English - "CHARISM AND SPIRITUALITY" COMMISSION

Español - COMISIÓN "CARISMA Y ESPIRITUALIDAD"

Italiano - COMMISSIONE "CARISMA E SPIRITUALITĄ"

             APPENDICE 1 APPENDICE 2  


English

"CHARISM AND SPIRITUALITY" COMMISSION

April 2-6, 2002

The following themes were dealt with during the meeting:

1) History of the Commission
A brief review of the history of the Commission from the General Chapter of 1989 (AnOCarm XL, 1989)

2) General Chapter of 2001 Presentation
A discussion was held on the study presented, in the name of the Commission, to the General Chapter of 2001 by Paul Chandler, O. Carm. The discussion focused especially on those points approved by the members of the Chapter.

3) The Carmelite Spiritual Directory
The Commission reviewed ways of completing this project. The authors of those sections which have not be submitted will be contacted by letter and invited to send in as soon as possible their contribution to the project.

4) Reflections on the Spiritual Directory Project
During the sessions some reflections and conclusions were made about the Spiritual Directory project:
- How do we ‘do’ history when the younger generation is losing the historical memory? One of the objectives of the General Council is to not only ‘teach’ the material but to ‘live’ it in our lives.
- It would have been good to have an ‘outline’ for the Directory but it is viewed as too late to impose this.
- The multicultural situations we are living in need to be considered. 1) How do we promote the translation and use of the various chapters in the provinces?
2) It would be beneficial to have a document explaining why it was necessary to develop a new Directory.
3) It is necessary to coordinate this work together with that of the International Formation Commission.
4) We have to keep in mind that Carmel is a gift to the Church and to the world. While we live in the world, we are part of the Church.
5) The Commission approved the publication "The Spiritual Dynamic of Carmelite Life" by John Welch (PCM). Number 20 of the "Varcare Deo" series is still undecided.

5) The Dialogue between the Spiritual Directory and Culture
The Commission discussed ways to affect our Carmelite communities and the world. As members of the Commission, we do not pretend that the texts and the documents are more important than the lived experience. There are some levels, such as spiritual life and personal transformation of individual Carmelites, which are not open to the Commission.

6) Anthology of Key Carmelite Texts
The General Chapter of 1989 suggested the preparation of an anthology of the most important texts in our tradition. This would have some problems to overcome. That fact that most of these texts are in Latin being one. We would also have to offer some methodology for studying these.

7) Systematic Research on the Rule
During this 6 year period (2001-2007) we need to prepare for the VIII Centenary of the Rule of St. Albert.

8) Study on Various Aspects of the Charism
The IV Centenary of the Death of St. Mary Magdalene de’ Pazzi provides an opportunity to do liturgical studies, a critical edition of her works, etc.
John Soreth and the 550th Anniversary of the Bull ‘Cum Nulla’: In 1452, the Pope authorized the reception of women into the Order. This is seen as the inauguration of the institution of the Carmelite nuns and the Carmelite laity.

Concrete proposals are contained in Appendix 2 of the full minutes in the Italian language.

(NB: For the full version of the minutes see the Italian version).





Español

COMISIÓN "CARISMA Y ESPIRITUALIDAD"

2-6 abril de 2002

Durante esta reunión se trataron los siguientes temas:

1. Historia de la Comisión: se hizo una revisión de la historia de la misma desde el Capítulo General de 1989 (AnOCarm XL, 1989).

2. Presentación al Capítulo General 2001: analizamos el informe presentado por Paul Chandler en nombre de la Comisión al Capítulo General. La discusión giró en torno a aquellos puntos aprobados por los participantes en el Capítulo.

3. El Directorio Espiritual Carmelita: la Comisión analizó diversas maneras de completar este proyecto. Asimismo, se decidió ponerse en contacto por carta con los autores que aún no han entregado sus trabajos para que lo hagan cuanto antes.

4. Reflexiones en torno al Directorio: sobre este interesante tema la discusión giró en torno a las siguientes reflexiones:
- ¿Cómo podemos seguir haciendo historia cuando en algunos lugares las generaciones más jóvenes están perdiendo la memoria histórica? Uno de los objetivos del Consejo General en este sentido es, no sólo enseñar con el material que se elabora, sino aprender y conseguir que se haga vida en nuestras vidas.
- Sería bueno contar con unos esquemas pero la Comisión es consciente de que es ya demasiado tarde.
- La multiculturalidad que estamos viviendo merece una reflexión por nuestra parte:
1. ¿Cómo podemos promover la traducción y el uso de los diversos opúsculos en las provincias?
2. Sería muy positivo contar con un documento que explicase porqué ha sido necesario elaborar un nuevo Directorio y las diferencias con el de Brenninger.
3. Es necesario coordinar este trabajo con el de la Comisión Internacional para la Formación.
4. Tenemos que tener siempre en cuenta que el Carmelo es un don para la Iglesia y para el mundo. Debemos tener en cuenta la dimensión eclesial y la apertura al mundo inherentes también a nuestro carisma.
5. La Comisión aprobó la publicación de la obra The Spiritual Dynamic of the Carmelite Life de John Welch (PCM). El número 20 de la colección Vacare Deo sigue aún sin decidir.

5. El diálogo entre el Directorio Espiritual y la Cultura: la Comisión reflexionó acerca de cómo hacer que los temas tratados lleguen realmente a las comunidades. Los miembros de la Comisión eran conscientes de que los textos escritos no son tan importantes como las experiencias reales de la vida. Hay varios niveles, tales como la vida espiritual o la transformación personal de cada individuo, que no corresponde analizar a la Comisión.

6. Antología de textos fundamentales carmelitas: ya el Capítulo General de 1989 sugirió que se preparase una antología de los textos más importantes de nuestra tradición, tenIendo en cuenta algunos problemas que se pueden suscitar, como por ejemplo el hecho de que la mayoría de los textos estén en latín. Habría que ofrecer también una metodología para trabajar con estos textos.

7. Investigación sistemática sobre la Regla: durante los próximos seis años (2001-1007) debemos prepararnos para el VII Centenario de la Regla de San Alberto.

8. Estudio de diversos aspectos relacionados con del Carisma, tales como:
- el IV Centenario de la muerte de Santa María Magdalena de Pazzis nos ofrece una oportunidad magnífica para elaborar algún estudio de tipo litúrgico o una edición crítica de sus obras.
- Juan Soreth y el 550 Aniversario de la Bula Cum Nulla: en 1452 el Papa autorizó la recepción de mujeres en la Orden, lo que constituye la institución de las monjas carmelitas y del laicado carmelita.

Más propuestas específicas se encuentran en el apéndice 2 de la versión italiana de las actas.

(NB: Para la versión completa de las notas ver la versión italiana).



Italiano

COMMISSIONE "CARISMA E SPIRITUALITĄ"

2-6 aprile 2002

Previa convocazione ad uopo (Prot. 100/2002), il giorno 8 febbraio 2002, la prima riunione della Commissione Internazionale di Carisma e Spiritualità rimase confermata per i giorni 2-6 aprile, nella nostra Curia Generalizia (Roma). Assistettero alla medesima: P. Carlo Cicconetti, Vice Generale e Presidente della Commissione, Mons. Vital Wilderink (Flum), P. Henricus Pidyarto (Indi), P.Kees Wajiman (Neer), P. John Russell P. Desiderio García (Arag). Scusarono la loro assenza: P. Gianfranco Tuveri, per impegni di lavoro (Gal), P. Paul Chandler (Aust), per motivi di salute e P. Richard Copsey (Brit), che si trovava nel Capitolo della Provincia Britannica.

Iniziò la riunione P. Carlo Cicconetti chiedendo l’aiuto di Dio, leggendo il n° 39 della RIVC e ricordando ai presenti il desiderio espresso del P. Generale di assistere personalmente alle sessioni di lavoro delle diverse Commissioni. In quest’occasione, non è stata possibile la sua presenza data la coincidenza, nello stesso periodo, con la celebrazione del Capitolo della Provincia Britannica.

Una volta salutati e presentati i membri della Commissione, si nominò come Segretario della medesima il P. Desiderio García. In seguito si stabilì l’orario e si delineò l’ordine degli argomenti da studiare in questi giorni.

I temi affrontati lungo le diverse sessioni sono stati i seguenti:

1.- Breve resoconto storico sulla creazione della Commissione Internazionale di Carisma e Spiritualità a partire dal Capitolo Generale del 1989 (Doc. 46; AnOCarm XL (1989). Il Presidente estrasse le idee principali dal Documento 46 (finalità e incarico istituzionale della Commissione, priorità della spiritualità nella nostra vita, integrazione carisma e missione, desiderio di impegnare tutto l’Ordine nell’elaborazione del Direttorio di Spiritualità Carmelitana - senza dimenticare che è un lavoro da realizzare a lungo termine -, ecc.). Egualmente, si è prestata attenzione alle difficoltà sorte in qualche momento, dall’aver ritardato eccessivamente la pubblicazione dei fascicoli, e dal difficile compito di trovare persone disponibili nelle Province che si responsabilizzino nella traduzione dei materiali. Forse uno dei compiti più importanti della Commissione, non sarà solo di dare impulso allo studio degli opuscoli, bensì di analizzare inoltre quali siano le ragioni di questa mancanza d’interesse. Ciò nonostante, a prescindere dagli ostacoli, la Commissione desidera continuare con entusiasmo l’opera iniziata.

2.- Si proseguì con la lettura e lo studio delle proposte presentate dal P. Paul Chandler, in nome di questa Commissione, al Capitolo Generale del 2001, ponendo l’accento soprattutto, su quelle approvate dai gremiali. Cioè: a) Che la Commissione di Carisma e Spiritualità prosegua con il progetto del Direttorio secondo il piano elaborato dalla Commissione nella sua ultima riunione. b) Si commemori l’VIII° centenario della Regola nel 2007. c) si commemori il IV centenario della morte di S. Maria Maddalena de’ Pazzi (1607) nel 2007 e che l’Institutum Carmelitanum promuova la pubblicazione di un’edizione critica delle opere di S. Maria Maddalena de’ Pazzi.

3.- Direttorio di Spiritualità Carmelitana: elaborazione dei fascicoli mancanti. Si sono rivisti uno ad uno i materiali presentati nelle diverse lingue. Poiché, nella maggioranza, i membri di questa Commissione non ne facevano parte durante il precedente sessennio, si è considerato opportuno contattare per lettera gli autori che non hanno ancora inviato il loro contributo, mirando a chiarire come vada il lavoro e di accelerare, nel modo possibile, il medesimo (appendice 1). Accertato che qualche autore non può, per qualsiasi motivo, presentare il compito affidatogli, si cercherebbe un sostituto. Il tempo stringe e dobbiamo procedere nella realizzazione del progetto.

4.- Durante la sessione sorgono alcune riflessioni e conclusioni, insieme ad alcuni interrogativi, ai quali si cerca di rispondere, e che raccogliamo brevemente di seguito:
A) Come fare storia quando viviamo in un periodo in cui, in qualche luogo, e soprattutto per le giovani generazioni, si sta perdendo la memoria storica? La finalità del progetto del Direttorio non è solo l’indagine scientifica e storica e l’edizione di opuscoli, bensì favorire la possibilità di esprimere nei diversi contesti e mentalità dell’Ordine l’ESPERIENZA dei temi studiati in questione. Di fatti, uno degli obiettivi e sfide del Consiglio Generale non era soltanto insegnare con questi materiali, bensì andare oltre ed apprendere, raccogliere, ricevere le risonanze suscitate da ognuno di questi opuscoli. Per questo, i fascicoli, dovrebbero essere studiati e riflettuti in ogni luogo dell’Ordine.
B) Sarebbe molto interessante ascoltare il parere e l’esperienza dei FORMATORI, come utenti diretti di questi materiali e per trovarsi in prima linea di azione nel campo della formazione.
C) I 20 temi che sono selezionati per elaborare il Direttorio sono topici, luoghi comuni di riflessione sulla tradizione spirituale del Carmelo. Ci sembra bene, ma non sarebbe opportuno avanzare e cercare un filo conduttore, uno SCHEMA, che desse una struttura, che desse corpo all’insieme dell’opera?
D) Considerare la situazione MULTICULTURALE che stiamo attraversando. L’esperienza dimostra che il carisma si sta adattando a realtà molto diverse, si sta aprendo a nuovi contesti in Africa, Asia, Oceania, ecc.

5. - Si approfondì e si riprese alle prime ore del pomeriggio il n° 3, concernente la preparazione dei fascicoli che mancano da preparare per il Direttorio Spirituale. Nello stesso tempo si fece, un elenco delle traduzioni che erano state fatte parzialmente nelle diverse lingue.
A) Come promuovere le traduzioni e l’uso dei diversi opuscoli nelle Province? In primo luogo si osserva che la traduzione degli opuscoli è molto importante. Il traduttore non è soltanto chi si dedica a cambiare le parole di una lingua in un’altra. Il buon traduttore deve salvaguardare la forza interiore e la ricchezza del testo, deve proteggere i valori che l’autore ha voluto trasmettere nella sua lingua e cultura.
B) Così come rimase stabilito ogni Provincia, area, cercherà le persone incaricate di fare le traduzioni. I diversi membri della Commissione hanno spiegato ciò che si è fatto fino ad ora nelle loro Province al riguardo e ciò che si potrebbe fare da ora in poi. In Indonesia si cercheranno persone, così come si è fatto per la traduzione della RIVC. I formatori saranno invitati a realizzare qualche giornata di studio sui temi e sulla Ratio. Inoltre, si approfitterà dei giorni di ritiro come momento importante di meditazione e riflessione su questi documenti. Le Province del Brasile e della Regione Iberica cercheranno, come è stato fatto fino ad ora, di cooperare con il resto della famiglia carmelitana (congregazioni, monache e laici). Nella Prov. Arago-Valentina sono state riepilogate le conferenze più significative tenute a San Felice del Benaco, Monte Carmelo e Lisbona, a motivo della preparazione della RIVC, e sono state distribuite a tutti i frati, ai Provinciali della Regione Iberica, Generali delle Congregazioni religiose e Monache. Di nuovo si consta la difficoltà di trovare persone disponibili per fare le traduzioni dei temi del Direttorio, per cui il numero di fascicoli che sono stati pubblicati in spagnolo e sono in circolazione è molto ridotto. Le Province degli Stati Uniti lavorano assieme nella formazione fin dalla tappa del noviziato e, a partire dallo studio e dalla riflessione dei diversi fascicoli pubblicati, hanno elaborato un Manuale di Formazione. Le Province Italiane hanno preparato una collezione molto ben pubblicata delle opere man mano che aooarivano. Non sappiamo se vi siano ulteriori traduzioni nell’Ordine.
C) Sarebbe opportuno elaborare un documento dando ragione del perché sia stato necessario lavorare nell’Edizione di questo nuovo Direttorio di Spiritualità Carmelitana, così come mostrarne le diversità rispetto a quello del P. Brenninger.
Occorrerebbe evidenziare le differenze tra l’opera di Brenninger e la natura di questi nuovi opuscoli del Direttorio. Benché sia certo che alcuni elementi di quel Direttorio continuano ad essere validi, non è meno certo che altri aspetti dovevano essere attualizzati rispondendo alla sensibilità postconciliare, alla dimensione biblica e profetica, ecc. I membri della Commissione percepiscono che il mondo in cui viviamo, in definitiva, è diverso e reclamava questi cambiamenti ed adattamenti. Si chiede nella Commissione che il P. Generale approfitti delle circolari dirette ai Provinciali, delle conferenze, così come del suo discorso al Consiglio delle Province, per insistere sull’importanza che ha la creazione del Direttorio di Spiritualità Carmelitana ed incoraggiare affinché si studi .
D) È necessario il coordinamento ed il lavoro insieme alla Commissione per la Formazione. L’informazione, le iniziative e le proposte, devono circolare con fluidità tra le due Commissioni. Il P. Carlo Cicconetti, sottolinea che ciò che loro faranno lo avremo noi e viceversa, per non moltiplicare lo sforzo. Effettivamente, si avverte che l’idea di creare un Direttorio è sorta dai formatori, i quali, finalmente, giunsero ad un consenso. Quanto ai suggerimenti e alle strategie per approfondire la conoscenza della RIVC, si terranno in considerazione le strade seguite anche dalla Commissione di Formazione.
E) Metodologia, Aspetto ecclesiale, apertura al mondo. I criteri metodologici usati per la composizione dei temi sono molto buoni. Nonostante ciò, non conviene dimenticare che il Carmelo è un dono per la chiesa e per il mondo. Si è insistito sull’importanza che ha l’aspetto ecclesiale e di apertura al mondo. Viviamo nel mondo e siamo parte della chiesa.
F) Altri. La Commissione approva il fascicolo "La dinamica spirituale della vita carmelitana", del P. Jack Welch. Il tema 20, "Varcare Deo", è ancora per aria.
Si parlerà con il P. Wilmar Santin o il P. Kevin Alban, per sapere a chi è stata commissionata la sua elaborazione e quale ne sia il contenuto. Allo stesso tempo, si ricorda che sarà inviata ai membri della Commissione precedente una copia degli atti di questa riunione e si inviterà loro a continuare a partecipare e affinché collaborino con le loro osservazioni e contributi.

6. - Dialogo Direttorio di Spiritualità e Cultura. Come può questa commissione incidere sulla vita delle nostre comunità carmelitane e nel nostro mondo? Da questa domanda si è aperto un dialogo interessante circa l’utilità dei materiali che si stanno elaborando e sulle finalità e incarichi di detta Commissione.
A) Come membri della Commissione non pretendiamo che i testi o i documenti siano più importanti della propria esperienza personale. Non vorremmo che gli opuscoli preparati fossero un insieme di norme da seguire, bensì un riflesso di ciò che siamo. La nostra società è considerevolmente cambiata. Qualche anno fa si sottolineava che per essere carmelitani occorresse fare "delle cose che raccoglievano dei manuali". Oggi, chi vuole essere carmelitano cerca piuttosto che i manuali e i testi, "parlino della propria esperienza vissuta e cercata". Non "metto in pratica" un Direttorio per essere "Io", ma piuttosto il Direttorio mi "restituisce" l’immagine di "chi sono io". Dal ponderare gli atti siamo passati a realizzare la dinamica personale.
B) Ci sono alcuni livelli, come possono essere la vita spirituale e la trasformazione personale, in cui resta sommamente difficile avere accesso da una Commissione. Affinché i materiali preparati attirino e ci interessino, non ci sarà soltanto bisogno di tradurli, dovranno avere qualche contatto con la cultura. Tradurre significa "prendere contatto" con la vita. Per esempio, se vogliamo parlare di contemplazione, bisognerà vedere come la contemplazione sia una necessità di una cultura concreta. Occorre entrare nella cultura, è vero, non c’è altra porta per scoprire la spiritualità e il Carmelo. Ma la risposta va più in là della cultura e del contesto storico, giacché la spiritualità e il Carmelo sono più grandi. Il nostro impegno sarà di svegliare nell’Ordine, nelle Province, in ogni carmelitano, questa sensibilità. Non possediamo altri mezzi che 1) la comunicazione e 2) cercare momenti ed incontri, per favorire tutto ciò.

7. - Il Doc. 46, appendice 12, del Capitolo Generale del 1989 (Doc. 46; AnOCarm XL (1989), suggerisce che per approfondire il carisma si elabori un "vademecum"… È preferibile utilizzare il termine migliore di "antologia". Per alcune anziane generazioni, il "vademecum" ha allusioni restrittive. Il senso di questa proposta è preparare un’antologia di testi importanti della nostra tradizione, di difficile accesso al presente, per essere documenti antichi e scritti in latino, per l’uso delle nostre comunità. Il compito seguente sarà quello di offrire una metodologia di lettura. Per quanto riguarda il materiale consideriamo opportuno approfittare della prima sintesi che il P. Richard Copsey ha elaborato, con 42 testi "ad usum privatum carmelitarum" che sta avendo grande utilità in alcune Province. Riguardo alla metodologia aspettiamo di ascoltare i suggerimenti della Commissione di Formazione che intende elaborare un manuale di formazione carmelitana per completare la 3ª parte della Ratio e che assumerebbe questo compito. Si insiste sul timore di produrre documenti, quando sarebbe importante offrire allo stesso tempo le chiavi di accesso affinché la gente possa entrare nei testi.

8. - Programma di ricerche sulla Regola in particolare. Il P. Carlo Cicconetti ci informò sulla riunione avuta con il Consiglio Generale OCD, durante la quale sono state scambiate impressioni sulla possibilità di portare a termine insieme, durante il sessennio 2001-2007, un periodo di studi come preparazione al VIII centenario della Regola di S. Alberto. Non si è concretato niente finché, una volta celebrato il suo Capitolo Generale, sia costituito il nuovo Consiglio Generale OCD, e possa riprendersi la faccenda. Per quanto possibile il Consiglio Generale s’incaricherà di programmare e di precisare i particolari della celebrazione.
Ciò nonostante, considerando le proposte fatte al Capitolo Generale e seguendo le piste della precedente Commissione di Carisma e Spiritualità, sono state suggerite alcune idee che il Consiglio Generale studierà per stabilire quali siano praticabili:
A) Di comune accordo con i nostri fratelli scalzi, adottare la nuova forma di citare la Regola, approvata qualche anno fa, nei nuovi studi che si pubblicheranno, ed anche nella Regola che, di norma, appare stampata assieme alle Costituzioni. La convergenza delle due versioni dovrebbe attendere fintanto che sia loro quanto noi approviamo le nuove Costituzioni. Sarebbe qualcosa da prendere in considerazione a lungo termine Il vantaggio che ha questo nuovo modo di citare è che la divisione del testo non sarà condizionata dall’attuale divisione dei capitoli che interpreta e pregiudica lo stesso documento.
B) Possibilità di una registrazione e studio critico-comparativo degli esemplari della Regola che si trovano dispersi nei vari archivi.
C) Elaborare una visuale panoramica di tutte le interpretazioni della Regola, in modo particolare quelle realizzate in questi ultimi 40 anni. Si tratterebbe di un’approccio storico-ermeneutica. Siamo consapevoli dei limiti di ogni interpretazione. L’interpretazione è un progetto già concepito in precedenza oppure è una scoperta alla quale si giunge? Benché non lo vogliamo, in ogni studio c’è un’intuizione di base. Nessuno può entrare in un luogo facendo tabula rasa. Tra le diverse letture della Regola ci sono convergenze e divergenze. Tutte queste costituiscono una gran sinfonia, dove le varie voci arricchiscono l’insieme.
D) Lettura della Regola dal mondo dei giovani. Cosa può offrire la Regola a un giovane nel mondo secolarizzato? Sarebbe piuttosto un approccio esperienziale. Si organizzrà in seguito..
E) La Commissione ha dimostrato particolare interesse nell’approfittare quest’occasione affinché la Regola sia un punto di incontro e di dialogo con le altre culture. Potrebbe essere concepito globalmente come un "Seminario Interculturale, Interreligioso" per un gruppo di specialisti (circa 20-30). La mistica è una via d’accesso e di comunicazione con le mentalità di altri popoli. È importante per la Chiesa offrire il tesoro, il dono della nostra impronta mistica. Può darsi che la Regola, che mostra una via d’accesso alla mistica, possa essere il punto di partenza per la comunicazione con altre culture (ebraica, islamica, orientali, ecc.). Si tratterà di uno studio Interculturale. Benché non vi fosse nulla di stabile, si è presagita la possibilità di celebrarlo, o in qualche luogo asiatico, per la sua enclave fra culture orientali (Manila, Indonesia India), oppure in Spagna per il suo carico spirituale. S. Teresa parla più di venti volte della Regola e osserva, abilmente, che siamo "figli dei profeti". La Spagna è stata, d’altra parte crocevia delle tre culture del libro (ebrei, arabi e cristiani). Bisognerebbe trattare con gli specialisti.
F) Realizzare un Congresso sulla Regola che possa contare sul contributo di diversi "Istituti Carmelitani" (Spagna, Francia, Italia, Washington (U.S.A.), Olanda, Germania, Filippine, Brasile, ecc.). Da ognuno di questi vari centri, si studierà la diversa visuale che gli autori e le culture (Giovanni della Croce, Giovanni di San Sansone, Maria Maddalena de’ Pazzi, Tito Brandsma, Edith Stein, cultura orientale, realtà latino-americana, l’opzione per i poveri, ecc.) hanno avuto della Regola.Si sottolineerà la descrizione, di come queste figure hanno visto e di come si veda da dette realtà culturali il processo mistico che racchiude, senza dubbio, la Regola. Bisognerebbe precisare chi potrebbe collaborare da ciascun Istituto e come si possa organizzare in seguito.

9. - Programma di studi su altri aspetti del Carisma. Le possibili inchieste potrebbero vertere sulla figura di Maria Maddalena, a causa del IV° centenario della sua morte, sulla figura di Giovanni Soreth, e sul 550° anniversario della Bolla "Cum Nulla".
A) Maria Maddalena de’ Pazzi. Raccogliendo nuovamente la proposta lanciata al Capitolo Generale, si ricordò che nel 2007 si celebrerebbe anche il IV centenario della morte di Mª Maddalena de’ Pazzi. Si prenderà contatto con alcuni specialisti della nostra famiglia carmelitana affinché possano contribuire con la loro collaborazione alla celebrazione di un Congresso che commemori quest’evento (Bruno Secondin, Pedro Bravo, Ernest Larkin, Chiara Vasciaveo, ecc.). È stata suggerita la possibilità che qualche liturgista possa offrirci uno studio di tutto l’interessante sfondo liturgico che giace nella spiritualità e nelle estasi della santa fiorentina. In caso si realizzasse un’edizione critica delle opere di S. Maria Maddalena de’ Pazzi, sembra opportuno contattare diversi enti a Firenze che possano sovvenzionare il progetto.
B) Giovanni Soreth e il 550° anniversario della Bolla "Cum Nulla". Nel 1452 è concessa l’autorizzazione del Papa per ricevere donne nell’Ordine Carmelitano. Si può quindi, considerare, come la Bolla che inaugura l’istituzione delle monache carmelitane. Assieme a possibili collaborazioni da parte del P. Stefano Possanzini, sulla Bolla "Cum Nulla" e del P. Giovanni Grosso, sulla figura di Giovanni Soreth, si è pensato preparare qualche altra riflessione di cui Mons. Vital Wilderink, conoscitore e studioso del tema possa assumersi il compito.

10. - Schema per il nuovo Direttorio. Si ritorna al punto n° 4C.
Senza uno schema non si può scrivere un libro. La questione è se la Regola stessa, offra un asse attorno al quale articolare tutti quegli aspetti che sono necessari in un Direttorio e che raccolgono gli attuali fascicoli. Si ha l’impressione che sia così, ma si continuerà a pensare la questione. Il Direttorio deve essere un itinerario, non soltanto un libro in cui vari autori vertono le loro intuizioni, o riversano informazioni. Così come la Regola, il Direttorio deve avere una logica. La nostra formula di vita fondamentale, "vivere in ossequio di Gesù Cristo" è nella Regola, ma è un mistero più grande del Carmelo. Lungo la discussione i membri della Commissione suggeriscono qualche immagine e simboli per descrivere la Regola, e, si apre un piccolo dibattito sulla struttura e le diverse parti che imbastiscono l’insieme dell’opera.

11. - La collaborazione con le altre Commissioni è fondamentale:
A) Nella proposta di tenere un "Seminario Interculturale-Interreligioso", punto 8E, sarebbe ottimo di collaborare insieme alla Commissione per la Cultura. I membri della Commissione chiedono a P. Carlo Cicconetti la possibilità di consultarsi con loro e di vedere quale opinione valga loro questa proposta.
B) Rispetto al "Congresso della Regola, punto 8F, sarebbe anche interessante che il piano divulgativo, attraverso la nostra pagina Web, avesse acceso a qualche attività o materiale concernente la Regola. Sollecitiamo il parere della Commissione per le Comunicazioni riguardo a questo argomento e se possono offrire piste per arricchire l’insieme di questa celebrazione dello VIII° centenario della Regola. Si chiede nuovamente al P. Carlo Cicconetti che faccia da ponte tra le due Commissioni e faccia loro conoscere i nostri orientamenti.
C) Riguardo all’edizione di un’antologia di testi carmelitani della nostra tradizione, accompagnati da una metodologia che consenta la sua lettura, inviamo al punto n° 7 e chiediamo aiuto alla Commissione di Formazione. Negli atti dell’incontro che hanno tenuto, 18-22 marzo 2002, come strategia per studiare la RIVC (n°2) hanno pensato nella preparazione di schede di lettura da inviare alle comunità che potrebbero anche circolare su Internet. Potrebbe mostrare qualcuna di queste schede la visione che offre la RIVC e le Costituzioni sulla Regola? Si farà pervenire questa petizione ai membri della Commissione di Formazione.
In seguito, letti gli atti della riunione della Commissione precedente, in data 1-3 Giugno, ad Aylesford, si tracciò un elenco dei suggerimenti e delle proposte (appendice 2) venuti alla luce durante questi giorni e che saranno presentati al Consiglio Generale per un’approvazione.
Terminato il lavoro, il Presidente cedette la parola ai partecipanti della Commissione affinché esprimessero il loro parere sui temi trattati in questi giorni. Come membri della Commissione abbiamo l’accoglienza da parte del Consiglio Generale, abbiamo espresso la nostra voglia di andare avanti con la responsabilità a noi affidata e siamo rimasti sorpresi con gratitudine dalla cura e prontezza con cui si è realizzato il lavoro.
Ricordando la protezione della nostra Madre, Vergine della Contemplazione, abbiamo terminato la sessione con il canto del Flos Carmeli. Che Lei ci aiuti a seguire le orme di suo Figlio Gesù Cristo.

Commissione Internazionale di Carisma e Spiritualità


APPENDICE 1


CURIA GENERALIZIA DEI CARMELITANI
00184 ROMA (ITALIA) - Via Giovanni Lanza 138
E-mail: ascosta@ocarm.org
Tel. 4620181 Fax. 46201847
P. Antonio Silvio da Costa, O.Carm.
COMMISSIONE INTERNAZIONALE
DI CARISMA E SPIRITUALITÀ


Roma, 3 aprile 2002

Caro P……………………: Pace nel Signore Risorto.
Durante i giorni 2-6 aprile 2002 la Commissione Internazionale di Carisma e Spiritualità si è riunita nella nostra Curia Generalizia (Roma). Hanno assistito alla medesima: P. Carlo Cicconetti, Vice Generale e Presidente della Commissione, Mons.Vital Wilderink (Flum), P. John Russell (PCM), P. Henricus Pidyarto (Indi), P. Kees Waaijman (Neer), e P. Desiderio García (Arag). Hanno scusato la loro assenza: P. Gianfranco Tuveri, per impegni di lavoro (Gal), P. Paul Chandler (Aust), per motivi di salute e P. Richard Copsey (Brit), che si trovava nel Capitolo della Provincia Britannica.

Nella prima sessione sono stati riveduti uno ad uno i materiali ricevuti e che sono già pronti. Poiché, la maggioranza, dei membri della nuova Commissione non ne aveva fatto parte durante il sessennio precedente, si è ritenuto opportuno prendere contatti per lettera con gli autori che non hanno ancora inviato i loro contributi per chiarire come vada il lavoro e sollecitare, nel modo possibile, lo stesso.

Nella lista di collaboratori che ci ha lasciato la Commissione precedente Le è stato assegnato il numero …… per titolo, ……………………………… La ringraziamo anticipatamente per la sua disponibilità. Ciò nonostante, il tempo stringe e dobbiamo procedere nella realizzazione di questo progetto. Siamo troppo in ritardo sulla data. Se per qualche motivo, o inconveniente che sia sorto, Le rimane difficile terminare il lavoro, e non lo può consegnare, La preghiamo di confermarcelo prima del 15 maggio 2002 nel caso dovessimo modificare il programma. Se, invece, lo può terminare prossimamente, La ringraziamo immensamente e, inoltre, Le chiediamo che ce lo comunichi prima di questa data.

Fraternamente nel Carmelo:

Commissione Internazionale di Carisma e Spiritualità


APPENDICE 2

PROPOSTE CONCRETE

1.- Che il P. Generale approfitti delle circolari dirette ai Provinciali, delle conferenze, così come del suo discorso al Consiglio delle Province, per insistere sull’importanza che ha la creazione del Direttorio di Spiritualità Carmelitana e incoraggiare affinché si studi.

2.- Mirando a procedere nel processo di redazione del Direttorio di Spiritualità Carmelitana, in un termine di due anni, i membri della Commissione: a) Leggeranno tutti i fascicoli, b) Scriveranno a tutti i formatori per raccogliere (feed-back) la loro valutazione e le loro impressioni su ognuno dei due temi, c) Inizieranno a cercare uno schema intorno al quale articolare ognuna delle parti del Direttorio.

3.- Elaborare un documento spiegando il perché è stato necessario lavorare nell’edizione di questo nuovo Direttorio di Spiritualità Carmelitana, così come mostrarne le differenze riguardo a ciò che esisteva precedentemente (P. Benninger). Si è proposto il P. Ernest Larkin per realizzare questa riflessione.

4.- Preparare un’antologia di testi importanti della nostra tradizione. Quanto al materiale consideriamo opportuno approfittare della prima sintesi che il P. Richard Copsey ha elaborato, con 42 testi approssimativamente "ad usum privatum carmelitarum", che sta avendo molta utilità nelle Province. Per quanto riguarda la metodologia aspettiamo di ascoltare i suggerimenti della Commissione di Formazione che intende elaborare un manuale di formazione carmelitana per completare la 3ª parte della Ratio e che sarebbe in sintonia con questo compito.

5.- Proporre nella Commissione Mista O. Carm.-OCD:
A) Che si adotti la nuova forma di citare la Regola, approvata qualche anno fa, nei nuovi studi che saranno pubblicati ed anche nella prossima versione della Regola che apparirà in entrambe le Costituzioni O.Carm-OCD.
B) Ripensare alla possibilità di realizzare due studi, uno O.Carm. e l’altro OCD, dei commenti fatti alla Regola in ambo i rami della nostra famiglia carmelitana. La proposta sarà presentata nella prossima riunione della Commissione Mista. Nel caso che entrambe i Consigli Generali approvassero il progetto, il P. Carlo Cicconetti si occuperebbe dello studio da parte nostra. (O.Carm).

6.- A motivo del VIII° centenario della Regola:
A) Studiare la possibilità che qualcuno effettui una registrazione e uno studio critico-comparativo dei diversi esemplari della Regola che si trovano dispersi nei vari archivi. La Commissione ha pensato nel P. Paul Chandler come possibile autore di questo lavoro.
B) Che si realizzi uno studio delle interpretazioni della Regola, specialmente, quelle realizzate in questi ultimi 40 anni. Sarebbe un’approssimazione storico-ermeneutica. Potrebbero collaborare in questo lavoro Fr. Egidio Palumbo e P. Mario Alfarano.
C) Fare uno studio della Regola dal mondo dei giovani estensibile a tutta la famiglia carmelitana. Cosa può offrire la regola a un giovane in un mondo secolarizzato? Si tratterebbe di un approccio esperienziale.. Si organizzerà più in là.
D) La Commissione ha dimostrato un particolare interesse approfittando l’occasione del centenario e studiando la "Regola come punto di partenza per il dialogo con le altre culture". Potrebbe essere concepito globalmente come un "Seminario Interculturale, Interreligioso" per un gruppo di specialisti (circa 20-30), di diverse culture, religioni, ecc. Sarà precisato più avanti.
E) Realizzare un Congresso sulla Regola che conti sul contributo di diversi Istituti Carmelitani (Spagna, Francia, Italia; Washington (USA), Olanda, Germania, Filippine, Brasile, ecc.). Da ognuno di questi diversi centri sarà studiata la differente visione che gli autori e le culture e le culture (Giovanni della Croce, Giovanni di San Sansone, Maria Maddalena de’ Pazzi, Tito Brandsma, Edith Stein, cultura orientale, realtà latino-americana, l’opzione per i poveri, ecc.) hanno avuto della Regola. Si evidenzierà l’aspetto descrittivo, come hanno visto queste figure e come si vede da questi contesti culturali il processo mistico che racchiude, senza alcun dubbio, la Regola. Bisognerebbe precisare chi potrebbe collaborare da ciascun Istituto e come si possa organizzare in seguito.

7. - A motivo del IV° centenario dalla morte di S. Maria Maddalena de’ Pazzi: Prendere contatti con alcuni specialisti della nostra famiglia carmelitana affinché possano contribuire con la loro collaborazione alla celebrazione di un Congresso che commemori questo evento. (Bruno Secondin, Pedro Bravo, Ernest Larkin, Chiara Vasciaveo, ecc.).

8. - A motivo del 550° anniversario della Bolla "Cum Nulla", Assieme possibili collaborazioni da parte del P. Stefano Possanzini, sopra la Bolla "Cum Nulla", e del P. Giovanni Grosso, sulla figura di Giovanni Soreth, si è pensato di preparare qualche altra riflessione di cui Mons. Vital Wilderink, conoscitore e studioso del tema possa assumersi il disbrigo.

Commissione Internazionale per il Carisma e la Spiritualità

image

Previous | Top | What's New | Site Map
  Precedente | Arriba | Novedades | Mapa del Sitio
  Precedente | Su | Le Novitą | Mappa del Sito
  Home Page | Search | Guest Book | Mailing List | Web Master

Last revised: 2 May 2002