Lo Scapolare del Carmine

 

Liturgia delle Ore

16 luglio - Solennità della
B. Vergine Maria del Monte Carmelo

La Sacra Scrittura esalta la bellezza del monte Carmelo, là dove il profeta Elia difendeva la purezza della fede d‘Israele nel Dio vivente. In quei luoghi, all’inizio del XIII secolo ebbe giuridicamente origine l’Ordine Carmelitano, sotto il titolo di S. Maria del Carmelo. Questo titolo, quasi compendio dei benefici della Patrona, cominciò a venir celebrato fin dal secolo XIV, dapprima in Inghilterra, quindi gradatamente in tutto l’Ordine. Raggiunse il massimo splendore ai primi del secolo XVII, allorché il Capitolo generale lo dichiarò festa principale e speciale dell’Ordine, e Paolo V lo riconobbe come titolo distintivo della Confraternita dello Scapolare.

Lodi Mattutine della Beata Vergine Maria
Vespri della Beat Vergine Maria
Preghiere alla Vergine Maria




Lodi Mattutine della Beata Vergine Maria

- O Dio, vieni a salvarmi.
- Signore, vieni presto in mio aiuto.
- Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo
- Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.
Alleluia.

Inno

La Madonna del CarmineAl sommo del Carmelo
il passo dirigiamo:
la Madre su ci chiama
per arricchirci l’alma.

Vi si potrà mirare
di Dio la gloria vera:
il petto si rafforza,
prende vigore il braccio.

Scende dall’alto il fiume
che l’arido deserto
disseta in abbondanza
e dà copiosa messe.

Nutre il Carmel fiducia
nell’alma Madre ognora:
il dono si moltiplica
dov’Essa il guardo posa.

Sua Figlia il Padre onora
la Madre il Figlio adorna,
ricca la fa lo Spirito:
la Trinità si lodi. Amen.

1 Antifona: Attiraci dietro di te, Vergine immacolata, ti seguiremo, affascinati dalla tua grazia celeste.

Salmo 62,2-9: L’anima assetata del Signore.

O Dio, tu sei il mio Dio, all’aurora ti cerco,
di te ha sete l’anima mia,
a te anela la mia carne,
come terra deserta, arida, senz’acqua.

Così nel santuario ti ho cercato,
per contemplare la tua potenza e la tua gloria.
Poiché la tua grazia vale più della vita,
le mie labbra diranno la tua lode.

Così ti benedirà finché io viva,
nel tuo nome alzerò le mie mani.
Mi sazierò come a lauto convito,
e con voci di gioia ti loderà la mia bocca.

Nel mio giaciglio di te mi ricordo
penso a te nelle veglie notturne,
tu sei stato il mio aiuto;
esulto di gioia all’ombra delle tue ali.

A te si stringe l’anima mia.
La forza della tua destra mi sostiene.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

1 Antifona: Attiraci dietro di te, Vergine immacolata, ti seguiremo, affascinati dalla tua grazia celeste.

2 Antifona: Ave, Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne.

Daniele 3,57-88.56: Ogni creatura lodi il Signore.

Benedite, opere tutte del Signore, il Signore,
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.
Benedite, angeli del Signore,
il Signore, benedite, cieli, il Signore.

Benedite, acque tutte, che siete, sopra i cieli, il Signore,
benedite, potenze tutte del Signore, il Signore.
Benedite, sole e luna, il Signore,
benedite, stelle del cielo, il Signore.

Benedite, piogge e rugiade, il Signore,
benedite, o venti tutti, il Signore.
Benedite, fuoco e calore, il Signore,
benedite, freddo e caldo, il Signore.

Benedite, rugiada e brina, il Signore,
benedite, gelo e freddo, il Signore.
Benedite, ghiacci e nevi, il Signore,
benedite, notti e giorni, il Signore.

Benedite, luce e tenebre, il Signore,
benedite, folgori e nubi, il Signore.
Benedica la terra il Signore,
lo lodi e lo esalti nei secoli.

Benedite, monti e colline, il Signore,
benedite, creature tutte che germinate sulla terra, il Signore.
Benedite, sorgenti, il Signore,
benedite, mari e fiumi il Signore.

Benedite, mostri marini e quanto si muove nell’acqua, il Signore,
benedite, uccelli tutti dell’aria, il Signore.
Benedite, animali tutti, selvatici e domestici, il Signore,
benedite, figli dell’uomo, il Signore.

Benedica Israele il Signore,
lo lodi e lo esalti nei secoli.
Benedite, sacerdoti del Signore, il Signore,
benedite, o servi del Signore, il Signore.

Benedite, spiriti e anime dei giusti, il Signore,
benedite, pii e umili di cuore, il Signore.
Benedite, Anania, Azaria e Misaele, il Signore,
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.

Benediciamo il Padre e il Figlio con lo Spirito Santo,
lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli.
Benedetto sei tu, Signore, nel firmamento del cielo,
degno di lode e di gloria nei secoli.

2 Antifona: Ave, Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne.

3 Antifona: Beata sei tu, Vergine Maria: hai gene-rato colui che ti ha fatto e rimani vergine in eterno.

Salmo 149: La festa degli amici di Dio.

Cantate al Signore un canto nuovo;
la sua lode nell’assemblea dei fedeli.
Gioisca Israele nel suo Creatore,
esultino nel loro Re i figli di Sion.

Lodino il suo nome con danze,
con timpani e cetre gli cantino inni.
Il Signore ama il suo popolo,
incorona gli umili di vittoria.

Esultino i fedeli nella gloria,
sorgano lieti dai loro giacigli.
Le lodi di Dio sulla loro bocca
e la spada a due tagli nelle loro mani,

per compiere la vendetta tra i popoli
e punire le genti;
per stringere in catene i loro capi,
i loro nobili in ceppi di ferro;

per eseguire su di essi
il giudizio già scritto:
questa è la gloria
per tutti i suoi fedeli.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

3 Antifona: Beata sei tu, Vergine Maria: hai generato colui che ti ha fatto e rimani vergine in eterno.

Lettura: Isaia 35,1-2

Si rallegrino il deserto e la terra, esulti e fiorisca la steppa. Come fiore di narciso fiorisca; sì, canti con gioia e con giubilo. Le è data la gloria del Libano; lo splendore del Carmelo e di Saròn. Essi vedranno la gloria del Signore e la magnificenza del nostro Dio.

Responsorio:

- I tuoi figli ti hanno invocato nel tempo della tribolazione, e tu dal cielo li hai esauditi.
- E con la tua grande misericordia hai dato a loro salvezza.
- E tu dal cielo li hai esauditi.
- Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
- I tuoi figli ti hanno invocato nel tempo della tribolazione, e tu dal cielo li hai esauditi.

Antifona al cantico: Disse Gesù alla Madre: Donna, ecco tuo Figlio. Poi disse al discepolo: Ecco tua Madre. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.

Cantico di Zaccaria: Luca 1‚ 68-79: Il Messia e il suo Precursore.

Benedetto il Signore Dio d’Israele,
perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente
nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:

salvezza dai nostri nemici,
e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri
e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre
di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo
perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza
nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,
per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre
e nell’ombra della morte

e dirigere in nostri passi
sulla via della pace.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona del cantico: Disse Gesù alla Madre: Donna, ecco tuo Figlio. Poi disse al discepolo: Ecco tua Madre. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.

Invocazioni

In questa solennità onoriamo riconoscenti Cristo Salvatore, primogenito fra molti fratelli, che ci donò la Madre sua e diciamo:

Gloria a te, Signore, per il dono della Madre tua.

Cristo Redentore, che ti sei preparato una degna dimora nella Beata Vergine Maria preservandola da ogni macchia di peccato,
- degnati di conservarci poveri in spirito e puri di cuore nel servizio tuo e della Vergine.

O Verbo unico del Padre, pronunciato nell’eterno e accolto con immenso amore nel seno della Vergine,
- fa’ che quanti hai chiamati a consacrarsi a te nel Carmelo siano fedeli custodi e annunciatori della parola di Dio, ad imitazione di Maria.

Cristo Maestro, che a coloro che ti cercano hai dato la Beata Vergine come modello di ogni virtù,
- concedi a noi, suoi figli, di divenire nel mondo sue immagini viventi e di imitarne la carità verso i fratelli.

Gesù, figlio di Maria, che hai dato la Madre tua all’apostolo Giovanni perché la tenesse con sé,
- fa’ che entriamo sempre più in intima familiarità con Maria per giungere all’ineffabile esperienza del tuo amore.

Cristo, Sposo della Chiesa, che hai inviato il tuo Spirito su Maria mentre insieme con gli Apostoli perseverava in preghiera,
- dona all’Ordine del Carmelo di essere assiduo e concorde nell’orazione con Maria, affinché sia continuamente rinnovato dal fuoco dello Spirito Santo.

Padre nostro, che sei nei celi, . . . .

Orazione

O Dio, che hai onorato l’Ordine del Carmelo col titolo glorioso della beata Vergine Maria, Madre del tuo Figlio, concedi a noi, che ne celebriamo la solenne commemorazione, di poter giungere, forti del suo aiuto, alla vetta del Monte che è Cristo Signore. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Il Signore ci benedica ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

Si può recitare un’invocazione mariana tra quelle proposte alla fine.

Su




Vespri della Beat Vergine Maria

- O Dio, vieni a salvarmi.
- Signore vieni presto in mio aiuto.
- Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo
- Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.
La Madonna del CarmineAlleluia.

Inno

Fiore del Carmelo
o vite in fiore,
splendor del cielo,
Tu solamente
sei Vergine e Madre.

Madre dolcissima,
sempre illibata,
ai tuoi devoti
dà protezione,
Stella del mare.

1 Antifona: Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto.

Salmo 121: La città santa di Gerusalemme.

Quale gioia, quando mi dissero:
«Andremo alla casa del Signore».
E ora i nostri piedi si fermano
alle tue porte, Gerusalemme!

Gerusalemme è costruita
come città salda e compatta.

Là salgono insieme le tribù le tribù del Signore,
secondo la legge di Israele,
per lodare il nome del Signore.

Là sono posti i seggi del giudizio,
i seggi della casa di Davide.

Domandate pace per Gerusalemme:
sia pace a coloro che ti amano,
sia pace sulle tue mura,
sicurezza nei tuoi baluardi.

Per i miei fratelli e i miei amici
io dirò: «Su di te sia pace!».
Per la casa del Signore nostro Dio,
chiederò per te il bene.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

1 Antifona: Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto.

2 Antifona: Maria ascoltava la parola di Dio e la custodiva, meditandola, nel suo cuore.

Salmo 126: Ogni fatica è vana senza il Signore.

Se il Signore non costruisce la casa,
invano vi faticano i costruttori.
Se la città non è custodita dal Signore
invano veglia il custode.

Invano vi alzate di buon mattino,
tardi andate a riposare
e mangiate pane di sudore:
il Signore ne darà ai suoi amici nel sonno.

Ecco, dono del Signore sono i figli,
è sua grazia il frutto del grembo.
Come frecce in mano a un eroe
sono i figli della giovinezza.

Beato l’uomo
che piena ne ha la faretra:
non resterà confuso quando verrà alla porta
a trattare con i propri nemici.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

2 Antifona: Maria ascoltava la parola di Dio e la custodiva, meditandola, nel suo cuore.

3 Antifona: Gli Apostoli erano assidui e concordi nella preghiera con Maria, la madre di Gesù.

Cantico Efesini 1,3-10: Dio salvatore.

Benedetto sia Dio,
Padre del Signore nostro Gesù Cristo,
che ci ha benedetti
con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo.

In lui ci ha scelti
prima della creazione del mondo,
per trovarci, al suo cospetto,
santi e immacolati nell’amore.

Ci ha predestinati
ad essere suoi figli adottivi
per opera di Gesù Cristo,
secondo il beneplacito del suo volere,

a lode e gloria della sua grazia,
che ci ha dato nel suo Figlio diletto.

In lui abbiamo la redenzione
mediante il suo sangue,
la remissione dei peccati
secondo la ricchezza della sua grazia.

Dio l’ha abbondantemente riversata su di noi
con ogni sapienza e intelligenza,
poiché egli ci ha fatto conoscere
il mistero del suo volere,

il disegno di ricapitolare in Cristo tutte le cose,
quelle del cielo come quelle della terra.

Nella sua benevolenza lo aveva in lui prestabilito
per realizzarlo nella pienezza dei tempi.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

3 Antifona: Gli Apostoli erano assidui e concordi nella preghiera con Maria, la madre di Gesù.

Lettura breve: Giuditta 13,18.19-20

Benedetta sei tu, figlia, davanti a Dio altissimo più di tutte le donne che vivono sulla terra. Davvero la tua lode non cadrà dal cuore degli uomini, che ricorderanno per sempre la potenza di Dio. Dio dia esito felice a tua perenne esaltazione, ricolmandoti di beni, in riconoscimento della prontezza con cui hai esposto la vita di fronte all’umiliazione della nostra stirpe e hai sollevato il nostro abbattimento, comportandoti rettamente davanti al nostro Dio.

Responsorio:

- Io gioisco pienamente nel Signore, la mia anima esulta nel mio Dio.
- Perché mi ha rivestito delle vesti di salvezza, mi ha avvolto con il manto della giustizia.
- La mia anima esulta nel mio Dio.
- Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
- Io gioisco pienamente nel Signore, la mia anima esulta nel mio Dio.

Antifona al cantico: Oggi è onorata la Vergine Maria, madre e decoro del Carmelo. Oggi i suoi figli diletti ne ricordano i benefici. Oggi la stella del mare brilla dinanzi ai figli quale segno di sicura speranza e di consolazione.

Cantico della Beata Vergine: Luca 1‚ 46-55: Esultanza dell’anima nel Signore.

L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni
mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente
e santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia
si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore:

ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri,
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al cantico: Oggi è onorata la Vergine Maria, madre e decoro del Carmelo. Oggi i suoi figli diletti ne ricordano i benefici. Oggi la stella del mare brilla dinanzi ai figli quale segno di sicura speranza e di consolazione.

Intercessioni

Celebrando la solennità della beatissima Madre di Dio, nostra titolare e patrona, supplichiamo con fiducia Cristo Signore e diciamo:

Per la Madre del Carmelo ti preghiamo, ascoltaci.

Signore che hai detto: “Beati i poveri in spirito perché di essi è il regno dei cieli”.
- fa’ che imitiamo in povertà di spirito Maria, tua serva, e meritiamo di diventare ricchi di Te solo.

Signore che hai detto: “Beati i puri di cuore perché vedranno Dio”,
- fa’ che imitando la purità della Vergine, possiamo contemplare sempre il volto del Padre.

Signore che hai detto: “Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto”.
- fa’ che, pellegrini nella notte della fede, aderiamo a Te con Maria, beata per la fede, e crediamo sempre al tuo amore per noi.

Signore che hai detto: “Bisogna sempre pregare, senza stancarsi”.
- insegnaci a pregare, affinché perseverando unanimi nella preghiera con Maria, custodiamo sempre nel cuore la Tua parola e l’annunciamo ai fratelli.

Signore che hai detto: “Vi do un comandamento nuovo: amatevi come io vi ho amati”.
- fa’ che, collaboratori con Maria all’opera della Redenzione, non esitiamo a dare la vita per i fratelli e siamo un cuor solo e un’anima sola.

Signore che dalla croce, indicando Maria, hai detto a Giovanni: “Ecco tua Madre”.
- fa’ che riconosciamo Maria come madre della grazia, la riceviamo come l’Apostolo, vivendo nell’intimità con Lei.

Signore che hai detto: “Voglio che coloro che mi hai dato siano anch’essi con me dove sono io”.
- Concedi che tutti i fedeli, che furono affidati a te e alla Madre tua, possano gioire senza fine con te e con lei nella gloria del Padre.

Padre nostro, che sei nei celi, . . . . .

Orazione

O Dio, che hai onorato l’Ordine del Carmelo col titolo glorioso della beata Vergine Maria, Madre del tuo Figlio, concedi a noi, che ne celebriamo oggi la Solenne commemorazione, di poter giungere, forti del suo aiuto, alla vetta del Monte che è Cristo Signore. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Il Signore ci benedica ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

Si può recitare un’invocazione mariana tra quelle proposte in seguito.

Su




Preghiere alla Vergine Maria

1 Ave Maria

Ave Maria piena di grazia,
il Signore è con te,
tu sei benedetta fra le donne
e benedetto il frutto del tuo seno Gesù.
Santa Maria, madre di Dio,
prega per noi peccatori,
adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

La Madonna del Carmine2 Flos Carmeli
(La preghiera dei Carmelitani
a Maria)

Fiore del Carmelo
o vite in fiore,
splendor del cielo,
Tu solamente
sei Vergine e Madre.

Madre dolcissima,
sempre illibata,
ai tuoi devoti
dà protezione,
Stella del mare.

3 Salve, Regina

Salve, Regina, madre di misericordia,
vita, dolcezza e speranza nostra, salve.
A te ricorriamo, esuli figli di Eva;
a te sospiriamo, gementi e piangenti
in questa valle di lacrime.
Orsù dunque, avvocata nostra,
rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi.
E mostraci, dopo questo esilio, Gesù,
il frutto benedetto del tuo seno.
O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

4 Alma Redemtoris Mater

O santa Madre del Redentore,
porta dei cieli, stella del mare,
soccorri il tuo popolo
che anela a risorgere.
Tu che accogliendo il saluto dell’angelo,
nello stupore di tutto il creato,
hai generato il tuo Creatore,
madre sempre vergine,
pietà di noi peccatori.

5 Ave, Regina Coelorum

Ave, regina dei cieli,
ave, signora degli angeli;
porta e radice di salvezza,
rechi nel mondo la luce.
Godi, vergine gloriosa,
bella fra tutte le donne;
salve, o tutta santa,
prega per noi Cristo Signore.

6 Sub tuum Praesidium

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,
santa Madre di Dio:
non disprezzare le suppliche
di noi che siamo nella prova,
e liberaci da ogni pericolo,
o vergine gloriosa e benedetta.

7. Preghiera dell’Angelus

- L’Angelo del Signore portò l’annuncio a Maria.
- Ed ella concepì per opera dello Spirito Santo.
- Ave, o Maria piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno Gesù.
- Santa Maria, madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

- Ecco l’ancella del Signore,
- Sia fatto di me secondo la tua parola.
Ave, o Maria . . .

- E il Verbo si è fatto carne,
- Ed ha abitato fra noi.
Ave, o Maria . . .

- Prega per noi, santa Madre di Dio,
- Affinché siamo resi degni delle promesse di Cristo.
Ave, o Maria . . .

Preghiamo
Infondi nel nostro spirito la tua grazia, Signore; Tu, che all’annuncio dell’angelo ci hai rivelato l’incarnazione del tuo Figlio, per la sua passione e la sua croce guidaci alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Su
image

Precedente | Su | Successiva | Le NovitÓ | Mappa del Sito | Home Page
  Ricerca | Libro dei Visitatori | Mailing List | Web Master

Ultima revisione: 25 ottobre 2005