Passione per Cristo,
passione per l’umanità


Lettera del Priore Generale,
P. Joseph Chalmers, O.Carm.
alla Famiglia del Carmelo


Cari fratelli e sorelle nel Carmelo,

1. Vorrei condividere con voi alcune riflessioni sulla riunione storica dei superiori religiosi tenutasi a Roma dal 23 al 27 novembre 2004. Hanno partecipato in tutto 848 tra uomini e donne: Superiori Generali (maschili e femminili), Presidenti delle Conferenze Nazionali dei Religiosi, teologi, giovani religiosi, direttori di riviste sulla vita consacrata, direttori di istituti finalizzati alla Formazione permanente dei religiosi, alcuni vescovi e rappresentanti della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata. Erano presenti 394 rappresentanti dall’Europa, 250 dal continente americano, 96 dall’Africa, 92 dall’Asia e 16 dall’Oceania, compresi quattro rappresentanti dell’Ordine. P. Tjeu Timmermans, O.Carm., presidente della Conferenza di tutti i religiosi dei Paesi Bassi, di recente fondazione e P. Altamiro Tenório da Paz, O.Carm., rappresentava i religiosi del Mozambico. P. Bruno Secondin, O.Carm., ha contribuito a redigere il documento prima del Congresso e ha partecipato in qualità di teologo. Io ero là come Priore Generale. Desidero riflettere brevemente sull’esperienza del Congresso e sottoporre alla vostra riflessione alcune questioni. Questa lettera è datata il 9 gennaio, festa del Battesimo del Signore, poiché nella nostra vita consacrata cerchiamo di vivere profondamente la nostra consacrazione battesimale.

2. Il Congresso è stato organizzato dall’Unione dei Superiori Generali (USG) e dall’Unione Internazionale delle Superiore Generali (UISG): era la prima volta che si riunivano questi due gruppi. Il tema scelto per il Congresso: "Passione per Cristo, passione per l’umanità". Come religiosi siamo chiamati a "seguirLo con passione e, mossi dalla sua compassione, a condividere la sua passione per ogni essere umano", come si dice nel Instrumentum laboris, preparato per il Congresso. Scopo del Congresso:: riconoscere l’azione dello Spirito nella vita consacrata d’oggi, per discernere ed esprimere ciò che Dio ci dice per esortare gli uni gli altri ed agire con rinnovata passione per Cristo e per l’umanità. È mia intenzione, con quanto sto per dirvi, di farvi in qualche modo assaporare ciò che è avvenuto nel Congresso e anche di offrirvi la mia riflessione personale in merito. Per chi desidera leggere per intero i Documenti del Congresso, può farlo andando alle pagine del sito: www.vidimusdominum.org in attesa che siano a suo tempo pubblicati.

Modelli d’ispirazione per la vita consacrata

3. L’idea che colpisce nell’Instrumentum laboris è stata il proporre due nuovi modelli per la vita consacrata. Com’è noto, nel documento post-sinodale Vita Consecrata, il Santo Padre aveva offerto la Trasfigurazione del Signore come icona per la vita consacrata (cfr VC 14-19). I due nuovi modelli proposti nell’Instrumentum laboris sono presi sempre dalla Sacra Scrittura. La prima figura è la donna samaritana al pozzo (Gv 4,1-42) e la seconda è il buon Samaritano (Lc 10,25-37). Dalla donna Samaritana impariamo che Gesù cerca le nostre debolezze dal quale trarre i nostri desideri più profondi. Egli sa che soltanto un desiderio più grande può ridimensionare desideri più piccoli. Può darsi che: Gesù abbia lasciato che lei esprimesse fino in fondo i suoi pregiudizi, diffidenze, dubbi, finché la sete di vita che lei nascondeva nel suo cuore è affiorata. «Se tu conoscessi il dono di Dio....». Se lui non avesse focalizzato la sua attenzione nella sua debolezza, lei non avrebbe riconosciuto i suoi bisogni inappagati. Se non l’avesse messi a fuoco, sarebbe tornata a casa con la sua brocca piena di un’acqua incapace di estinguere la sua sete. Dove sono i pozzi dove abbiamo incontrato il Signore e ricevuto l’acqua vivente da lui? È possibile per noi riconoscere la nostra sete profonda e la nostra area di ”fallimento”? Sii pronto! Egli può aspettarti ovunque, in qualunque momento del giorno, anche nel momento in cui sei assorbito da futili preoccupazioni. La parabola del Buon Samaritano è la risposta di Gesù alla domanda: «Chi è il mio prossimo»? Nell’Antico Testamento la Legge già comandava l’amore del prossimo (Lv 19,18). Tuttavia al tempo di Gesù alcuni lo interpretavano come la persona vicina solo fisicamente oppure un membro della stessa razza o religione (Dt 15,2-3), non altri. Il dibattito verteva sul significato del termine: “prossimo”. Gesù propone una visione più ampia. Per Gesù “prossimo” è chiunque attraversi il mio cammino, indipendentemente dalla razza, dalla classe o dalla religione. Nel racconto evangelico il Samaritano è subito pronto a cambiare i suoi programmi di fronte al bisogno dell’uomo derubato. E qui si legge la logica di Cristo: “Non misurare; non calcolare. Dona e avrai nel dono la tua ricompensa”. È difficile andare avanti con questa fede? Ma quando all’inizio abbiamo risposto alla chiamata del Signore, lui non ci ha detto che sarebbe stato facile!

La vita consacrata di oggi e di domani

4. Abbiamo appreso insieme l’impatto che la situazione attuale del mondo ha nella vita consacrata. Il confronto è stato effettuato da due diverse prospettive: America Latina e Europa. Pur non essendo del mondo, siamo concretamente inseriti in questo mondo e questo incide notevolmente sul nostro modo di pensare e sullo stile di vita. Tenuto conto che c’è tanto bene, si è messo l’accento su alcune tendenze culturali che influiscono negativamente sulla vita consacrata. Questa forma di vita non è nostra, ma è un dono di Dio alla Chiesa per il mondo; nostro è il dovere, ed è sacro, di trasmetterlo ad altri. Il carisma è come una palla di plastilina da modellare. Chiunque la tocchi, vi lascia le proprie impronte. Qual è il nostro impatto sulla famiglia carmelitana?

5. In questi tempi tutte le istituzioni soffrono di una certa mancanza di credibilità. La Chiesa ha dovuto riconoscere le sue fragilità e Papa Giovanni Paolo II ha chiesto pubblicamente perdono per gli errori e le colpe della Chiesa in passato. Siamo la comunità di credenti in Gesù Cristo in cammino verso il Regno, ma non siamo ancora arrivati. Nella sua vita terrena Gesù è stato uno scandalo per quanti non riuscivano ad andare oltre le apparenze per vedere in lui il Messia inviato da Dio. Allo stesso modo la Chiesa è scandalo per chi non sa vedere oltre la fragilità umana. Possiamo capire la relazione tra la Chiesa e il Regno di Dio dalla prospettiva delle parabole del Regno. Le metafore del lievito (Mt 13,33; Lc 13,20-21), della zizzania e del grano (Mt 13,24-30) e della perla nascosta (Mt 13,45-46) ci aiutano a cogliere la dimensione del mistero interno della Chiesa al di là di tutte le difficoltà che appaiono. Senza una preghiera profonda e costante sarà impossibile vedere come Dio vede e quindi ci fermeremo troppo rapidamente a ciò che appare.

6. Si dice che oggi viviamo in un villaggio globale, nel senso che i moderni mezzi di comunicazione ci hanno molto avvicinato. Ma, a conti fatti, invece di esserci incontro, il movimento creatosi è di allontanamento. Si assiste a questa polarizzazione anche all’interno della stessa Chiesa. La vita consacrata è segno dell’amore di Cristo che abbatte i muri di divisione. Siamo preparati a trovare vie di dialogo con chi la pensa diversamente da noi? Questo problema riguarda non solo chi vive all’esterno, ma anche all’interno delle nostre comunità. La diversità che dovrebbe essere occasione di arricchimento per noi, il più delle volte è causa di divisione. Abbiamo bisogno di ricordare e vivere di continuo ciò che Gesù ci ha chiesto di fare: perdonarci l’un l’altro, non una, ma «settanta volte sette» (Mt 18,22).

7. Sono state lanciate al Congresso nuove idee su alcune possibilità per la vita consacrata di domani. La vita religiosa si propone come vita alternativa nella Chiesa. I religiosi non si sforzano semplicemente di vivere in questo mondo con uno stile evangelico, perché questa è la vocazione di tutti i cristiani. I religiosi cercano di creare un mondo nuovo: e questo è specifico della nostra testimonianza profetica. Nella Bibbia, e particolarmente nel vangelo di Giovanni, il termine “mondo” è ambiguo. Secondo la relatrice, mondo può riferirsi a tutta la creazione, che è buona (Gv 3,16), ma può anche significare il teatro della storia umana. Gesù ha parlato del suo entrare nel mondo come luce (cfr Gv 12, 46) e ha pregato durante l’ultima Cena non che Dio togliesse i suoi discepoli dal mondo, cioè dalla storia umana, ma che li proteggesse dalla malvagità nel loro vivere e operare nel mondo (cfr Gv 17,15). Il mondo indica infine il genere umano nella sua totalità. Vi è inoltre un significato negativo attribuito alla parola “mondo” che è sinonimo di malvagità, di tutto ciò che è sotto il dominio di Satana (cfr Gv 13, 27). “Mondo” in senso negativo è la costruzione della realtà secondo i principi opposti ai valori evangelici. La vittoria di Dio su Satana e sulla costruzione satanica della realtà si realizza nella persona di Gesù Cristo, crocifisso e risorto dai morti. Il mistero pasquale stabilisce definitivamente che la vita eterna giunge attraverso la morte, non in senso fisico e naturale, ma come conseguenza del rifiuto a sottomettere la propria vita al progetto di Satana. I seguaci di Cristo rischiano e perdono la loro vita nella lotta per il Regno di Dio. La notizia ricevuta durante il Congresso di un religioso assassinato in Kenya ha ricordato ai partecipanti fin dove arriva la responsabilità del vivere la vita di Cristo.

8. Come religiosi cerchiamo di offrire una visione alternativa della realtà attraverso i voti che professiamo. I voti esprimono il nostro impegno verso la persona di Gesù Cristo e il modo di partecipare alla missione della Chiesa di testimoniare e realizzare il Regno di Dio in questo mondo. Il Papa, nel suo messaggio al termine del Congresso, ha detto: «La testimonianza della vostra vita casta, povera e obbediente diventa così, in quest’alba del terzo millennio cristiano, trasparenza del volto amorevole di Cristo» (art. 5). I religiosi sono sfidati costantemente a vivere questa testimonianza in una realtà molto ambigua negli ambienti sociali, costituiti in larga misura dai dinamismi satanici dello sfruttamento sessuale, della dominazione politica e dell’oppressione economica e impegnati nella lotta mortale con le iniziative che promuovono la giusta relazione tra le creature di Dio.

9. Gesù non è venuto a istituire una nuova religione con nuovi confini per escludere qualcuno. È venuto a inaugurare un mondo nuovo e a dare a tutti la possibilità di diventare figli di Dio. I religiosi testimoniano in ogni cultura e in ogni epoca che Cristo è venuto a dare la vita in abbondanza a tutti. In cosa la nostra vita consacrata dà testimonianza? Possono gli altri cogliere in noi un modo alternativo e attraente di essere nel mondo?

10. Mons. Franc Rodé C.M., Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata, ha parlato di alcune sfide per la vita religiosa oggi. Ha ricordato il rischio che alcune tendenze della società possano incidere negativamente sul nostro stile di vita e di conseguenza indebolire le forze dei religiosi. Mons. Rodé ha sottolineato l’importanza della Celebrazione Eucaristica quotidiana come fonte della fedeltà per i religiosi. Dall’Eucaristia si apprende la vera passione per Cristo e per l’umanità. È dalla nostra partecipazione al dono totale di Cristo che scaturisce il nostro servizio agli altri.

Problematiche varie

11. Tutti i partecipanti del Congresso sono stati coinvolti in gruppi di vario genere. Credo che alcuni degli interrogativi affidati ai lavori di gruppo possano essere utili anche a noi per una riflessione personale e comunitaria. Accennerò ad alcune tematiche e idee emerse.

12. Il primo tema su cui ci si è interrogati è stato: Giustizia, Pace e Sofferenza dell’Umanità. Questa la domanda specifica: Gli spostamenti della gente a causa di guerra, carestia, dislocamento e migrazione stanno drammaticamente cambiando il mondo. E la vita consacrata come sta cambiando? Come può e deve rispondere la vita consacrata a questi tragici eventi? Quali servizi ci chiederà questo processo di sradicamento? Il gruppo ha rilevato i maggiori ostacoli al nostro impegno in quest’ambito, ad esempio: la nostra resistenza al cambiamento, il nostro modus vivendi di sicurezza e comodità, gli investimenti politici acritici. Come possiamo meglio rispondere alla sofferenza che vediamo attorno a noi?

13. Un altro gruppo si è occupato del problema dell’inculturazione. La domanda principale del gruppo era: Come può la vita consacrata superare mentalità di “ghetto” per accogliere le nuove opportunità, soprattutto lì dove le culture e le religioni sperimentano violenza e tensione? È stato osservato che spesso all’interno degli Ordini vi è una cultura dominante e che il farsi strada di un’altra cultura può provocare la rinuncia a opinioni fortemente difese. Ci è chiesto di essere tanto coraggiosi da superare i nostri pregiudizi personali. Nella storia del nostro Ordine vediamo quali decisioni sono state prese in momenti critici per andare verso nuove missioni a predicare la Buona Novella e condividere il nostro carisma. Come possiamo accogliere le nuove opportunità che ci vengono offerte da Dio nel nostro mondo?

14. Altro argomento è stato il dialogo inter-religioso. Qual è il ruolo e quale la responsabilità dei religiosi nel campo del dialogo inter-religioso? Il dialogo reale è ostacolato dalla fragilità della nostra fede, dalle incomprensioni reciproche, dall’ignoranza, dal timore, dal pregiudizio, dalle ferite della storia e dalle ferite personali, dal desiderio di dominare ed imporsi. I mass-media ci condizionano nel vedere l’altro come una minaccia e nel tendere a facili generalizzazioni. Il profeta Elia è di sua natura una figura ecumenica: venerato da Ebrei, Cristiani e Musulmani. Come possiamo, sull’esempio di Elia, restare fedeli alla tradizione ma allo stesso tempo essere creativi nell’avvicinarci a chi non condivide la nostra fede?

15. Un altro gruppo si è occupato di mass-media e comunicazione dei valori. La domanda da trattare: Quali sono le misure necessarie per comunicare con integrità i valori della vita consacrata? Il gruppo ha evidenziato il timore di fronte alla tecnologia e la carenza di comprensione del come usarla in senso creativo. Noi comunichiamo con un linguaggio che spesso non raggiunge il pubblico. Parliamo il linguaggio di ieri alla gente di domani?

16. Liberare la profezia: solidarietà in un mondo di emarginazione. Come sono identificati e incoraggiati i movimenti profetici e le persone nelle Congregazioni religiose? Come può la leadership promuovere questo nuovo sviluppo? Quali ostacoli vanno rimossi perché sia possibile realizzarlo? Il consumismo, l’individualismo, l’apatia e la mancanza di fiducia nella natura profetica della vita religiosa sono elementi che ostacolano il progresso in questo campo. L’opzione preferenziale per il povero cui appartiene il Regno di Dio, è un elemento fondamentale nella vita consacrata. Il povero ci evangelizza. Come mostriamo la solidarietà con tutti coloro che le nostre società emarginano?

17. Un altro gruppo ha riflettuto sul tema: Celibato e relazioni vitali. La domanda specifica rivolta al gruppo: In che modo la rivoluzione sessuale ha interessato le relazioni nella vita consacrata? Si è notato che la castità consacrata è un amore esclusivo a Dio contrassegnato dalla passione per Gesù Cristo e il suo Vangelo. Nella tradizione dell’Ordine, uno dei titoli attribuiti a Nostra Signora è “Virgo Purissima". Maria è stata consumata da un amore esclusivo per il Signore. E noi siamo così esclusivi?

18. Sete di Dio e ricerca di significato è stato il tema di un altro gruppo. Per aiutare la riflessione, i membri disponevano delle domande che seguono: La vita consacrata è alla ricerca di significato in un mondo alla ricerca di senso. la nostra preghiera e spiritualità, come rispondono a questa sete di significato?Le nostre vite come le esprimono? Il gruppo ha rilevato dei forti ostacoli nella vita religiosa attuale, vale a dire: la fuga nell’attivismo, la ricerca esagerata di se stessi, una vita comunitaria che pone attenzione più alle strutture che ai rapporti interpersonali. I rapporti virtuali (tv, internet) possono rendere difficile il vero rapporto con Dio e con gli altri. Manca spesso il silenzio e manca l’ascolto. La nostra Regola sottolinea l’importanza del silenzio che nutre la giustizia. Tutte le nostre parole e azioni devono emergere da un cuore silenzioso. Che importanza diamo al silenzio interiore?

19. Leadership e Autorità. Quale tipo di leadership è necessaria nella vita consacrata per realizzare pienamente la potenzialità dei religiosi ad incarnare la missione di Gesù nel nostro tempo? Il gruppo che trattava questo interrogativo, ha notato che decidere in gruppo è un’arte difficile e che i leaders sono costretti a volte a prendere decisioni spiacevoli per qualcuno o che in qualche modo ricadono su altri. La comunità si può paragonare a un’orchestra dove, se pur molti sono gli strumenti, tutti suonano per fondersi melodiosamente. Se uno è fuori tono, l’insieme ne soffre. È facile dedurre che la salute spirituale di un membro incide su tutta la comunità. E tu, come incidi sulla tua comunità?

20. L’ultimo giorno del Congresso Mons. Rodé ha nuovamente partecipato, questa volta per leggere il messaggio del Santo Padre. Noterete che il Santo Padre ha citato la nostra S. Maria Maddalena de’ Pazzi come ispirazione per tutti i religiosi ad amare l’amore e che l’Amore sia amato (art. 4). Il Santo Padre ci ricorda inoltre «che l’unica misura dell’amore è amare senza misura» (art. 7).

21. In ultimo vi lascio le domande che sono state rivolte a tutti i partecipanti al Congresso. Spero possano aiutare la vostra riflessione personale ed essere un modo per verificare la vostra salute spirituale e quella della vostra Provincia.
a) Puoi identificare i segni di vita in te, nella tua comunità, nella tua Provincia (Commissariato o Delegazione) e nell’Ordine intero?
b) Cosa ostacola il manifestarsi di questi segni di vita nei vari ambiti?
c) Nei vari contesti, quali sono i cambiamenti necessari nell’Ordine per promuovere questi segni di vita?
d) Come Provincia, Commissariato, comunità o individualmente, che cosa può essere fatto concretamente per incoraggiare questi segni di vita?

La speranza degli organizzatori del Congresso era di dare nuovo slancio a tutti i religiosi per vivere più profondamente la loro consacrazione battesimale. Che noi Carmelitani possiamo vivere sempre alla presenza di Dio e come Maria, nostra Madre e Sorella, far sì che la Parola di Dio penetri nel nostro cuore e trasformi la nostra vita.

Joseph Chalmers, O.Carm.
Priore Generale

9 gennaio 2005
Battesimo del Signore

image
Precedente | Su | Successiva | Le Novità | Mappa del Sito | Home Page
  Ricerca | Libro dei Visitatori | Mailing List | Web Master

Ultima revisione: 14 febbraio 2005