English - "CHARISM AND SPIRITUALITY" COMMISSION

Español - COMISIÓN "CARISMA Y ESPIRITUALIDAD"

Italiano - COMMISSIONE "CARISMA E SPIRITUALITÀ"
 


English

"CHARISM AND SPIRITUALITY" COMMISSION

A meeting of the commission was held in Rome from 22nd to 24th April under the chairmanship of the Vice Prior General, Fr. Carlo Cicconetti. The Commission examined the 'Spiritual Directory Project' and made a commitment to bring it to completion. The Commission also discussed how best to celebrate the fourth centenary of St. Mary Magdalene de' Pazzi and the eighth centenary of the Rule, both of which fall in 2007. The theme of next year's meeting will be 'New Age Spirituality' and Fr. Kees Waaijman will present a paper for debate. The meeting will be in Rome from 15th to 17th April.

(NB: For the full version of the minutes see the Italian version).



Español


COMISIÓN "CARISMA Y ESPIRITUALIDAD"

Se celebró una reunión en Roma en los días 22 a 24 de abril de 2003, bajo la presidencia del Vice Prior General, P. Carlos Cicconetti. La Comisión examinó el "Proyecto del Directorio Espiritual" e hizo un serio para llevarlo a la realidad. La Comisión trató también sobre la mejor manera de celebrar el Cuarto Centenario de Santa Mª Magdalena de Pazzis y el Octavo centenario de la Regla que acaecerá en el año 2007. El tema para la reunión del próximo año será "La espiritualidad del New Age" y el P. Kees Waijman será el principal exponente moderador del debate. La reunión será en Roma en los días 15 al 17 de abril.

(NB: Para la versión completa de las notas ver la versión italiana).



Italiano


COMMISSIONE "CARISMA E SPIRITUALITÀ"

Il secondo incontro della Commissione Internazionale per il Carisma e la Spiritualità si è tenuto a Roma dal 22 al 24 aprile 2003.

Erano presenti: P. Carlo Cicconetti, Vice Generale e Presidente della Commissione, P. Henricus Pidyarto, P. Kees Waaijman, P. John Russell, P. Paul Chandler, P. Richard Copsey e P. Gianfranco Tuveri. P. Desiderio Garcia si scusò della sua assenza inviando delle suggestioni a proposito del Direttorio di Spiritualità carmelitana. Mons. Vital Wilderink arrivò la sera di martedì.

I lavori sono cominciati martedì 22 aprile alle ore 9.30. Il Presidente P. Carlo Cicconetti lesse dal documento "Ricominciare da Cristo" il n. 30 sulla comunione tra i carismi antichi e nuovi. Poi riprese le 8 proposte fatte nella prima riunione di questa Commissione, riassumendo le questioni e l'evoluzione dei diversi dossier.

Si incominciò quindi a discutere sul tema del Direttorio Spirituale come previsto dall'ordine del giorno dei lavori di questa settimana. Seguirono diversi interventi per precisare il piano di lavoro, i problemi, le prospettive, i rapporti del Direttorio di Spiritualità con l'attuale Ratio e con il progetto di un Manuale per la formazione carmelitana previsto dalla Commissione Carisma e Spiritualità.

La Commissione ritiene che il progetto iniziale di fare una sintesi dei contributi richiesti per fare un libro che sarebbe il Direttorio di Spiritualità carmelitana è un progetto ambizioso non solamente di difficile realizzazione ma anche di carattere troppo statico.

La Commissione considera inoltre prematuro un tale obiettivo che dovrebbe comunque andare oltre i sussidi di cui disponiamo attualmente in particolare per colmarne le lacune soprattutto dal punto di vista pedagogico. Essa suggerisce il completamento e soprattutto l'utilizzo dei 20 sussidi previsti, come strumento di lavoro pluriforme e aperto nella funzione di un Direttorio di Spiritualità più ricco e flessibile di un volume di sintesi, che altri strumenti potranno offrire.

La Commissione si è trovata d'accordo sulle proposte in allegato che sottomette al Consiglio Generale.

Nel pomeriggio di martedì il P. Carlo Cicconetti, riprendendo il lavoro della mattinata, legge i risultati del questionario sul Direttorio di Spiritualità presentato ai formatori a Fatima nel gennaio 2001.

Sempre per quanto riguarda il Direttorio sono stati rivisti i fascicoli mancanti, le persone incaricate da sollecitare o alle quali proporli.

P. Carlo Cicconetti ha quindi introdotto la discussione sul numero due dell'ordine dei lavori: ricerche da suggerire e celebrazioni diverse.

1. Per i centocinquanta anni della proclamazione del dogma sull'Immacolata Concezione la Commissione non ha fatto delle proposte particolari; essa invita a partecipare a seminari, incontri, congressi, ecc. che saranno organizzati.
2. Per celebrare gli otto secoli della "formulae vitae" la Commissione ha preso atto della difficoltà attuale di fare qualche cosa insieme agli Scalzi a livello di ordine e suggerisce che si prosegua comunque.

La Commissione ha riflettuto a lungo a diverse proposte e prospettive possibili prendendo in considerazione il voto dell'ultimo Capitolo Generale in proposito.
Il Congresso sulla Regola col contributo dei diversi Istituti Carmelitani sarà assicurato dall'Institutum che ne curerà la pubblicazione.
La Commissione vuole che ci sia anche un altro approccio più largo di quello accademico e scientifico. Diverse proposte e suggerimenti sono stati fatti sulle finalità, metodo, mezzi, ecc.
Mercoledì mattina, la Commissione riprenderà la discussione su questo argomento cercando di articolare una proposta concreta e completa.

Mercoledì mattina il P. Carlo Cicconetti introduceva i lavori con la lettura del n. 33 della "Novo Millennio Ineunte" sulla esigenza diffusa di spiritualità presente nel mondo di oggi, terminando con la citazione dei nostri santi Teresa d'Avila e Giovanni della Croce.

Il Presidente dava poi il benvenuto a Mons. Vital arrivato la sera precedente a cui presentava brevemente l'argomento su cui la Commissione sta discutendo.

La Commissione proseguiva nella condivisione sulla proposta di un processo d'incontro con la Regola da avviare nell'Ordine, soffermandosi soprattutto sulla diverse finalità e motivazioni. Si ritornava anche a sottolineare l'importanza dei mezzi effettivi, non solo per lanciarlo ma anche per seguirlo e averne il feed-back, che si potrebbe fare anche via E-mail almeno tra i membri della Commissione.

P. Carlo ricordava che a questo proposito il segretario di questa Commissione P. Silvio è il canale migliore per la comunicazione.

La Commissione passava poi a riflettere sulle celebrazioni del 4° centenario della morte di santa Maria Maddalena de' Pazzi.

P. Carlo comunicava che al Consiglio Generale sono state avanzate delle proposte concrete dal P. Bruno Secondin, interpellato in proposito: edizione delle opere della Santa in italiano corrente (ci sta lavorando già lo stesso Bruno), una biografia moderna, una mostra itinerante, fascicoli diversi per una diffusione popolare, un video, nuovi testi liturgici, preparazione di un piccolo gruppo di esperti.

La Commissione sottolinea che l'iniziativa dovrebbe essere soprattutto della Provincia italiana e degli enti locali di Firenze.

La Commissione suggerisce che l'Institutum pubblichi una bibliografia aggiornata delle opere sulla Santa e organizzi un seminario di esperti.

Si è anche parlato dell'interesse che potrebbe avere una mostra iconografica.

Il Presidente della Commissione ha presentato il libretto di Chiara Vasciaveo "Se Dio è comunicativo" come possibile esemplare di un primo approccio semplice della carmelitana fiorentina che potrebbe essere uno spunto per altri lavori del genere o traduzioni in altre lingue. Ci si è chiesti anche come far conoscere la Santa e la sua spiritualità in aree dell'Ordine ove è meno nota (area inglese, tedesca, ecc.). P. Chandler ha dato notizia di una pubblicazione nell'area inglese che testimonia di un certo interesse per la mistica fiorentina da un punto di vista laico.

Mercoledì pomeriggio la Commissione ha ripreso i lavori con la lettura della bozza di proposte e conclusioni sul Direttorio di Spiritualità carmelitana e sul Centenario della formula vitae presentata dal segretario. I membri della Commissione hanno dato diversi suggerimenti di modificazione di alcuni punti. La discussione si è aperta a diverse questioni connesse ai temi del Direttorio di Spiritualità e alla lettura della Regola.

Il P. Carlo passava quindi rapidamente in rassegna il n: 5 del programma dei lavori della Commissione, dando informazioni e comunicazioni diverse sulle altre Commissioni.

Per quanto riguarda la Commissione per la Formazione rimandava al Verbale della loro ultima riunione che abbiamo trovato nella cartella.

Per la Commissione per la Comunicazione ci presentava brevemente una serie di documenti presentati da P. Harry al Consiglio Generale.

Per quanto riguarda la Cultura, ci parlava delle edizioni carmelitane, delle proposte di ristrutturazione, e del nuovo amministratore Evaldo.

Infine per quanto riguarda l'Institutum le diverse riunioni fatte dalla commissione centrale, le proposte per migliorare la distribuzione delle edizioni carmelitane, alcuni progetti di pubblicazione e i nomi di nuovi membri collaboratori.

Giovedì mattina alle nove è cominciata l'ultima riunione della Commissione. I membri hanno proposto alcune correzioni ai verbali già distribuiti.

P. Carlo propone di dare a ogni riunione della Commissione un tema centrale (oltre gli adempimenti pratici), che abbia attinenza o sia di stimolo all'approfondimento del carisma carmelitano, da trattare, previa preparazione e eventuali aiuti esterni.

Il P. Carlo ha quindi domandato che cosa pensare dei temi suggeriti al n. 4 "confronto del carisma della spiritualità carmelitana con i temi oggi emergenti: pace, giustizia, salvaguardia del creato, New Age, globalizzazione" e al n. 6 "Carisma condiviso con i laici" del programma d'incontro della Commissione.

Richard Copsey faceva la proposta di trattare anche di un progetto di edizione dei testi essenziali della spiritualità dell'Ordine. Paul Chandler chiedeva che non fosse solamente edizione di libri ma offerta di strumenti informatici utilizzabili da studenti e ricercatori. Per una tale edizione si dovrebbero usare i criteri scientifici moderni. Il proponente precisava che non si tratta di un lavoro di edizione critica ma di produzione di strumenti soprattutto per la formazione dei nostri candidati e della famiglia carmelitana.

Il Presidente pensa che questo progetto che pure ci interessa in modo particolare sia però piuttosto di competenza dell'Institutum o della Commissione per la Cultura.
Sui temi suggeriti dal programma dell'incontro si è d'accordo che quello del New Age è molto attuale in diverse parti del mondo. La Commissione ha avuto uno scambio su diversi aspetti del tema della spiritualità in generale (Kees nel suo libro ne ha recensiti ben 54), sulle attese del Consiglio Generale sulla nostra Commissione, sull'organizzazione dei nostri lavori, sullo scopo dello studio di questi temi, ecc.

Alla fine della discussione la Commissione sceglieva il tema New Age per la riunione del prossimo anno. P. Carlo e P. Silvio ci daranno un elenco di sussidi su cui prepararci. Naturalmente il documento "Gesù Cristo portatore dell'acqua viva. Una riflessione cristiana sul New Age" del Consiglio Pontificio della cultura e per il dialogo interreligioso sarà il testo di riferimento. Kees ci offrirà un riassunto panoramico sul tema della spiritualità come introduzione al nostro studio. Se qualcuno trova qualche altro sussidio interessante lo farà conoscere, soprattutto se accompagnato da domande per aiutare la riflessione nella prospettiva che è la nostra: un aspetto importante per esempio sarebbe quello di conoscere il metodo seguito dalle nostre case di esercizi spirituali.

Lo scopo di questo studio non è quello di fare dei membri della Commissione degli esperti di New Age, ma di riflettere come dare un aiuto alla famiglia carmelitana per rispondere alla attese su cui si radica e sviluppa il New Age. Se il Presidente lo riterrà utile all'incontro della Commissione del prossimo anno nella parte concernente questa riflessione sul New Age potrebbe essere presente un esperto.

Per quanto riguarda il n. 7 non pare che ci siano dei carmelitani tra i 15 religiosi che sono stati invitati dalla Conferenza Episcopale Europea a partecipare all'incontro del mese di luglio 2003 delle università in Europa.

La Commissione stabiliva quindi il calendario dell'incontro del prossimo anno. I membri della Commissione arriveranno mercoledì 14 aprile 2004 per cominciare i lavori giovedì mattina 15 aprile alle ore 9. I lavori si concluderanno sabato 17 aprile.

Il Presidente ringraziava la Commissione per il lavoro fatto a servizio dell'Ordine. Non essendoci altro la Commissione terminava i lavori andando a visitare il centro stampa della provincia italiana, come richiesto da alcuni membri della Commissione.

Roma il 24 aprile 2003

Commissione Internazionale per il Carisma e la Spiritualità

image

Previous | Top | What's New | Site Map
  Precedente | Arriba | Novedades | Mapa del Sitio
  Precedente | Su | Le Novità | Mappa del Sito
  Home Page | Search | Guest Book | Mailing List | Web Master

Last revised: 16 May 2002