tutti i frati della propria Provincia. E' stata piuttosto lunga ma include tutto il lavoro del Consiglio Generale svolto durante gli ultimi sei anni, così come alcune sfide che l'Ordine affronterà nei prossimi sei anni. Presumo che tutti i gremiali leggeranno la mia relazione prima del Capitolo Generale così che all'inizio io possa illustrarla brevemente.

    In seguito ho visitato la nostra nuova fondazione a Città del Messico. Questa seconda fondazione della Provincia PCM in Messico offre ai nostri candidati l'opportunità per ulteriori studi filosofici e teologici. Siamo stati benedetti con numerose vocazioni messicane ed in breve tempo questa casa potrebbe diventare troppo piccola per la comunità. Mi sono recato poi nel New Jersey negli Stati Uniti per ricevere i voti della comunità delle eremite (Hermits of Our Lady of Mount Carmel - Chester) che sono state incorporate all'Ordine con l'approvazione della Sacra Congregazione per gli Istituti della Vita Consacrata. Anche le due comunità di eremiti a Christoval e Lake Elmo (Stati Uniti) stanno chiedendo la loro incorporazione nell'Ordine.

    A metà marzo, il Consiglio Generale si è incontrato per una settimana e abbiamo esaminato il lavoro delle varie Commissioni Internazionali e programmato i prossimi incontri. Nel frattempo ho visitato il Biblicum per la presentazione e pubblicazione del libro del P. Craig Morrison (PCM) professore all'Istituto.

    Il 25 maggio sono stato molto contento di ricevere la lettera del Papa in occasione dell'Anno Mariano Carmelitano. Spero che l'abbiate letta. Il P. Camilo Maccise, Preposito Generale dei Carmelitani Scalzi, ed io, abbiamo scritto a Sua Santità per ringraziarlo del suo gesto. Auspichiamo di poter ringraziarlo personalmente durante l'udienza che la Famiglia Carmelitana avrà con il Papa il 12 settembre.

    All'inizio di aprile ho preso il volo per l'Australia per visitare le nostre comunità a Perth, Brisbane, Sydney e Melbourne, e presiedere il Capitolo Provinciale a metà maggio. Dopo molti anni senza una nuova vocazione, la Provincia ha uno studente professo semplice dalla Papua Nuova Guinea.

    Accompagnato dal P. Anthony Scerri, ho lasciato l'Australia verso l'Inghilterra. Da 14 al 21 maggio abbiamo avuto a Aylesford un incontro dei due Consigli Generali O.Carm-OCD. Durante la nostra permanenza avevamo l'intenzione di visitare Hulne, dove si trovano le rovine di una fondazione carmelitana del 1242. Sfortunatamente non è stato possibile poiché le rovine si trovano in una area preclusa a causa della malattia della mucca pazza. Comunque, siamo riusciti a visitare altri luoghi d'interesse carmelitano. Uno dei risultati di questo incontro è un'altra lettera dei due Generali in occasione dell'Anno Mariano. S'intitola "Con Maria, la Madre di Gesù" (Atti 1,14) e porta la data del 16 maggio, festa di S. Simon Stock. Spero che questa lettera venga pubblicata presto.

    Quando siamo ritornati a Roma, ho incontrato il Consiglio Generale per due giorni e poi sono partito per la riunione dei Superiori Generali circa il prossimo sinodo sulla figura del vescovo. Scrivo queste notizie prima della consacrazione episcopale del P. Filippo Iannone (Brun). Spero che il 26 maggio sarò presente a Napoli per questa grande festa.


    P. Anthony Scerri, Consigliere Generale

    Dal 25 febbraio al 1 marzo 2001 ho accompagnato il Priore Generale per una visita fraterna ai nostri frati e alle sorelle della Famiglia Missionaria Donum Dei (FMDD) in Burkina Faso. Il Priore Generale ha parlato alle comunità della FMDD a Ouagadougou e a Bobo Dioulasso.

    Alcuni aspiranti al Carmelo insieme al P. Francisco Daza (Baet)

    Durante la nostra permanenza abbiamo avuto incontri comunitari con i frati a Bobo Dioulasso. Attualmente la comunità include tre pre-novizi. In essa esiste uno spirito straordinario. Ogni religioso sta svolgendo un eccellente lavoro sia in comunità che nella diocesi. Un giorno, il vescovo, Mons. Anselme Sanon, ci ha invitati tutti per un pranzo e ha espresso il suo compiacimento per la presenza dei Carmelitani nella sua diocesi. Abbiamo anche visitato i sacerdoti che svolgano il loro ministero nella cattedrale, dove sono benevolmente accettati.

    Nelle due città di Ouagadougou e di Bobo Dioulasso ci sono aspiranti che desiderano abbracciare l'Ordine. La necessità più urgente della comunità è di iniziare la costruzione della casa per i pre-novizi e i novizi. La Provincia Betica sta per acquistare quattro ettari di terreno proprio per questo scopo. Attualmente i frati sono sistemati in una casa generosamente offerta dalle nostre sorelle della FMDD.

    Da 5 al 10 marzo 2001 i PP. Anton Beemsterboer (Provinciale della Germania Inferiore), Carlo Cicconetti (Provinciale dell'Italia), Jean Marie Dundji (Commissario del Congo) ed io, ci siamo incontrati nel Centro diocesano di Mbalmayo. Questo Centro è gestito dalle nostre sorelle della FMDD. A questo incontro è stato invitato anche il P. Francisco Daza (Baet), priore a Burkina Faso, ma a causa delle difficoltà per ottenere il visto e l'impossibilità di viaggiare, non ha potuto partecipare.

    A causa delle difficoltà politiche nella Repubblica Democratica del Congo è urgente la necessità di fondare al più presto una casa in Camerun:
    1) per i tre candidati dal Camerun che attualmente stanno facendo il loro noviziato nel Congo;
    2) per i tre pre-novizi dal Camerun che non sono riusciti ad entrare nel Congo e stanno aspettando d'iniziare il loro noviziato;
    3) per i tre pre-novizi congolesi di Kinshasa che non possono passare alla parte orientale del Congo per iniziare il loro noviziato.
    Di conseguenza abbiamo accettato una parrocchia offerta da Mons. Adalbert, vescovo di Mbalmayo, e anche comprato un pezzo di terreno a Yaounde, la capitale del Camerun, nei pressi dell'Università Cattolica ed dei collegi di teologia e di filosofia per i religiosi. La Provincia della Germania Inferiore ha generosamente assunto la responsabilità di questo progetto, mentre la Provincia Italiana e il Commissariato del Congo hanno munificamente accettato di provvedere il personale della parrocchia e la formazione. Accogliamo ben volentieri frati da altre Province che desiderano offrire la loro esperienza per aiutare questa missione.

    Per favore ricordate questa nostra fondazione in Africa nelle vostre preghiere e siate generosi.

    Durante la seconda metà di aprile e la prima settimana di maggio 2001, il Priore Generale, P. Joseph Chalmers, ed io, abbiamo visitato tutte le comunità carmelitane in Australia prima del Capitolo Provinciale che ha avuto luogo dal 7 all'11 maggio. In ogni casa il Priore Generale ha indirizzato la comunità ed ogni religioso della Provincia ha avuto l'occasione d'incontrarci individualmente. Le visite, in preparazione al Capitolo Provinciale, hanno avuto un buon esito.

    Il Capitolo si è svolto in un clima agevole, fraterno e devoto. Ogni giorno iniziava con la lectio divina ed ogni sessione con un momento di silenzio e una riflessione del Priore Generale o dai testi preparati dalla commissione preparatoria. Il tema generale del Capitolo è stato "Scegliere la vita" con sotto-temi sulla spiritualità, la comunità, il servizio e la direzione. Il Capitolo è parso ottimista, guardando al futuro in modo positivo. I seguenti religiosi sono stati eletti nella formazione del Consiglio Provinciale: P. Wayne Stanhope, Provinciale, e i PP. Paul Chandler, Laurie Timms, Jim Des Lauriers e David Hofman, Consiglieri.

    Il Capitolo ha preso una decisione molto importante, cioè quella di assumersi, come Provincia, la responsabilità della missione in Timor Loro Sae (Timor Est). Il progetto sarà portato avanti in collaborazione con la Provincia Indonesiana. Inoltre la Provincia ha preso l'impegno a favore delle vocazioni nell'area dell'Oceania.
     

    UNA LETTERA DEL PAPA
    AI CARMELITANI

    In una lettera del 25 marzo 2001, indirizzata a P. Joseph Chalmers, Priore Generale dei Carmelitani, e a P. Camilo Maccise, Preposito Generale dei Carmelitani Scalzi, Giovanni Paolo II ha espresso l’importanza della devozione alla Madonna attraverso l’uso dello Scapolare, confessando di indossare lui stesso questo segno di venerazione e di particolare fedeltà alla Madonna.

    Il messaggio loda la decisione dell’Ordine "nei suoi due rami, antico e riformato", di dedicare a Maria l’anno 2001, in coincidenza con il 750° anniversario della consegna dello Scapolare, definito "venerabile tradizione dell’Ordine stesso". Il patrimonio mariano del Carmelo è divenuto, nel tempo, "attraverso la diffusione della devozione del Santo Scapolare, un tesoro per tutta la Chiesa. Per la sua semplicità, per il suo valore antropologico e per il rapporto con il ruolo di Maria nei confronti della Chiesa e dell'umanità, questa devozione è stata profondamente e ampiamente recepita dal popolo di Dio, tanto da trovare espressione nella memoria del 16 luglio, presente nel calendario liturgico della Chiesa universale".

    Per quanto riguarda in modo specifico lo Scapolare, Giovanni Paolo II sottolinea che viene indos-sato non soltanto da lui ma anche da tanti semplici fedeli, per devozione a Maria, che in questo modo si trovano associati alla grande Famiglia Carmelitana. (Per l'intero testo della lettera vedi: http://www.ocarm.org/ita/gp2ita.htm)
     

    LA FAMIGLIA CARMELITANA SI RADUNA
    ATTORNO AL SANTO PADRE

    Tutti i membri del Carmelo: frati, monache, suore, terziari, membri delle Confraternite dello Scapolare e devoti della Madonna del Carmine sono invitati dal Priore Generale, P. Joseph Chalmers, e dal Preposito Generale, P. Camilo Maccise, a partecipare, il 12 settembre 2001, al raduno della Famiglia Carmelitana in Piazza S. Pietro per manifestare insieme la gioia e il ringraziamento a Maria per il dono dello Scapolare e al S. Padre per la sua recente Let-tera sulla devozione alla Madonna del Carmine.

    Il programma avrà inizio l'11 settembre alle ore 17.00 con una catechesi ed un incontro di preghiera per gruppi linguistici, seguito da una veglia mariana alle ore 20.00. Il Mercoledì 12 settembre, alle ore 8.00, incomincia l'ingresso delle Confraternite del Carmine e dei fedeli in Piazza S. Pietro per l'udienza del S. Padre, Giovanni Paolo II, l'incoronazione della statua della Madonna del Carmine e la benedizione papale.

    Per informazioni, prenotazioni e iscrizioni a questo raduno internazionale fare riferimento a "Opera Romana Pellegrinaggi", Piazza Pio XII, 9 - 00193 Città del Vaticano, Tel: 06.69885800, Fax: 06.69885673, E-mail: info@orpnet.org. Le iscrizioni definitive, con il pagamento della quota di iscrizione ed eventuali altri servizi, devono essere effettuate entro il 9 luglio 2001. Per maggiori informazioni, consultare il sito ufficiale dell'incontro http://digilander.iol.it/materdecorcarmeli.
     

    NOMINATI . . . . .

    SS. Giovanni Paolo II ha nominato il P. Filippo Iannone, O.Carm., religioso del Commissariato Generale La Vergine Bruna, Vescovo Ausiliare dell'Arcidiocesi di Napoli. La notizia della nomina è stata personalmente diffusa dall'Arcivescovo di Napoli, il Cardinale Michele Giordano, nel corso della Messa Crismale del Giovedì Santo.

    Il P. Filippo Iannone, 43 anni, nato a Napoli, dopo gli studi liceali è entrato nell'Ordine Carmelitano emettendo i voti semplici nel 1977. Nel 1982 è stato ordinato sacerdote. Dopo aver conseguito il Baccalaureato in Teologia si è trasferito a Roma, dove si è laureato in Utroque Iure presso la Pontificia Università Lateranense. Ha frequentato corsi di specializzazione presso le Congregazioni dei Sacramenti e dei Religiosi. Nel 1987 ha conseguito il diploma di Avvocato Rotale presso l'Apostolico Tribunale della S. Rota Romana. Il P. Iannone ha ricoperto diversi uffici nell'Arcidiocesi di Napoli e nell'Ordine Carmelitano, tra l'altro, docente di Diritto Canonico presso la Pontificia Facoltà teologica dell'Italia Meridionale, Vicario Giudiziale aggiunto presso il Tribunale Diocesano di Napoli, Pro Vicario Episcopale Generale, rappresentante legale, Economo provinciale e Consigliere del Commissariato La Vergine Bruna e membro della Commissione per la revisione delle Costituzioni del nostro Ordine.

    L'ordinazione episcopale di Mons. Filippo Iannone, vescovo titolare di Nebbi, è stata presieduta dal Cardinale Giordano nella chiesa cattedrale di Napoli, sabato 26 maggio 2001.

    Il 3 aprile 2001 P. Albert Brincat (Mel) è stato nominato Vicario Generale della Diocesi di Tarija, Bolivia, dove è presente da due anni. Prima dell'attuale esperienza in Bolivia, P. Albert ha svolto il suo ministero pastorale per ventuno anni in Colombia.

    Nato il 18 gennaio 1942, P. Brincat è entrato nell'Ordine Carmelitano nel 1957 e l'anno seguente ha emesso la Professione semplice. Dopo avere completato i suoi studi filosofici a Malta è stato inviato al Collegio Internazionale Sant'Alberto di Roma per intraprendere gli studi teologici. Il 3 aprile 1965 P. Albert è stato ordinato sacerdote. Negli anni successivi ha proseguito i suoi studi ottenendo la licenzia in teologia dalla Pontificia Università Lateranense. Dal 1967 al 1969 ha conseguito altri studi all'Istituto Pontificio Biblico.

    P. Albert Brincat è Vicario Generale insieme al P. Edward Vella, il primo religioso della Provincia Carmelitana Maltese arrivato in Bolivia nel 1956.
     

    DAL POSTULATORE GENERALE

    P. Felip Amenós, O.Carm.

    La causa del Beato Tito Brandsma sta seguendo il suo normale percorso. Il "sommario" e le "fattispecie" del processo sul presunto miracolo sono stati consegnati alla Congregazione per la revisione 14 mesi fa. Attualmente la documentazione si trova nuovamente in stampa per poter poi consegnarla ai medici e ai teologi. Non siamo in grado di stabilire quanto tempo sarà necessario. Per non creare false aspettative conviene aspettare i giudizi degli esperti. La provvidenza ci darà questa gioia al momento giusto.

    Francesca d'Amboise, duchessa della Bretagna (Francia), fondò il primo monastero femminile a Bondon. Per il suo influsso nella legislazione del monastero da lei fondato ed in altri monasteri francesi, essa è considerata fondatrice del Carmelo femminile in Francia. La sua fama di santità è molto viva in Bretagna. La chiamano "la santa duchessa". La Delegazione Generale di Francia sta studiando la possibilità di pubblicizzare la conoscenza della Beata Francesca in tutto l'Ordine, in vista di una possibile canonizzazione. Attualmente esistono alcuni depliant pubblicati da alcuni monasteri. Chiediamo la collaborazione di tutti per questo progetto, soprattutto preghiere per l'intercessione della Beata Francesca d'Amboise e di comunicare le grazie ottenute a questa postulazione per stabilire se sia il caso di presentare tale miracolo alla Congregazione per la canonizzazione della Beata. E' stata conclusa la redazione del "sommario", la biografia e la "informatio" del processo diocesano della Serva di Dio. La maggior parte del lavoro è stato redatto da Sr. Josefina Díaz e la Vicepostulatora Sr. Aurea Ferreira (HVMMC). La prima ha scritto la biografia della Serva di Dio mentre Sr Aurea si è incaricata del "sommario" che ordina tutta la documentazione del processo e le dichiarazioni dei testimoni. Due grandi volumi formeranno la "positio" o relazione che dovranno studiare gli esperti teologi e la commissione formata da vescovi e cardinali, prima che il Papa possa decretare l'eroicità delle sue virtù. Speriamo che il relatore della causa rediga la presentazione della "positio" quanto prima per poter poi consegnare tutto il lavoro alla tipografia. Si sta preparando l'apertura della Causa del Venerabile Giovanni di San Sansone. Recentemente ho avuto un incontro con il vescovo di Nantes per comunicargli il desiderio di un'apertura del processo diocesano a Nantes e di muovere in questa città gli studiosi degli scritti del venerabile Giovanni di San Sansone. A loro volta, tali studiosi, possono mostrare al tribunale la santità dello stesso. Ho visitato anche l'arcivescovo di Rennes per sollecitare la corrispondente autorizzazione affinché detto processo potesse aprirsi a Nantes, poiché secondo le norme della Santa Sede, l'apertura della causa dipende dall'ordinario del luogo dove morì il Venerabile, cioè a Rennes. Entrambi gli ordinari si sono mostrati unanimi e così si procederà all'apertura della causa di beatificazione di questa figura notevole dell'Ordine.
     

    INCONTRO INTERNAZIONALE
    DEI BIBLIOTECARI CARMELITANI

    Bibliotecari carmelitani provenienti da vari parti del mondo si sono recentemente incontrati a Whitefriars Hall, Washington, DC, Stati Uniti, per discutere progetti comuni e coordinare le risorse carmelitane presenti nelle diverse Province dell'Ordine. L'incontro è stato convocato per i giorni 4 - 6 aprile 2001 dal P. Richard Copsey (Brit), Delegato Generale per la Cultura. Hanno partecipato bibliotecari dall'Italia, Stati Uniti, Inghilterra, Olanda, Australia, India e Zimbabwe, e fra i quattordici rappresentanti c'erano due laici che prestano il loro servizio presso le nostre biblioteche di Aylesford (Inghilterra) e di Washington.

    Durante il convegno, oltre alla presentazione delle varie raccolte di libri carmelitani e sugli Istituti, i presenti hanno avuto dei suggerimenti da esperti di computer sull'uso dei cataloghi librari, sulla conservazione dei libri e come inserire in rete i nostri attuali sistemi di computer. Il mattino del secondo giorno è stato dedicato ad una visita al National Gallery di Washington dove hanno mostrato la loro enorme raccolta di diapositive e testi rari.

    Durante questi giorni sono stati discussi i seguenti argomenti:

    1. La compiuterizzazione di tutti i cataloghi dei libri carmelitani. Il catalogo dei libri carmelitani a Washington è stato già digitato e sarà in funzione a breve. La tappa successiva sarà di collegare i cataloghi delle nostre raccolte librarie carmelitane principali alla biblioteca di Roma, utilizzando un sistema compatibile. Per questo lavoro sono state nominate alcune persone per l'attivazione del sistema adatto da adoperare.
    2. Il P. Patrick McMahon (PCM) e la Sig.ra Patricia O'Callaghan, che lavorano alla biblioteca di Washington, hanno incominciato a fotografare digitalmente alcuni libri carmelitani più antichi e registrarli su CD-Rom. Molti dei nostri libri più antichi sono divenuti rari e anche quando copie di seconda mano sono disponibili, i prezzi sono veramente esosi. Una edizione del XVII secolo della vita di Santa Teresa d'Avila è attualmente disponibile su un CD-Rom e una copia digitale dei quattro volumi dello Speculum Carmelitanum (1680) è stata completata poco prima dell'incontro e si trova su due CD-Rom. L'idea di trasferire tali opere su CD-Rom è vantaggiosa sia per le nuove biblioteche carmelitane e sia per le biblioteche accademiche più grandi del mondo. Inoltre, le nostre biblioteche carmelitane potrebbero approfittare di questo progetto per una migliore conservazione dei testi più antichi e rari della raccolta e gli studiosi userebbero la copia su CD-Rom.
    3. In realtà molti testi carmelitani antichi già si trovano su CD-Rom. Il P. Richard Copsey ha distribuito un disco, in versione provvisoria, con una raccolta di oltre 100 testi originali, insieme ad una cinquantina di testi tradotti in inglese. Il P. Antonio Ruiz (Baet) ha fatto riferimento ad un lavoro simile che sta svolgendo a Roma, cioè trasferire i documenti ufficiali dell'Ordine, come gli Atti dei Capitoli Generali, le Costituzioni e i Bullarium, su CD-Rom.
    4. A Washington un gruppo di Carmelitani sta studiando la possibilità di trasferire la bibliografia annuale carmelitana in un programma database per la distribuzione su CD-Rom. La bibliografia annuale è pubblicata da oltre 50 anni e quindi potendo trasferire il tutto su CD-Rom faciliterebbe la consultazione. Si spera che il trasferimento dei contenuti inizi presto.
    Durante l'incontro sono state discusse proposte per rivitalizzare i nostri Istituti, per assicurare che copie doppie di testi carmelitani siano disponibili per le Province di ricente formazione, e per la formazione di una organizzazione di contatto che faciliti la collaborazione tra le biblioteche carmelitane.

    Un secondo incontro è programmato per la seconda settimana di Pasqua 2003.
     

    INCONTRO DEI SUPERIORI CARMELITANI
    DELLA REGIONE IBERICA

    Il 3 aprile 2001 ha avuto luogo nella Curia Generalizia delle Suore della Vergine Maria del Monte Carmelo (HVMMC) a Madrid (Spagna) l'incontro del Gruppo Misto Coordinatore e la Conferenza dei Provinciali della Regione Iberica. Hanno partecipato due Superiore Generali, Sr. Encarnación Flórez González (HCSCJ), Presidente del Gruppo Misto Coordinatore, e Sr. María del Carmen Aparicio Personal (HVMMC) e i Provinciali P. Luis Gallardo Ganuza (Arag), Presidente della Conferenza dei Provinciali, P. Rafael Leiva Sánchez (Baet), Segretario della Regione Iberica, P. Manuel Bonilla Gutiérrez (Cat), P. Juan de Dios Sanz (Cast) e P. Henrique Martins (Lus). Erano assenti le tre monache delle tre federazioni: Sr. Mª de Cristo Rey Mora Pérez (Mater et Decor Carmeli), Sr. Elena María Samper Samper (Mater Unitatis) e Sr. Josepa Francesca Castells i Camins (Verge Flos del Carmel).

    Ordine del giorno:
    1. Relazioni delle varie commissioni

    2. Altri argomenti Consegna del poster commemorativo che i due Ordini del Carmelo, O.Carm - OCD, hanno preparato per il 750° anniversario dello Scapolare; Guida del Carmelo Iberico O.Carm - OCD che sarà in stampa tra poco; VIII° Incontro della Famiglia Carmelitana a Siviglia, dal 27 al 30 giugno 2001.
    TRE BEATIFICAZIONI
    A MALTA

    Davanti a 150 mila fedeli (quasi la metà dell'intera popolazione maltese) il 9 maggio 2001, Giovanni Paolo II ha elevato agli onori degli altari tre testimoni della fede. Essi sono il terziario carmelitano Giorgio Preca, grande apostolo del laicato, la religiosa benedettina Maria Adeodata Pisani, esempio di preghiera e contemplazione, ed il chierico Ignazio Falzon, catechista pioniere del dialogo ecumenico. Originariamente ci doveva essere una sola beatificazione ma il 24 aprile il Papa ha firmato i decreti delle virtù eroiche di 52 Servi di Dio e Beati, tra i quali dei maltesi suor Adeodata e del chierico Ignazio. Dalla Curia Generalizia hanno partecipato alla beatificazione i PP. Tarcisio Gotay Figardo, Delegato del Priore Generale, Alexander Vella, Consigliere Generale, Felip Amenós, Postulatore Generale, e Anthony Cilia, Direttore del CITOC.

    B. Ignazio Falzon, B. Giorgio Preca, B. M. Adeodata Pisani

    "Non c'è nessun membro della Chiesa che non debba qualche cosa al Carmelo" afferma il monaco Trappista Thomas Merton. E questo si verifica non soltanto con il Beato Giorgio Preca (del quale abbiamo parlato nei numeri precedenti di CITOC), ma in qualche modo anche con la Beata Adeodata e il Beato Ignazio.

    La Beata Maria Adeodata Pisani nacque a Napoli (Italia) il 29 dicembre 1806 dal Barone maltese Pisani. Fu cresciuta ed educata dalla nonna paterna e, all'età di 10 anni, quando questa morì, fu messa in un collegio, dove ricevette una buona educazione cristiana. All'età di 19 anni si recò a Malta, dove dopo tre anni, il 16 luglio, festa della Madonna del Carmine, fece il suo ingresso nel monastero delle suore Benedettine a Mdina, affidando la sua vita religiosa a Maria. Dopo un anno di noviziato, l'8 marzo 1830 professò solennemente. Una volta inserita pienamente nella comunità, continuò a condurre la sua vita di umiltà e di sacrificio. Anche se non cercò mai uffici, nel corso dei 25 anni seguenti fu incaricata sacrestana, infermiera, maestra delle novizie e abbadessa. A causa delle sue condizioni di salute morì il 25 febbraio 1855.

    Il Beato Ignazio Falzon nacque a Valletta il 1° luglio 1813. All'età di 15 anni vestì l'abito clericale e a 20 anni divenne dottore in legge civile e canonico. Sentendosene indegno, non esercitò mai la profes-sione forense, né mai accettò l'ordinazione presbiterale. L'adorazione eucaristica e la meditazione furono il suo nutrimento spirituale e il sostegno del suo particolare apostolato. Il Beato Ignazio Falzon è famoso per lo speciale ambiente, nel quale svolse il suo apostolato e offrì la sua testimonianza: tra i militari della numerosa guarnigione britannica di stanza in Valletta (negli anni di Guerra di Crimea, 1853-1856, i soldati britannici presenti in Malta erano circa 20.000). Iniziò con organizzare preghiere e lezioni di catechismo per i cattolici. Stringendo, poi, amicizia, con i loro commilitoni non cattolici ed anche non cristiani, ne attirò molti verso la fede cattolica. I documenti parlano di oltre 600 conversioni. Per questo fatto è considerato pioniere e campione del dialogo ecumenico. Morì all'età di 52 anni, il giorno del suo compleanno, il 1° luglio 1865.

    Data l'improvvisa inserzione nel programma di beatificazione, la devozione di questi due nuovi beati alla Madonna del Carmine non è ancora ben definita. Malgrado ciò, alcuni documenti mostrano come il Beato Ignazio Falzon associò al Carmelo, tramite lo Scapolare, molti dei fedeli convertiti. Alcuni testimoni sottolineano che il Beato visitava frequentemente il santuario della Madonna del Carmine di Valletta. Ancora non sappiamo dove e quando il Beato Ignazio Falzon fosse stato associato all'abitino del Carmine, ma il fatto che indossasse lo Scapolare ed incoraggiasse altri a tale devozione, non lasciano nessun dubbio della sua iscrizione e del suo profondo amore alla Madre del Carmelo. Secondo Mons. Philip Calleja, postulatore della causa, una delle reliquie del Beato attraverso la quale molti fedeli stanno ottenendo inspiegabili prodigi è proprio lo Scapolare del Carmine che aveva nelle mani il Beato Ignazio Falzon dopo la morte. Sembra che attualmente questa reliquia si trovi presso alcuni emigranti maltesi negli Stati Uniti e che venga scambiata da una famiglia all'altra con grande fede e venerazione.
     

    L'ANNO MARIANO CARMELITANO
    IN AUSTRALIA

    La Provincia Australiana ha preparato il seguente programma per l'Anno Mariano Carmelitano:

    24 febbraio - Convento di Kew: Messa d'apertura.
    9-12 marzo - Whitefriars Park, Donvale: Un ritiro spirituale "Maria e la spiritualità carmelitana" dal P. Michael Brundell (Aust).
    24 aprile - Parrocchia Madonna del Carmine, Coorparoo: Eucaristia mariana "Maria e la libertà" presieduta dal P. Joseph Chalmers, Priore Generale.
    28 aprile - Parrocchia Madonna del Carmine, Wentworthville: Celebrazione mariana presieduta dal P. Joseph Chalmers.
    5 maggio - Santuario Nazionale della Madonna del Carmine, Middle Park: Riflessioni sulla spiritualità mariana dal P. Joseph Chalmers.
    24 maggio - Parrocchia Madonna del Carmine, Coorparoo: Festa di Maria Ausiliatrice - Preghiera serale e una riflessione dal Dr Kevin Treston su "La spiritualità del lavoro".
    21 giugno - Parrocchia Madonna del Carmine, Coorparoo: Preghiera serale e una riflessione dal Fr. Pat Mullins (Hib) su "La spiritualità della disposizione d'animo".
    Giugno-luglio - Una serie di conferenze sulla spiritualità mariana contemporanea di Sr. Maryanne Confoy, RSC, P. Richard Leonard, SJ, P. Michael Brundell e Clare Renkin.
    8-16 luglio - Novena in preparazione alla Festa della Madonna del Carmine.
    15 luglio - La Messa delle Mamme: Santuario Nazionale della Madonna del Carmine, Middle Park.
    16 luglio - Messa solenne della Madonna del Carmine, Goonellabah.
    8 settembre - Giorno di riflessione per la Famiglia Carmelitana, Donvale.
    8 dicembre - Riflessione ed Eucaristia di chiusura dell'Anno Mariano, Middle Park.  
    X° ANNIVERSARIO
    DELL’EREMO CARMELITANO DI CAPACCIO

    Il 23 marzo 2001 è stato ricordato il 10° anniversario dell'inaugurazione dell’eremo carmelitano che la Provincia Napoletana gestisce nel comune di Capaccio (Salerno). L'eremo si erige presso il cenobio che sorge sulle pendici del Monte Calpazio, attiguo all’antica cattedrale del X° secolo ed attualmente conosciuta come Santuario Mariano Diocesano con il titolo di Madonna del Granato.

    La ricorrenza è stata celebrata con una giornata di preghiera in comunione a numerosi religiosi, sacerdoti e laici. Hanno partecipato alla concelebrazione il P. Nicola M. Barbarello, Provinciale, una decina di confratelli ed alcuni parroci della zona. Dopo la celebrazione eucaristica è seguito il pasto nel refettorio. Nel pomeriggio un folto gruppo di fedeli e devoti della Madonna del Granato, si è unito all’eremita carmelitano, il P. Domenico Fiore (Neap), in una fervorosa preghiera di ringraziamento al Signore per tutte le grazie e benedizioni concesse lungo tutto questo arco di tempo.

    L'eremo carmelitano di Capaccio è nato in seguito ad un incontro tra il Vescovo di Vallo della Lucania (SA), Mons. Giuseppe Rocco Favale, ed il Provinciale del tempo, P. Lucio M. Renna, ora Vescovo di Avezzano (AQ). In tale colloquio i due superiori si accordarono di affidare la direzione del Santuario Mariano e dell'eremo al P. Domenico. Da allora, in questi dieci anni, l’eremo ha ospitato per una giornata di ritiro numerosi gruppi parrocchiali di varie provenienze, e per alcuni giorni sacerdoti e seminaristi per fare esperienza di "deserto", o giovani in ricerca vocazionale. Il P. Domenico desidera mettersi in contatto con altri Carmelitani che hanno lo stesso stile di vita. Il suo sito web e indirizzo elettronico sono: http://www.ocarm.org/madonnadelgranato, madonnadelgranato@libero.it
     

    MONACHE CARMELITANE

    Durante la S. Messa presieduta da Mons. Julito B. Cortes

    Il 6 marzo 2001, Mons. Julito B. Cortes, Amministratore Diocesa-no di Dumaguete, ha inviato una lettera (# 157/22/01) a tutti i sacerdoti e i religiosi della dio-cesi circa il 750° anniversario dello Scapolare del Carmine. Nella lettera, dopo aver ricorda-to questo avvenimento, Mons. Cortes ha espresso il desiderio della diocesi di unirsi con gioia alla Famiglia Carmelitana Inter-nazionale nel celebrare l'Anno Mariano. Prima di presentare una breve catechesi sullo Scapolare l'Amministratore Diocesano ha comunicato la decisione di dedicare la cappella del monastero carmelitano di "Nuestra Señora de los Maravillas y San José" come meta di pellegrinaggio per quest'anno e ha sollecitato che il contenuto della lettera venga comunicato nelle omelie o conferenze affinché i fedeli della diocesi sappiano e ottengano i benefici che acquistano dalla devozione dello Scapolare del Carmine. Il 25 marzo 2001, giorno nel quale Giovanni Paolo II ha pubblicato la lettera circa lo Scapolare, Mons. Cortes ha inaugurato l'Anno Mariano con una Messa solenne nella cappella delle monache carmelitane.

    Il 16 marzo 2001, nel monastero "S. Croce di Lucca", si è celebrato il Capitolo triennale delle carmelitane. Le elezioni, presieduti dal Commissario Generale de "La Vergine Bruna", P. Luigi Nasta, hanno avuto questo esito:
    Priora: Sr. Maria Coppola
    Consigliera: Sr. M. Maddalena Pepe
    Consigliera: Sr. M. Carmela Massaro
     

    SUORE CARMELITANE MISSIONARIE DI
    S. TERESA DEL BAMBINO GESÙ

    Nel pomeriggio di sabato 21 aprile 2001, le Suore Carmelitane Missionarie di S. Teresa del Bambino Gesù (SCMTBG), insieme alla comunità parrocchiale di Fregene (Roma), hanno celebrato la benedizione dei nuovi ambienti della Casa Famiglia "Maria Andriani Aprosio". La cerimonia è iniziata con la Messa presieduta dal Parroco di Fregene nella chiesa parrocchiale e animata dalle ragazze ospiti nella Casa Famiglia. Dopo, i presenti sono passati nella casa dove ha avuto luogo la benedizione e l’inaugurazione degli ambienti ristrutturati e rinnovati. Si sono ricavate delle stanzette biposto con bagno, al fine di dare un’accoglienza più dignitosa alle ragazze che vengono affidate alle suore. La cerimonia si è conclusa con un'agape fraterna. Per l'occasione erano anche presenti diverse personalità e amici, tra i quali, il Sindaco, le assistenti sociali del Comune di Fiumicino e i responsabili di "pronto intervento" del Comune di Roma. Le ragazze attualmente accolte, oltre che dall’Italia, provengono dalla Romania, Albania, Cina e Moldavia. Mercoledì 25 aprile 2001, nella Basilica del Carmine Maggiore a Napoli, le suore carmelitane (SCMTBG), insieme ai frati carmelitani del Commissariato Generale "La Vergine Bruna" e la comunità parrocchiale, hanno ringraziato il Signore per i 50 anni di presenza e di collaborazione delle suore con i frati. I vari momenti della celebrazione eucaristica, presieduta dal P. Luigi Nasta, Commissario Generale, e concelebrata da altri confratelli, hanno riportato alla memoria dei tanti presenti le origini e le motivazioni che nel 1951 hanno indotto Madre Crocifissa e Padre Lorenzo ad accettare la richiesta del P. Pier Tommaso Matarrelli (Brun) che chiedeva la collaborazione delle suore per il servizio della cucina ai frati, per l’apostolato con il laboratorio di taglio e cucito, la scuola materna e la collaborazione parrocchiale nella catechesi e la pastorale con la gioventù. Nell’omelia P. Luigi ha sottolineato la dimensione missionaria di Madre Crocifissa, la fondatrice delle suore, attualmente resa più concreta con la presenza nel Commissariato di giovani tanzaniani che hanno iniziato la loro formazione carmelitana e sacerdotale, per poi essere missionari nella loro terra. Tutto questo è possibile grazie alla collaborazione delle suore già presenti in Tanzania dal 1984.
     

    SUORE CARMELITANE DI
    MADRE CANDELARIA

    Con la celebrazione di una S. Messa, il 25 marzo 2001, la Congregazione delle Hermanas Carmelitas de Madre Candelaria ha dato inizio alle varie attività in occasione del I° centenario dalla sua fondazione nel 1903. Gli ispiratori della congregazione furono la Madre Candelaria di S. José e Mons. Sixto Sosa. Il carisma impresso nelle loro seguaci è quello carmelitano, cioè, di vivere alla presenza di Dio in un atteggiamento di preghiera, dando testimonianza di carità fraterna, fede e speranza, aperte al servizio dei più bisognosi. Attualmente la Congregazione è formata da una ottantina di religiose in tredici case in Venezuela e una casa in Porto Rico.

    Il programma celebrativo, esteso su tre anni, è indirizzato sia ad intra che ad extra della congregazione. Per le religiose sono progettati incontri, studi e corsi di approfondimento del carisma dei fondatori insieme ad un rinnovato impegno nella vita spirituale, pastorale e vocazionale. Per i fedeli, tra i quali le suore di Madre Candelaria operano, sono proposte la propagazione e la divulgazione della vita e delle virtù dei fondatori tramite pubblicazioni, presentazioni e mostre.
     

    CONGRESSO INTERNAZIONALE
    DEL TERZ'ORDINE CARMELITANO

    Dal 1 al 5 maggio 2001, presso il centro Il Carmelo di Sassone (Roma), si è tenuto il Congresso Internazionale del Terz'Ordine Carmelitano. Circa cento terziari, in rappresentanza delle diverse decine di migliaia di fratelli e sorelle e degli assai più numerosi laici in vario modo aggregati alla Famiglia Carmelitana, si sono ritrovati per conoscersi e scambiarsi idee sulla propria vita e attività apostolica. Hanno partecipato al congresso anche alcuni assistenti spirituali, frati e suore carmelitani.

    Ha aperto la riflessione la conferenza su "Laicato e secolarità" del Dr. Pinharanda Gomes (Portogallo), il quale ha ricapitolato quanto affermato negli ultimi anni dai documenti del magistero e quanto realizzato dall'esperienza ecclesiale. Il Sig. Tom Zeitvogel (Stati Uniti) ha proseguito presentando le principali sfide a cui i membri del Terz'Ordine Carmelitano dovranno dare risposta nei prossimi anni. L'assemblea ha poi ascoltato la presentazione dal P. Felip Amenós, Postulatore Generale, sui numerosi esempi di Carmelitani, anche laici, distinti per santità di vita. Infine, il P. Tarsicio M. Gotay, Delegato Generale per il Laicato, ha illustrato il cammino fatto per la revisione della Regola del Terz'Ordine Carmelitano.

    La varietà delle provenienze geografiche è stata assai ampia: erano rappresentati tutti i continenti ed è stato interessante vedere che, anche in aree emergenti dal punto di vista ecclesiale, stanno maturando esperienze di grande ricchezza e potenzialità. L'incontro ha aumentato nei presenti il senso d'appartenenza alla grande Famiglia del Carmelo e la certezza di partecipare attivamente a formarne la ricchezza spirituale.
     

    INCONTRI DEL
    LAICATO CARMELITANO

    Il 28 aprile 2001 si è svolto il XIV° Incontro della Famiglia Carmelitana a Paradas (Siviglia). Questi incontri di spiritualità carmelitana si celebrano annualmente in un luogo diverso. Quest'anno è stato scelto il paese sivigliano di Paradas dove si trova una comunità di Suore della Vergine Maria del Monte Carmelo (HVMMC) che gestisce un ospizio e dove esiste anche un gruppo di laici carmelitani. La gente di Paradas professa una grande devozione alla Madonna del Carmine da molti anni. Ha partecipato all'incontro il Parroco della parrocchia di San Eutropio, Rev. José María Guzmán Sánchez de Alva, numerosi religiosi della Provincia, sacerdoti diocesani, suore carmelitane (HVMMC) e circa 400 laici carmelitani provenienti dall'Andalusia, La Mancha e Madrid. Per l'occasione il P. Ismael Martínez Carretero ha preparato un opuscolo storico di Paradas e della presenza carmelitana nel paese. In questo Anno Mariano, in occasione del 750º Anniversario dalla consegna dello Scapolare, il P. Jaime Andrade Bermudo (Baet) ha comunicato ai presenti "La dottrina mariana nel Carmelo". L'Eucaristia è stata presieduta dal P. Rafael Leiva Sánchez, Provinciale, è seguita una festa fraterna. Il XIV° Congresso del Carmelo Secolare sarà celebrato dall'8 al 10 giugno 2001 nella casa El Carmen di Onda (Castellón). Il programma del congresso avrà vari momenti di preghiera, di riflessione e di fraternità in gruppi e in assemblee generali. I relatori partecipanti saranno il P. Luis Gallardo: "Madre e bellezza del Carmelo" e il P. Rafael Ma. López-Melus: "La Madonna del Carmine nella vita dei santi". Per ulteriori informazioni contattare: PP. Carmelitas, "El Carmen", Apartado 53, 12200 Onda (Castellón), Spagna. Tel: 964-601394. Il Congresso Nazionale del Laicato Carmelitano americano si terrà dal 13 al 14 luglio 2001 nel Carmelite Spiritual Center a Darien. Il tema centrale è "Lo Scapolare della Madonna del Carmine". La sera del 13 luglio una celebrazione eucaristica, presieduta da Mons. Joseph Imesch, vescovo della Diocesi di Joliet, inaugurerà il Congresso. Il giorno seguente sarà completamente dedicato alle conferenze e all'approfondimento del significato dello Scapolare, come simbolo della relazione amorosa tra Maria e i Carmelitani. Il P. Joseph Chalmers, Priore Generale, presenterà "Il futuro del nostro passato: Lo Scapolare per il Terzo Millennio", il P. Patrick McMahon (PCM) e il P. Sam Anthony Morello, OCD, parleranno su "La storia e l'eredità dello Scapolare", il P. David Blanchard (PCM) offrirà una riflessione su i "Sacramentali: Tenendo la fede". Ulteriori informazioni sul Congresso sono disponibili dal Carmelite Spiritual Center in Darien, IL, USA. Tel: 630-9694141.
     

    PUBBLICAZIONI CARMELITANE

    Libri:

    1° Convegno di Studio per Laici,
    "Madre Crocifissa e il Carmelo: una proposta per il nuovo millennio", Suore Carmelitane Missionarie di S. Teresa del Bambino Gesù, Santa Marinella, 2001, pp. 70. (E-mail: carm.miss.stbg@mclink.it)

    AA.VV.,
    "Search and you will find" - Prayers, Reflections & Readings, (with collaboration of Fr. Michael Brundell, O.Carm.), Catholic Adult Education, Brisbane, 1998, pp. 112

    A Time to Rejoice - Lent 2000,
    (with collaboration of Fr. Michael Brundell, O.Carm.), Catholic Adult Education, Brisbane, 2000, pp. 48. (E-mail: ocarmprov@ie.net.au)

    Ausbildung im Karmel - Ein Weg der Umformung,
    (Ratio Institutionis Vitae Carmelitanae), Deutsche Ausgabe herausgegeben von den Provinzialaten der Oberdeutschen und der Niederdeutschen Provinz der Karmeliten, Bamberg/Essen, 2001, pp. 166. (E-mail: ba3531@bnv-bamberg.de)

    BLOMMESTIJN, Hein; HULS, Jos; WAAIJMAN, Kees,
    The Footprints of love - John of the Cross as Guide in the Wilderness, (translated by John Vriend), Peeters, 2000, pp. 211. (E-mail: Hein.Blommestijn@tbi.kun.nl / Jos.Huls@tbi.kun.nl / K.Waaijman@theo.kun.nl). Ascoltando le storie e le disavventure di numerose persone del suo tempo, Giovanni della Croce divenne un insegnante mistico esperto che presenta la spiritualità carmelitana come una "scuola d'amore". Questo libro contiene una raccolta di osservazioni della logica di questo amore divino, un amore che ci trasforma in veri innamorati. Nel presentare i loro studi gli autori si sono accostati ai quattro grandi commentari di Giovanni della Croce ed una delle sue poesie.

    Direttorju tal-Provincja Karmelitana Maltija,
    Segreterija Provincjali, Fgura, 2001, pp. 48 (E-mail: carmmlt@mail.global.net.mt)

    GUITERAS VILANOVA, Joan,
    María Cristina de la Eucaristía Alonso Alonso, Monasterio de la Encarnación, Barcelona, 2000, pp. 112. (E-mail: mabonillagu@airtel.net)

    In preghiera con Maria, madre e bellezza del Carmelo
    - Sussidio liturgico-celebrativo in onore della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, Centro Stampa Carmelitana, Roma, 2001, pp. 176. (E-mail: carmel@mclink.it)

    JOANNES PAULUS II,
    Letter of His Holiness Pope John Paul II on the Occasion of the Carmelite Marian Year;
    Carta de Su Santidad Juan Pablo II con ocasión del Año Mariano Carmelita;
    Lettera di Sua Santità Giovanni Paolo II in occasione dell'Anno Mariano Carmelitano;
    Brief des Heiligen Vaters Johannes Paulus II zum Marianischen Jahr des Karmel;
    Carta de Sua Santidade João Paulo II por ocasião Ano Mariano Carmelita;
    Vatican, 25 Marzo 2001, pp. 7. (E-mail: edizioni@ocarm.org)
    Carta del Papa Joan Pau II als Carmelites, amb motiu del 750è Aniversari de l'Escapulari del Carme. (E-mail: mabonillagu@airtel.net)

    JOANNES PAULUS II,
    . . . con la Vergine Maria dinanzi agli occhi del cuore - Lettera del Santo Padre Giovanni Paolo II in occasione dell'Anno Mariano Carmelitano, Centro Stampa Carmelitana, Roma, 2001, pp. 24. (E-mail: carmel@mclink.it)

    KOSASIH, Franciscus, O.Carm.,
    The Prophetic Dimension of the Carmelite Charism, (Vacare Deo 15), Edizioni Carmelitane, Roma, 2001, pp. 260. (E-mail: edizioni@ocarm.org)

    LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, carmelita,
    El Escapulario del Carmen, Vol. I, AMACAR, Onda, 2001, pp. 248. (E-mail: vcarmeno@planalfa.es). In 17 capitoli vengono sinteticamente presentati: (a) la teologia dello Scapolare, cioè, la dottrina fondamentale della Chiesa sulla quale si basa; (b) la storia di questa donazione mariana: origine ed evoluzione, fino ad arrivare ad essere, nelle parole del cardinale Gomá: "la devozione a Maria più estesa"; (c) la devozione che il popolo cristiano (papi, santi, letterati, ecc.) ha reso a questa Madre e Bellezza del Carmelo.

    LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, carmelita,
    Santos que amaron a la Virgen del Carmen, Vol. II, AMACAR, Onda, 2001, pp. 304. (E-mail: vcarmeno@planalfa.es). In quattro volumi vengono trattati l'insegnamento e la devozione di numerosi santi e beati verso la Madonna del Carmine e lo Scapolare: Vol. II - La vita di 30 uomini; Vol. III - La vita di 30 donne; Vol. IV - La vita di 42 Pontefici, iniziando da Innocenzo III (+ 1216) e arriva fino al papa presente (sottolineando il messaggio dei papi del XX° secolo); Vol. V - Nella prima parte presenta la vita di 8 santi o beati vescovi, mentre nella seconda presenta l'insegnamento di molti vescovi provenienti da tutto il mondo che negli anni 1950-1951 hanno commentato la Lettera Apostolica di Pio XII, Neminem profecto latet, circa lo Scapolare del Carmine.

    LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, carmelita,
    Santos que amaron a la Virgen del Carmen, Vol. III, AMACAR, Onda, 2001, pp. 271. (E-mail: vcarmeno@planalfa.es)

    LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, carmelita,
    Papas que amaron a la Virgen del Carmen, Vol. IV, AMACAR, Onda, 2001, pp. 246. (E-mail: vcarmeno@planalfa.es)

    LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, carmelita,
    ¡Vestid el Escapulario!, dicen los obispos, Vol. V, AMACAR, Onda, 2001, pp. 286. (E-mail: vcarmeno@planalfa.es)

    LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, carmelita,
    La Virgen del Carmen, la devoción popular, Vol. VI, AMACAR, Onda, 2001, pp. 224. (E-mail: vcarmeno@planalfa.es). L'ultimo libro della collana tratta cinque argomenti: 1) Una visione panoramica, in stile giornalistico, sul significato della devozione verso lo Scapolare per i cristiani di ieri e di oggi. 2) Storia e spiegazione del Flos Carmeli, la preghiera che secondo la tradizione S. Simone Stock stava recitando quando ricevette lo Scapolare dalla Vergine nel 1251. 3) Un panorama sull'origine e l'evoluzione di questa devozione fino ai nostri giorni. 4) Testimonianze scritte da santi, papi, vescovi, letterati ed autori cristiani sul Vestito di Maria. 5) Un ricordo della Madonna del Carmine come Stella Maris e Patrona della gente del mare.

    MESTERS, Carlos, carmelita,
    Ao Redor da Fonte - Círculos de oração e de meditação em torno da Regra do Carmo, Brasil, 2001, pp. 280. (E-mail: mesters@visualnet.com.br)

    PRECA, Dun Gorg,
    Is-Sena tas-Sinjur - Riflessjoni ghal kull jum tas-sena, Societas Doctrinae Christianae, Malta, 2001, pp. 144. (E-mail: sdc@waldonet.net.mt)

    Semana Santa 2001 - Junto a la Cruz estaba María,
    Fraternidad Carmelitana, Medellín, 2001, pp. 63. (E-mail: karmel@epm.net.co)

    Posters:

    El vestido de María,
    750 aniversario de la visión y promesa del Escapulario del Carmen 1251-2001, Temas:
    - Hna. Ma. Montserrat Xirinachs, Carmelita Contemplativa de Valls (Tarragona, España)
    - P. Ortín Lorente, colegio HH. Carmelitas - Elda (Alicante, España)
    - Sta. María in Traspontina (siglo XVII, Roma, Italia)
    - Monjas Carmelitas (Ravenna, Italia)
    AMACAR, Onda, 2001, dimensione 50x70 cm. (E-mail: vcarmeno@planalfa.es)

    Año Mariano Carmelita 2001,
    750 Aniversario de la Entrega del Escapulario del Carmen (1251-2001),Sevilla, 2001, dimensione 50x70 cm. (E-mail: vcarmeno@planalfa.es). Il poster, pubblicato dai due Ordini del Carmelo della Regione Iberica, rappresenta la consegna dello Scapolare da parte della Madonna del Carmine a San Simone Stock, opera dello scultore Gregorio Fernández (ski) che si trovava nel nostro antico convento di Valladolid (Spagna) ed attualmente nel Museo Nazionale di Scultura della stessa città.

    Compact Disks:

    Iconographia Carmelitana - 1,
    Centrum Informationis Totius Ordinis Carmeli-tarum (Roma) - Editrice Pisani sas (Isola del Liri), 2001. (E-mail: citoc@ocarm.org). Questo primo CD-Rom pubblicato da CITOC, per sistemi operativi Windows e Macintosh, offre oltre 1600 immagini della Beata Vergine Maria, del Profeta Elia, del Beato Tito Brandsma, dello stemma carmelitano e di tanti altri associati al Carmelo. La raccolta è ricca di informazioni e di immagini presenti in tutto il mondo. Il CD-Rom è un archivio di grande importanza non soltanto per il contenuto, ma piuttosto perché ci rivela in modo particolare come il popolo di Dio abbia espresso lungo i secoli la sua devozione e il suo amore verso la Madre del Carmelo.

    Missa em honra de N. Sra. do Carmo - 750 Anos do Escapulário do Carmo,
    Monastero Flos Carmeli, Jaboticabal, 2001. (E-mail: convento@netsite.com.br)

    --------------------------
    N.B. Affinché le nuove pubblicazioni siano riportate in questa rubrica per favore inviate una copia e una breve presentazione del materiale a: CITOC, Curia Generalizia dei Carmelitani, Via Giovanni Lanza 138, 00184 - Roma, Italia.
     

    BREVI NOTIZIE

    Dal titolo "Mater et Decor Carmeli" la Provincia Italiana ha organizzato dal 12 al 14 marzo 2001, nel santuario di S. Felice del Benaco, un convegno pastorale con l'idea di contattare e collegare tutte quelle realtà di devozione mariana che i Carmelitani hanno disseminato in luoghi dove, spesso da secoli, non sono più presenti. Il programma ha avuto inizio con una relazione storica del P. Giovanni Grosso, che ha illustrato l'origine, lo sviluppo e le forme della devozione mariana nel Carmelo; P. Rodolfo Girardello, OCD, ha posto l'attenzione sull'attuale momento della mariologia, nel mistero di Cristo e della Chiesa; P. Carlo Cicconetti ha trattato il tema de "I valori mariani carmelitani oggi"; P. Lucio M. Zappatore ha presentato sussidi e modelli liturgici utili per preghiere e celebrazioni eucaristiche; P. Bruno Secondin ha aiutato a formulare delle conclusioni e P. Roberto Toni ha proposto alcune riflessioni finali. Oltre ai vari sussidi librari, un poster e una medaglia commemorativa, il Centro Stampa Carmelitana, su richiesta dei religiosi della Provincia impegnati nella pastorale parrocchiale e dei santuari, ha recentemente realizzato due "striscioni" di stoffa da appendere alle porte delle chiese per sottolineare l'Anno Mariano Carmelitano. Gli striscioni (100 x 300 cm) hanno i seguenti soggetti: il primo l'immagine della Vergine che dona lo Scapolare (tela di Alessandro Franchi) con la dicitura "750° anniversario dello Scapolare del Carmine" e la didascalia "Accogli il dono di Maria!", il secondo ha la dicitura "2001 anno mariano carmelitano", il logo dell'anno mariano e la didascalia "Rivestiti dell'abito di Maria". Le Province d'Irlanda e di Gran Bretagna stanno preparando un Forum Carmelitano che avrà luogo a Gort Muire, Dublino, dal 2 al 4 novembre 2001. Il tema della conferenza sarà "Come prego?" e "Come il Carmelo aiuti a pregare?" I relatori saranno una monaca carmelitana scalza irlandese e la Sig.na Rosemary Kinman dell'Istituto Secolare Carmelitano The Leaven. Saranno anche presenti due Terziari Carmelitani, uno dei quali ha recentemente partecipato all'incontro internazionale dei Laici Carmelitani a Sassone (Roma). Si spera che il Forum preparerà la strada per un programma di accompagnamento spirituale in un contesto carmelitano.
     

    AGGIORNAMENTO DEGLI
    INDIRIZZI E NUMERI TELEFONICI

    Cambio di numeri: telefono / fax

    Provincia della Germania Superiore
    Karmelitenkloster, Friedrich-Ebert-Strasse, 5, 90766 Fürth / Bay, Germania. Tel: (+49) 911-7230360, Fax: (+49) 911-72303630

    Provincia Betica

    Nuovi siti Web

    Compartimos Carmelus
    www.pagina.de/carmelus / www.mundofree.com/ficha/

    Saint Simon Stock School-Church (NY)
    www.stsimonstockschool.org

    Hermanas Carmelitas de la Madre Candelaria
    http://ve.net/carmelitasmc/

    Mater Decor Carmeli
    http://digilander.ior.it/materdecorcarmeli

    Santuario del Carmine: San Felice del Benaco
    http://www.santuariodelcarmine-sanfelice.it

    Nuovi indirizzi di posta elettronica

    Provincia di Castiglia
    Fraile Herrera, Eloy
    Residencia Universitaria, Salamanca 
    <efcarm@terra.es>
    <rcarmelitas@infonegocio.com>

    Provincia Olandese
    Gulik, Antonius van der 
    Ruijter, Joop
    <Gulikocarm@zonnet.nl>
    <joopruijter@hetnet.nl>

    Provincia Maltese
    Camilleri, Charlo'
    Cilia, Joseph
    Cucciardi, Jurgen
    Duncan, Hermann
    Enriquez, Mario
    Lofreda, Renald
    Scerri, Alexander
    Scicluna, Ivan
    <charlocarm@hotmail.com>
    <nscarminmir@tsi.com.pe>
    <jurgenmjocarm@hotmail.com>
    <hduncan@global.net.mt>
    <menriquez@global.net.mt>
    <renaldjm@hotmail.com>
    <alexsc@global.net.mt>
    <ivansciclunadeb@hotmail.com>

    Provincia della Germania Inferiore
    Droste, Klemens-August <kadroste@comundo.de>

    Provincia di Catalogna
    Bonilla, Manuel <mabonillagu@airtel.net>

    Provincia Italiana
    Gelli, Augustin  <p.agogelli@mclink.it>

    Monache Carmelitane
    Sogliano al Rubicone, Italia <s.mariavita@ciaoweb.it>

    Provincia Napoletana
    Di Sarno, Antonio <antondis.tiscali.it>

    Provincia Betica
    Comunidad Carmelita, Petare (Venezuela)
    Provincial, Sevilla
    Secretaría Provincial, Sevilla
    <comcarm@tutopia.com>
    <ocarmse@alcavia.net>
    <seprovin@terra.es>

    Suore Carmelitane Missionarie di S. Teresa del Bambino Gesù
    Comunità, Cerveteri (Roma), Italia
    Comunità, Samminiatello (FI), Italia
    Scuola, Montelupo (FI), Italia
    <cerveterisuore.carmelitane@tiscalinet.it>
    <istitutos.teresadelbambi@tin.it>
    <linazacc@tin.it>

    Provincia Polacca
    Bebnik, Janusz <jasiek@karmel.krakow.pl>

    N.B. Per un elenco aggiornato di tutti gli indirizzi e-mail carmelitani vedi pagina
    http://www.ocarm.org/citoc.news/emailadd.htm
     

    VITA CARMELITANA

    Novizi

    16 Febbraio 2001
    Taurai Saunyama (Hib-Zim)
    Mathew Musonza (Hib-Zim)
    Chikomborero Maramwidze (Hib-Zim)

    Professione Semplice

    17 Febbraio 2001
    Michael Mwale (Hib-Zim)
    Christopher Chifamba (Hib-Zim)
    Munyaradzi Tairowodza (Hib-Zim)
    18 marzo 2001
    Thomas Feiten (GerS)

    25 Anni di Professione Semplice

    22 Luglio 2001
    Marian Kawinski (Pol)
    1 Agosto 2001
    Carmen García Collado (SLC)
    15 Agosto 2001
    Michael Kwiecien (PCM)
    27 Agosto 2001
    Joseph Chalmers (Brit)

    50 Anni di Professione Semplice

    1 Luglio 2001
    Hilaria Miltenburg (ECH)
    26 Luglio 2001
    Mª Saturnina López Rodríguez (SLC)
    15 Agosto 2001
    Enrique Oria Castañer (Arag)
    25 Agosto 2001
    Anna Habermann (ERL)

    Professione Solenne

    18 Marzo 2001
    Andrés Gamboa Pardo (Ita)
    22 Aprile 2001
    M. Rita Gurgliara (VET)
    25 Aprile 2001
    M. Francesca Gargano (CAR)
    29 Maggio 2001
    Thomas Johnston (Brit)

    Ordinazioni di Diaconi

    2 Maggio 2001
    Artemio Jusayan (Neer-Phi)

    Ordinazioni Sacerdotali

    2 Maggio 2001
    Marlon Lacal (Neer-Phi)
    Max Zapanta (Neer-Phi)
    Gilbert Sabado (Neer-Phi)
    29 Maggio 2001
    Kevin Alban (Brit)

    25 Anni di Ordinazione Sacerdotale

    4 Luglio 2001
    Gianfranco Tuveri (Ita)
    18 Luglio 2001
    Denis Lynch (Brit)

    50 Anni di Ordinazione Sacerdotale

    8 Luglio 2001
    John Larkin (PCM)
    Leo (Joel) Moelter (PCM)
    Walter (Augustine) Carter (PCM)
    Silvio (Giuliano) De Angeli (Ita)
    Juan Bautista Ferre Perez (Arag)
    Roberto Barreneche Alzuguren (Arag)
    Elías Pascual Tudela (Arag)
    15 Luglio 2001
    Hermanus van Langen (Neer)
    Franciscus Bos (Neer)
    Theodorus Meijerink (Neer)
    Antonio (Alfonso) Cerasoli (Ita)
    Henricus Kortink (Indo)
    Johannes (Floribert) Schwering (GerI)
    Johannes (Kleophas) Londeman (GerI)
    John Fitzgerald (Brit)

    Necrologio

    7 Febbraio 2001
    Margaretha Ten Oever (ZEN)
    20 Marzo 2001
    Anton Lugtenberg (Neer)
    24 Marzo 2001
    Daniel M. de Araujo (Pern)
    27 Marzo 2001
    Joesph Kotschner (GerS)
    28 Marzo 2001
    Vitus Bijvank (Neer)
    5 Aprile 2001
    Timoty E. Moore (PCM)
    6 Aprile 2001
    Petra Claessens (BOX)
    8 Aprile 2001
    Hendricus Demmer (Indo)
    17 Aprile 2001
    Margherita Celeste Liuti (SGP)
    6 Maggio 2001
    Angela Cervone (ALL)

     

    750° Anniversario dello Scapolare del Carmine
     
     















    1251-2001



    "Maria è la Madre di tutti gli eletti. E’ giusto, quindi, che le manifestiamo il nostro filiale e tenero affetto in ciò che facciamo o in ciò che evitiamo di fare." - Ven. Michele di Sant'Agostino

    Maria è la porta che ci introduce alla patria celeste e per la quale Dio è disceso in terra. - S. Maria Maddalena de’ Pazzi

    "Mi piacerebbe avere le labbra più pure per pronunciare il nome di Maria, ed una penna d'oro per scriverlo." - B. Maria di Gesù Crocifisso

    "Nel Carmelo nessuno diventa pio e santo, senza nutrire verso Maria una speciale devozione." - Ven. Michele di Sant'Agostino

    230501