image

image

N. 13 - GENNAIO-FEBBRAIO 2001

image


image GUIDATI DA MARIA - RIFLESSIONE PER L'ANNO MARIANO CARMELITANO
image SVILUPPI PER UNA NUOVA MISSIONE IN KENYA
image RIUNIONE DEI PROVINCIALE O.CARM-OCD DELLA REGIONE IBERICA
image UNA SECONDA FONDAZIONE IN MESSICO
image I PRIMI CANDIDATI DALLA LIBERIA IN FORMAZIONE
image FORUM CARMELITANO
image LE RELIQUIE DI SANTA TERESA VISITERANNO L'IRLANDA
image ASSEMBLEE GENERALI DEI LAICI CARMELITANI
image ORDINAZIONE SACERDOTALE IN BOBO-DIOULASSO (BURKINA FASO)
image MASACCIO, PADRE DELL'UMANESIMO NELLA PITTURA
image PUBBLICAZIONI CARMELITANE RECENTI


image


GUIDATI DA MARIA

750 ANNIVERSARIO DELLO SCAPOLARE CARMELITANO

Riflessione del Priore Generale, P. Joseph Chalmers, O.Carm.

Nel Vangelo di Luca 1:26-38 vediamo Maria turbarsi al saluto dell'angelo per poi accogliere l'annuncio di luce. Dio l'ha scelta per diventare Madre del Salvatore. I cantori più famosi del mondo hanno musicato nei secoli melodie toccanti su questo avvenimento e milioni di labbra pronunciano ogni giorno le stesse parole nell'Ave Maria. Non stanchiamoci di ascoltare e di ripetere nel pensiero e nel cuore l'annuncio della salvezza.

Alle volte è difficile all'uomo credere che un progetto di amore da parte di Dio si celi nelle nostre vicende. Alle volte ci sentiamo talmente impelagati nei guai della vita, avvolti dalle tenebre del dubbio, che ci è difficile credere alla luce. Non dimentichiamo in questi momenti che Maria prima che Madre ci è Sorella nella fede. Quando leggiamo: "E l'angelo partì da lei", pensiamo che la Vergine restò sola con la sua fede, come tutti. Una fede luminosa a cui rischiarò la sua vita, la stessa fede con cui noi possiamo e dobbiamo vivere i nostri giorni in questo mondo, carico di pesi immani ma anche di gioie ineffabili.

Quando volgiamo attorno a noi lo sguardo e ci afferra la sfiducia, quando ci sembra inverosimile che l'Amore abbia l'ultima parola sull'indifferenza e sulla menzogna, quando vien meno la speranza che alla fine il Signore asciugherà le lacrime su ogni volto... ripetiamo al nostro cuore le parole dell'angelo: "Nulla è impossibile a Dio". Dio ci chiama a cooperare con Lui, anche se Lui non ha bisogno di noi. Sta a noi decidere se collaborare con l'Amore o lottare con Colui che è la Via, la Verità, la Vita per affermare il nostro egoismo. Cosa ci è chiesto in fondo? Il segreto è nascosto nelle piccole cose di ogni giorno: se le guardiamo con gli occhi della fede, acquistano valore eterno. Le povere parole della nostra preghiera che tentano di ricordare al mondo che Dio è fra noi e le attenzioni di amore con cui ci accostiamo agli altri sono le "pietre" che il Signore utilizza per costruire il Tempio celeste.

Se potessimo vedere ciò che Dio opera nella nostra storia con le sofferenze quotidiane e i silenziosi gesti di carità che viviamo, esulteremmo! Maria, la Vergine sapiente di Nazareth, è la vera discepola di Gesù. Ha risposto con pienezza di fede agli eventi della sua vita senza voler scrutare i perché dell'Onnipotente; si è fidata e ha donato tutto di sé per la realizzazione delle grandi cose preparate da Dio. Le parole di Maria siano il ritmo musicale della nostra vita: "Eccomi, sono la serva dei Signore, avvenga di me quello che hai detto".

E allora finalmente ascolteremo la Parola del nostro Dio come eco di vita nuova e palpito di luce eterna che irrompe nel grigiore delle nostre giornate affrettate e prive di slanci interiori. Sentiremo rivolte a noi le parole del profeta: "Deponi la veste dell'afflizione, rivestiti dello splendore della gloria che ti viene da Dio per sempre". Quando saremo capaci di avvolgerci delle vesti divine, vivremo nella luce di una pace che non tramonta e nella nostra casa insieme alle persone care saremo come il popolo di Dio in cammino verso la pienezza dell'amore.

I sentieri che tu hai percorso, Maria, erano impervi ma tu sapevi come mettere i passi: avevi Gesù come guida interiore, la volontà di Dio come lampada nei tempi più bui. L'Amore ti guidava. Insegnaci a riscoprire la bellezza di una vita donata, il sapore di un sacrificio offerto che passi inosservato, la gioia del "fiat" della fede. Maria, tu hai saputo attingere dalla Parola del Dio vivo la forza per vivere i tuoi giorni nella pace. Fa' che noi oggi riusciamo a riempire il vuoto di amore con il nostro fragile amore, a sanare le ferite della guerra con la nostra debole pace, a far risorgere nei cuori la speranza con la nostra poca preghiera. Tutto per noi è poca cosa, ma nello Spirito del tuo Figlio noi diventiamo potenti come te, casa di Dio! Amen.

Per ulteriori informazioni:
E-mail: P. Joseph Chalmers, O.Carm.



SVILUPPI PER UNA NUOVA MISSIONE
IN KENYA

- dal P. Anthony Scerri, Consigliere Generale per l'Evangelizzazione

Da molto tempo l'Ordine Carmelitano ha desiderato fondare una casa dei frati in Kenya per varie ragioni:

P. Scerri e due membri del Terz'Ordine Carmelitano
  • Nairobi è una città africana importante per gli studi religiosi di lingua inglese. Mentre alcuni dei nostri confratelli africani possono studiare in Europa o negli Stati Uniti, questo è molto costoso e limitato a pochi fratelli del Kenya. Per il loro sviluppo, le nostre fondazioni africane necessitano di formatori, professori ed esperti nei vari campi della teologia e della filosofia. Avendo una casa a Nairobi possiamo offrire a più confratelli in Africa la possibilità di proseguire nei loro studi.
  • In Kenya la Famiglia Carmelitana ha già una presenza significativa. Abbiamo un monastero di monache nella diocesi di Machakos, una comunità della Famiglia Missionaria "Donum Dei" e circa 400 membri del Terz'Ordine sotto la direzione del P. De Marie, un religioso della Consolata.
  • Abbiamo anche studenti kenioti nelle Province spagnole di Catalonia e di Arago-Valentina.

Durante il suo ultimo Capitolo, il Commissariato Provinciale dell'India si è impegnato a provvedere il personale per la missione in Kenya.

Il 1 dicembre 2000 si è tenuta una riunione a Barcellona (Spagna) alla quale hanno partecipato P. Manuel Bonilla, Provinciale di Catalonia, P. Luis Gallardo, Provinciale di Arago-Valentina, P. Christian Körner, Provinciale della Germania Superiore, P. Piet Wijngaard, Provinciale della Bretagna, P. John Adapoor, Commissario Provinciale di India ed io. Sono stati discussi ed affrontati molti aspetti della nostra missione in Kenya, e questo ha dato una spinta alla realizzazione di questa fondazione. Ci sono ancora delle difficoltà, ma speriamo che siano presto superate.

Per ulteriori informazioni:
E-mail: P. Anthony Scerri, O.Carm.



RIUNIONE DEI PROVINCIALE O.CARM-OCD
DELLA REGIONE IBERICA

Il 14 novembre 2000, festa di Tutti i Santi Carmelitani, approfittando dell'Assemblea Generale dei Superiori Religiosi, ha avuto luogo a Madrid (Spagna), nella sede CONFER, l'incontro annuale dei Provinciali Carmelitani e Carmelitani Scalzi della Regione Iberica. Hanno partecipato quattro Provinciali O.Carm. e cinque Provinciali OCD.

Tra i principali argomenti discussi durante l'incontro emergono i seguenti:

  • Un Direttorio del Carmelo Iberico: con informazione circa le case dei frati, delle monache, delle suore e dei laici di entrambe gli Ordini per quanti vogliano conoscere il Carmelo.
  • Celebrazioni d'insieme in occasione del 750 anniversario dello Scapolare: incontri tra i sodalizi del Terz'Ordine o delle Fraternità in quelle città dove i due Ordini sono presenti, approfittando di questo momento per diffondere la spiritualità mariana carmelitana tramite la stampa (libri, riviste, immagini); un incontro-pellegrinaggio dei religiosi in qualche santuario o chiesa d'importanza mariano-carmelitana per entrambe gli Ordini; la pubblicazione di un poster per tutta la Regione Iberica O.Carm-OCD con riferimento alla Consegna dello Scapolare.
  • Informazioni varie: Visita delle reliquie di S. Teresa di Lisieux in Spagna nel 2003; Definitori Straordinari OCD uno celebrato in India e il prossimo che verrà celebrato quest'anno a Nairobi (Kenya); Corso al Monte Carmelo per i religiosi giovani O.Carm. in formazione iniziale; Incontro con il Consigliere Generale O.Carm per una nuova fondazione in Kenya; La fondazione O.Carm. in Burkina Faso; Il Carmelo Venezuelano; Incontro dei Superiori Maggiori a Lima (Perù); Capitoli Generale O.Carm e OCD; L'Istituto OCD di Spiritualità a distanza.

Per ulteriori informazioni:
E-mail: P. Rafael Leiva, O.Carm.



UNA SECONDA FONDAZIONE
IN MESSICO

Fin dal 1995 la Provincia americana del Purissimo Cuore di Maria ha preso l'impegno di fondare il nostro Ordine in Messico. Nel medesimo anno la prima casa è stata aperta nella comunità parrocchiale di Torreon. Per cinque anni questa casa è anche servita come casa di formazione. Adesso la Provincia è passata alla seconda tappa del progetto ed ha fondato un'altra casa a Tlalpan, nel centro storico della Città del Messico, dedicata completamente alla formazione.

La decisione a favore della Città del Messico è dovuta a diversi fattori quali, la situazione educativa a Torreon che non vede la scuola accreditata a nessuna università. Poi a Torreon non esiste una facoltà di teologia, e ciò ha costretto la Provincia a trovare in un altro luogo adatto una casa per sistemare gli studenti a questo livello di formazione. La Casa del Carmen si trova al centro della città e numerosi religiosi frequentano le stesse scuole che frequentano gli studenti carmelitani. L'edificio a due piani, affittato recentemente, ha anche una piccola cappella che è più che sufficiente per i sette studenti e i tre carmelitani professi solenni che attualmente vivono là. Due degli studenti, professi temporanei, studiano teologia. Cinque candidati studiano filosofia. Gli studenti sono consapevoli dell'impegno della Provincia ed hanno accolto con entusiasmo l'idea di essere loro i fondatori dell'Ordine Carmelitano in Messico.

Fr. Rodolfo Aznaran è il Direttore della Formazione. Appartiene al Commissariato Provinciale del Perù. Il Commissario lo ha indicato per questo ministero in Messico così anche il Carmelo Peruviano avrà parte alla fondazione dell'Ordine in questo paese. Il P. Charlie Countie è il priore della comunità e il P. Tom Jordan è il direttore delle vocazioni.

Per ulteriori informazioni:
E-mail: P. Tom Jordan, O.Carm.



I PRIMI CANDIDATI DALLA LIBERIA
IN FORMAZIONE

- dal P. Anthony Scerri, Consigliere Generale per l'Evangelizzazione

Le suore Carmelitane del Corpus Christi sono state presenti con una fondazione nella diocesi di Cape Palmas in Liberia. Tramite queste suore ed attratti dalla spiritualità carmelitana alcuni giovani hanno mostrato il desiderio di abbracciare il nostro Ordine. Purtroppo, le suore furono costrette a lasciare Liberia nel 1990 a causa della guerra civile che durò sette anni. Le suore sperano di ritornare in Liberia al più presto possibile per riprendere la loro attività pastorale e sostenere i giovani ancora desiderosi di far parte dell'Ordine.

Liberia

In gennaio dello scorso anno, rispondendo all'invito del vescovo Mons. D. Dotu Sekey della diocesi di Gbarnga, ho visitato la Liberia ed ho incontrato alcuni di questi giovani. In seguito alla mia visita, ho chiesto al P. Piet Wijngaard, Provinciale della Bretagna, se la Provincia Britannica fosse disposta ad assumersi la responsabilità nella formazione di questi giovani ed eventualmente fare una fondazione in Liberia. Durante una riunione del Consiglio Provinciale, la Provincia Britannica ha accettato generosamente la mia proposta.

Senza indugio, i PP. Francis Kemsley e Brendan Grady, Carmelitani della Provincia Britannica, si sono recati in Liberia per valutare la situazione e discernere la vocazione dei giovani. All'inizio di novembre 2000, i primi due candidati dalla Liberia, Eric Meitor Soclo e Joe Sekou Pah, sono giunti a Londra per intraprendere la formazione. In Liberia ci sono altri candidati che vorrebbero dar inizio a la loro formazione. Ci rallegriamo con la Provincia Britannica ed i candidati per l'eccellente inizio, e preghiamo il Signore che ripaghi abbondantemente la loro generosità.

Per ulteriori informazioni:
E-mail: P. Anthony Scerri, O.Carm.



FORUM CARMELITANO

Dal 5 al 7 gennaio 2001 si è svolto nel Centro di ritiri spirituali dei Carmelitani Scalzi a Boars Hill, Oxford, Inghilterra, un Forum Carmelitano con la partecipazione di religiosi, religiose e laici carmelitani provenienti dalla Gran Bretagna e dall'Irlanda. Erano rappresentati i frati Carmelitani e i Carmelitani Scalzi, le monache OCD, la congregazione del Corpus Christi Carmelites, l'istituto secolare The Leaven ed altri simpatizzanti. Il Forum ha focalizzato la sua discussione sulla spiritualità in Gran Bretagna e in Irlanda: "Dove si trova il Carmelo nella spiritualità dell'Irlanda e della Gran Bretagna d'oggi?" "Quale direzione prenderà la spiritualità carmelitana nel futuro?" Durante l'incontro sono intervenuti: P. Eugene McCaffrey, OCD, Sr. Teresa Clements, DMJ, Sr. Anne, monaca OCD, e P. Christopher O'Donnell, O.Carm.

Per l'occasione, P. Joseph Chalmers, Priore Generale dei Carmelitani, e P. Camillo Maccise, Preposito Generale dei Carmelitani Scalzi, hanno inviato un messaggio ai partecipanti nel quale hanno sottolineato l'importanza della contemplazione impegnativa nella vita carmelitana: "La spiritualità carmelitana ha come scopo l'esperienza di Dio nell'apertura al trascendente, mentre mantenendo fermi i piedi per terra. È necessario vivere e trasmettere la contemplazione impegnativa, siccome questa è l'unica scelta realistica. I nostri santi hanno sempre legato una dimensione apostolica alla preghiera. Questo tipo di preghiera abbraccia le gioie e le speranze, i dolori e le difficoltà dell'umanità. Senza una contemplazione impegnativa, c'è un grande rischio di cadere in un tipo di spiritualità che evade la realtà e perciò evita il santo dovere di ascoltare la Parola di Dio e metterla in pratica."

Questo incontro ha mostrato il grande desiderio di una maggiore cooperazione tra i due Ordini del Carmelo. Il gruppo spera di apportare un programma adatto per l'accompagnamento spirituale in un contesto carmelitano. I partecipanti incoraggiano la pubblicazione di testi carmelitani in lingua inglese. Si spera che ci sia un altro incontro del Forum alla fine di questo anno o all'inizio del prossimo in Irlanda.

Per ulteriori informazioni:
E-mail: P. Francis Kemsley, O.Carm.



LE RELIQUIE DI SANTA TERESA
VISITERANNO L'IRLANDA

Il P. J. Linus Ryan, O.Carm., coordinatore nazionale, comunica che la Domenica di Pasqua, 15 aprile 2001, i resti di S. Teresa del Bambino Gesù arriveranno a Rosslare, Irlanda, per una visita di 75 giorni. Il comitato organizzativo spera che questa visita sia un'occasione per un rinnovamento profondo di tutti i cristiani in Irlanda.

Secondo un dettagliato programma le reliquie della santa visiteranno la Cattedrale di ognuna delle 26 diocesi d'Irlanda, tutte le chiese carmelitane, così come i santuari di Knock, l'abbazia della SS.ma Trinità a Kilnacrott, di S. Patrizio a Lough Derg ed il penitenziario di Mountjoy. La visita è stata programmata in modo da facilitare lo spostamento dei fedeli, in particolare dei poveri e dei malati. Le attività in preparazione della visita sono molte: conferenze sulla vita e l'insegnamento di Teresa; istruzioni sul significato cattolico delle reliquie e dell'intercessione di Teresa; presentazione della "Piccola via", "L'Infanzia Spirituale" e "L'Amore Misericordioso di Dio" come una via di santità agevole per tutti; letteratura sulla santa (in parrocchie, scuole, famiglie e gruppi); incontri liturgici ed altre celebrazioni. Oltre a queste attività, tutti i responsabili delle 75 sedi che accoglieranno le reliquie si sono incontrati con il comitato organizzativo al Carmelite Conference Centre, "Gort Muire" Ballinteer, Dublino, il 25 gennaio - Festa della conversione di S. Paolo, per un giorno di pianificazione e comunicazione.

L'itinerario delle reliquie di S. Teresa in Irlanda si può consultare su Internet (www.sttherese.com) e nel libretto St. Thérèse Relics - Irish Visit, pubblicato dal coordinatore nazionale.

Per ulteriori informazioni:
E-mail: P. J. Linus Ryan, O.Carm.



ASSEMBLEE GENERALI
DEI LAICI CARMELITANI

Santa Lucia, Indie Occidentali: La prima Assemblea Generale dei Laici Carmelitani sull'isola di Santa Lucia si è svolta nei giorni 20 e 21 ottobre 2000. E' stata un'occasione speciale che ha visto insieme i membri del Laicato Carmelitano (fondato nel 1971) ed i membri della Confraternita (fondata nel 1834). Il tema centrale di questi giorni era la Spiritualità carmelitana. I partecipanti hanno approfondito la loro conoscenza circa la tradizione Eliana, la differenza tra i membri della "Confraternita" e del "Laicato Carmelitano", ed in più hanno pregato insieme la Liturgia delle Ore. Tutti i partecipanti sono stati soddisfatti dall'esito formativo di questo seminario. L'Assemblea è stata coordinata da Sr. Adriana del Corpus Christi Carmelites con la direzione del P. Francis Amodio, O.Carm.

Trinidad e Tobago: Il 29 ottobre 2000, più di trecento Laici Carmelitani di Trinidad e Tobago si sono radunati per l'Assemblea Generale che ha avuto luogo nel convento carmelitano a Maracas Valley, St. Joseph. Hanno partecipato tutti gli otto sodalizi. I momenti più salienti del giorno sono stati: la presentazione delle relazioni di ogni sodalizio e del Consiglio Nazionale, la preghiera e la riflessione comunitaria, le cerimonie d'accoglienza e della professione. Diciassette nuovi candidati sono stati ammessi al Terz'Ordine e sedici hanno emesso la loro Professione. Erano anche presenti dodici giovani tra i sedici e i ventuno anni, frutto del "Progetto per la Gioventù" in occasione dell'Anno Giubilare. Questo gruppo ha presentato una relazione ed ha accettato l'impegno di animare le assemblee con canti e musica.

Per ulteriori informazioni:
E-mail: Sr. Adriana Noel



ORDINAZIONE SACERDOTALE
IN BOBO-DIOULASSO (BURKINA FASO)

Il 3 dicembre 2000, in occasione del primo centenario dall'Evangelizzazione di Burkina Faso, l'Arcivescovo di Ouagadougou, Mons. Jean Marie Untaani Campaore, ha ordinato sacerdote, insieme ad altri 93 candidati, il P. Alain Dialló, religioso carmelitano della Provincia Betica. L'ordinazione si è svolta a Bobo-Dioulasso, città natale del P. Alain e dove i Carmelitani della Betica sono presenti da febbraio 2000. P. Dialló è il secondo religioso Carmelitano nativo di Burkina Faso che viene ordinato sacerdote.

La cerimonia ha avuto luogo nello Stadio Sportivo della città di Bobo. Erano presenti rappresentanti di tutte le diocesi del paese e nessun tempio della città aveva la capacità di accogliere tanta gente. Circa 16 vescovi (oltre tutti quelli di Burkina Faso alcuni dei paesi vicini), circa seicento sacerdoti, due numerose corali (una formata da laici e l'altra da seminaristi) e un'immensa folla di fedeli. Per la comunità carmelitana di Bobo e la grande Famiglia del Carmelo presente in Burkina Faso è stato un giorno di grande gioia.

Per ulteriori informazioni:
E-mail: P. Rafael Leiva, O.Carm.



MASACCIO,
PADRE DELL'UMANESIMO NELLA PITTURA

Per il sesto centenario della nascita di Tommaso di Ser Giovanni di Mone Cassai, detto il Masaccio (1401-1428), l'artista considerato il padre fondatore dell'Umanesimo nella pittura, si prevedono due anni di mostre, convegni e conferenze, la cui sede centrale sarà San Giovanni Valdarno (Arezzo), città in cui è nato Masaccio il 21 dicembre 1401, dove è ancora conservata la casa in cui il pittore mosse i suoi primi passi. Non meno importanti si prospettano le rassegne artistiche che si terranno a Firenze, ad Arezzo e a Roma. Tra le molteplici e diverse attività, a giugno 2001 è prevista la rassegna "Masaccio e l'arte del Novecento", che metterà a confronto i capolavori del maestro, che affrescò la Cappella Brancacci nella chiesa del Carmine a Firenze, con i pittori e gli scultori che nel XX secolo sono stati affascinati dal rivoluzionario pittore rinascimentale.

Per ulteriori informazioni:
E-mail: P. Anthony Cilia, O.Carm.



PUBBLICAZIONI CARMELITANE
RECENTI

Libri:

BOYCE, James, O.Carm.,
Carmelite Liturgical Spirituality,
(Carmelite Spiritual Directory Project - Horizons 12), Carmelite Communications, Melbourne, 2000, pp. 40. (E-mail: carmcent@netspace.net.au).

COLOMBO, Mariassunta; LABIO, Mario,
Il Vangelo del giorno - Spunti di meditazione e formazione - Tempo di Avvento,
Edizioni Carmelitane, Roma, 2000, pp. 108. (E-mail: carm.miss.stbg@mclink.it /
edizioni@ocarm.org).

CUCCA, M. Anastasia di Gerusalemme, O.Carm.; DE SIMONE, Marianerina, CMSTBG,
La veste più bella - Lo Scapolare, dono di Maria al Carmelo e alla Chiesa,
Centro Stampa Carmelitana, Roma, 2001, pp. 96. (E-mail:
carmel@mclink.it / carm.miss.stbg@mclink.it). Questo libro, a cura di Sr. M. Anastasia, monaca carmelitana di Ravenna (Italia), e Sr. Marianerina delle Carmelitane Missionarie di S. Teresa del Bambino Gesù, è stato pubblicato in occasione del 750 anniversario dello Scapolare del Carmine. Il testo offre in modo semplice una raccolta delle migliori ricerche scientifiche effettuate in questi ultimi anni riguardo lo Scapolare.

L'EXSULTET di tutta una vita - P. Riccardo Palazzi, O.Carm., (1948-1999),
(a cura di Roberto M. Russo & Giuseppe Vidili), Centro Stampa Carmelitana, Roma, 2000, pp. 104. (E-mail:
carmel@mclink.it).

LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, O.Carm.,
La Gloria de Dios - Lema de Madre Asunción Soler Gimeno,
Hermanas Carmelitas del Sagrado Corazón de Jesús, Madrid, 2000, pp. 205. (E-mail:
CSCJCG@planalfa.es). Il libro viene pubblicato in occasione del 75 anniversario di fondazione della Congregazione Hermanas Carmelitas del Sagrado Corazón de Jesús. Si tratta di un racconto che ha avuto la sua fonte nel profondo amore del P. López-Melús a Madre Assunzione e la Congregazione da lei fondata. In queste pagine, l'autore, essendo un conoscente diretto della Madre, trasmette la sua esperienza e la sua testimonianza sulla vita e le virtù della fondatrice.

LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, O.Carm.,
Alabanzas a María,
Editorial Apostolado Mariano, Sevilla, [2000], pp. 235.

LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, O.Carm.,
Caminos de Santidad I - Decálogos que dirigen,
Edibesa, Madrid, 2000, pp. 396.

LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, O.Carm.,
Caminos de Santidad II - Semillas que dan vida,
Edibesa, Madrid, 2000, pp. 366.

LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, O.Carm.,
Caminos de Santidad III - Destellos que iluminan,
Edibesa, Madrid, 2000, pp. 336.

LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, O.Carm.,
Caminos de Santidad IV - Bienaventuranzas que bendicen,
Edibesa, Madrid, 2000, pp. 336.

LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, O.Carm.,
Caminos de Santidad V - Ejemplos que edifican,
Edibesa, Madrid, 2000, pp. 384.

LÓPEZ-MELÚS, Rafael María, O.Carm.,
Caminos de Santidad VI - El reto de la santidad - Debo, puedo, quiero ser santo,
Edibesa, Madrid, 2000, pp. 264.

MERCIECA, Dionisju, OCD,
Edith Stein: Santa Tereza Benedetta tas-Salib, Karmelitana Terezjana Mill-Ateizmu ghall-Qdusija,
Santwarju S. Tereza tal-Bambin Gesù, Birkirkara, 2000, pp. 47. (E-mail:
marocd@mail.global.net.mt).

O'DONNELL, Christopher, O.Carm.,
A Loving Presence: Mary and Carmel,
(Carmelite Spiritual Directory Project - Horizons 6), Carmelite Communications, Melbourne, 2000, pp. 96. (E-mail:
carmcent@netspace.net.au).

PEDOFILIA - una guida alla normativa ed alla consulenza,
(a cura di Italo Ormanni e Aureliano Pacciolla) DueSorgenti, Roma, 2000, pp. 388. (E-mail:
pacciolla@pronet.it). Questo testo è frutto della collaborazione di diciannove esperti (magistrati, medici, psicologi e tutori di varie parti d'Italia oltre il Servizio di Polizia delle Comunicazioni) che, su un indice strutturato e ben coordinato, affrontano la pedofilia da tre punti di vista: quello giuridico, quello psicologico e quello dello stesso pedofilo, e ciò rende il volume fra i più originali pubblicati sia in Italia che all'estero.

RYAN, J. Linus, O.Carm.,
St. Thérèse Relics - Irish Visit,
National Co-Ordinator, St. Thérèse Relics Visit, Dublin, 2000, pp. 24. (E-mail:
sttheres@indigo.ie).

SAN GWANN TAS-SALIB,
Kollox ghal Alla wahdu L-ewwel volum tal-kitba ta San Gwann tas-Salib,
(traduzzjoni ghall-Malti minn P. Angeliku M. Busuttil, OCD), Pubblikazzjoni Karmelitana Terezjana, Malta, 2000, pp. 496. (E-mail:
marocd@mail.global.net.mt).

Compact Disk:

Un . . . . coro solo, un anima sola,
1975 - 10 novembre - 2000: XXV di Fondazione "Associazione Piccoli Cantori di Torrespaccata", Roma. (E-mail:
zaplum@libero.it). In due CD l'Associazione Piccoli Cantori di Torrespaccata (APCT) offre 52 brani di musica varia, la maggior parte canti natalizi e religiosi. L'APCT è sorta 25 anni fa per iniziativa di P. Lucio Zappatore (Ita), con lo scopo della promozione culturale in tutti i settori, ma particolarmente nel campo musicale. "Insegnare la musica per educare con la musica" è il principio che ispira la scuola di canto della APCT che si avvale dei principi pedagogici del Metodo Corale del musicista ungherese Zoltan Kodàly. L'APCT, attualmente composta da circa 200 elementi, non partecipa, per precisa scelta educativa, a nessun concorso di canto corale.

Audio cassette:

RUSSELL, John, O.Carm.
A Journey with St. Therese of Lisieux: Doctor of the Church
, Alba House Communications, Canfield, Ohio. (E-mail:
jrussell@carmelnet.org).

Per ulteriori informazioni:
E-mail: P. Anthony Cilia, O.Carm.



image image image image

27 January 2001