image

image

N. 17 - SETTEMBRE-OTTOBRE 2001

image


CRONACA DEL
135 CAPITOLO GENERALE
DELL'ORDINE CARMELITANO



Il 3 settembre 2001, un centinaio di frati Carmelitani, provenienti da 19 Province, 2 Commissariati Generali, 3 Delegazioni Generali, rappresentanti dell'Ordine in tutto il mondo, si sono ritrovati nell'Istituto "Madonna del Carmine", a Sassone (Roma), per la celebrazione del 135 Capitolo Generale.

Martedì, 4 settembre

Il primo incontro ufficiale di tutti i partecipanti è avvenuto nella cappella dell'Istituto alle ore 10.00 con la celebrazione della S. Messa presieduta dal Priore Generale, P. Joseph Chalmers. Durante la sua omelia ha sottolineato l'importanza del silenzio in questo momento particolare per sentire ciò che lo Spirito vuole comunicarci.

Dopo la celebrazione Eucaristica, verso le 12.00, ha avuto inizio la prima sessione con il canto del Veni, Creator Spiritus. Poi, il P. Joseph Chalmers ha dichiarato aperto il Capitolo, invitando il Segretario Generale, P. Tarsicio Gotay, a fare l'appello di tutti i convocati. Presenti: il Priore Generale, gli ex-Priori Generali, i membri del Consiglio Generale, i Priori Provinciali di tutte le Province e i loro delegati, i Commissari Generali, i Delegati Generali, invitati speciali del Consiglio Generale ed altri membri dell'Ordine aggiunti alla segreteria. Poi il Segretario ha proseguito con la nomina degli ufficiali del Capitolo: gli scrutatori (PP. Joseph Saliba, Dariusz Borek, Roberto Toni), i puntatori (PP. Brendan Grady, Joseph Kemper, Rogerio S. de Lima), la commissione per la revisione degli atti capitolari (PP. Desiderio García, Mario Alfarano, William Harry), la commissione per le spese capitolari (PP. Luis Gallardo, Pankraz Ribbert), i moderatori (PP. Carlo Cicconetti, Rafael Leiva, Mario Esposito, Henricus Pidyarto), i facilitatori (PP. Carlos Mesters, Richard Copsey) e i consultori teologici (PP. Fernando Millan e Christopher O'Donnell). Poi, il Priore Generale ha dato inizio all'elezione del Preside del Capitolo. A questo ufficio è stato eletto P. John Malley, il quale ha concluso la prima sessione con un saluto ed un ringraziamento.

Nel pomeriggio, alle ore 16.00, il Preside del Capitolo ha invitato il P. Joseph Chalmers di comunicare un aggiornamento alla sua relazione inviata nel mese di marzo a tutti i superiori del nostro Ordine riguardante gli ultimi sei anni del suo priorato. Al termine della relazione, il P. J. Malley ha ringraziato il Priore Generale e il suo Consiglio per il loro impegno nello sviluppo dell'Ordine ed ha passato la parola all'assemblea per le domande ed ulteriori chiarimenti.

La terza sessione del giorno, iniziata alle ore 17.30, è stata dedicata alla relazione del P. Cees Bartels, Preside della Commissione Preparatoria, e all'approvazione dell'Agenda e dell'Ordo Capitoli. Chiarite alcune difficoltà presentate dall'assemblea il Preside ha presentato i due documenti per l'approvazione dei gremiali. L'orario di massima approvato dalla maggioranza è stato cosi suddiviso: ore 7.00 colazione, 8.30 preghiera mattutina, 9.00 1 sessione e intervallo, 10.45 continuazione della sessione e intervallo, 12.00 celebrazione eucaristica, 13.00 pranzo e siesta, 16.00 2 sessione e intervallo, 18.00 continuazione della sessione e intervallo, 19.30 preghiera della sera, 20.00 cena, ricreazione e riposo. Prima di lasciare l'aula per la preghiera della sera i gremiali hanno anche approvato l'orario del giorno successivo.

Mercoledì, 5 settembre

Giorno di ritiro. Dopo la colazione e la preghiera del mattino i partecipanti si sono radunati in aula per la prima sessione del giorno alle ore 9.00. Il Preside del Capitolo ha comunicato alcune notizie, tra l'altro, la decisione di preparare, con la colla-borazione dei PP. Fernando Millan, Christopher O'Donnell e Carlos Mesters, un messaggio finale indirizzato a tutti i membri della Famiglia Carmelitana. Poi è stato presentato il relatore del giorno, il P. John Welch, che ha sviluppato il tema "Le stagioni del cuore". Durante il mattino ha trattato "Un cuore anelante - Il nostro desiderio di Dio" e "Un cuore schiavo - Il culto dei falsi dei"; nel pomeriggio "Un cuore in ascolto - La vita contemplativa", "Un cuore inquieto - La tragicità della vita" e "Un cuore puro - La trasformazione del desiderio". Durante il giorno i gremiali hanno avuto tempo sufficiente per il silenzio, la riflessione e la preghiera personale. La celebrazione dell'eucaristia alle ore 19.00 e la cena hanno concluso questo giorno.

Giovedì, 6 settembre

Dopo la comunicazione di alcuni avvisi pratici, il Preside ha presentato il moderatore del giorno, il P. Carlo Cicconetti. A sua volta ha comunicato che durante il Capitolo saranno trattati i seguenti argomenti: a) Parrocchia carmelitana, b) Vita comunitaria, c) Formazione e studi, d) Servizio, e) Comunicazioni sociali. Lo studio di questi temi seguirà il metodo della lectio divina, cioè, lectio, meditatio, oratio et contemplatio, collatio, e operatio. Per informare i gremiali su questo svolgimento, il moderatore ha invitato il P. Michael Plattig, membro della Commissione Preparatoria, ad illustrare in dettaglio questo processo. Successivamente il moderatore ha presentato il tema del giorno "Parrocchia carmelitana" ed ha invitato per la prima tappa della lectio il P. Edgar Koning per comunicare l'iniziativa della parrocchia carmelitana di Dordrecht (Olanda). Poi, l'assemblea è passata alla seconda tappa (meditatio) con la riflessione personale e la riflessione in gruppo. La terza tappa della preghiera si è svolta negli stessi gruppi.

Durante la seconda sessione del pomeriggio l'assemblea si è radunata in aula per la collatio (la condivisione) delle riflessioni dei nove gruppi e poi per l'operatio, cioè, per il feedback dei facilitatori e la discussione generale. Anche in questo giorno l'eucaristia è stata celebrata prima della cena.

Venerdì, 7 settembre

Il tema del giorno è stato "La vita comunitaria". Il Preside ha aperto la prima sessione con la presentazione di sei laici (una coppia e quattro ragazze) che fanno parte della comunità carmelitana "La Famiglia" di Firenze (Italia). Il moderatore, P. Carlo Cicconetti, ha invitato questi laici a comunicare ai gremiali la loro esperienza della vita carmelitana vissuta con i frati. L'assemblea ha mostrato grande interesse con vari interventi e domande. Durante la seconda parte di questa sessione del mattino, i nove gruppi linguistici si sono radunati per meditare e pregare su ciò che è stato comunicato relativamente alla nostra vita comunitaria. Nel pomeriggio tutti i partecipanti si sono riuniti in aula per condividere le loro riflessioni e suggerimenti e ricevere il feedback dai facilitatori.

Sabato, 8 settembre

Dopo la comunicazione di alcuni avvisi pratici, il Moderatore, P. Mario Esposito, ha passato la parola all'Economo Generale, P. Pere Soler. Durante la sua relazione, P. Pere ha sviluppato i seguenti argomenti: (a) Il sessennio 1996-2001; (b) Situazione socio-economica generale dell'Ordine; (c) Il prossimo futuro e le sue possibilità; (d) Il bilancio consolidato di tutti gli enti della Curia. I partecipanti, da parte loro, hanno avuto l'occasione di chiedere ulteriori chiarificazioni all'Economo Generale e di discutere ed approvare una proposta del Consiglio Generale sulla condivisione delle spese per i viaggi dei gremiali secondo le percentuali delle Province. I lavori del giorno si sono conclusi verso le ore 11.45 per la celebrazione eucaristica.

Domenica, 9 settembre

Giorno libero. Una gran parte di gremiali ha partecipato ad una gita a Napoli e dintorni. Il programma includeva una Concelebrazione al Santuario del Carmine Maggiore "La Bruna", pranzo e una visita in pullman.

Lunedì, 10 settembre

Tema del giorno: "Istituti carmelitani e Studi superiori". La prima sessione del mattino è stata aperta dal P. Henricus Pidyarto, moderatore, invitando tre religiosi a comunicare la loro relazione: P. Emanuele Boaga, Preside dell'Institutum Carmelitanum, P. Richard Copsey, Delegato Generale per la Cultura e P. Huub Welzen per presentare la proposta dell'Istituto Tito Brandsma di Nimega (Olanda) su "Una rete di Istituti di Spiritualità". Dopo ogni relazione vi sono stati momenti per gli interventi di chiarimento da parte dell'assemblea. Verso mezzogiorno i gremiali si sono ritrovati in cappella per la celebrazione eucaristica.

Nel pomeriggio, durante la prima parte della sessione, i partecipanti si sono incontrati nei consueti gruppi linguistici per riflettere sulle relazioni del mattino. Nella seconda parte i gremiali si sono ritrovati in aula per la relazione del P. Mark Attard, Priore del Centro Internazionale Sant'Alberto (Roma), le reazioni dei gruppi linguistici e il feedback dei facilitatori. Dai vari interventi si nota la grande ricchezza esistente nell'Ordine con la presenza di numerosi Istituti. Conclusa questa sessione, alle ore 19.30, i gremiali si sono trasferiti in cappella per la preghiera della sera.

Martedì, 11 settembre

I lavori svolti durante questo giorno hanno seguito un percorso diverso dagli altri giorni. Dopo la comunicazione di vari avvisi pratici, il moderatore, P. Carlo Cicconetti, ha dato la parola a: P. Josef Jancar, Procuratore Generale, P. Felip Amenós, Postulatore Generale, e P. Anthony Scerri, Consigliere Generale per l'Evangelizzazione, per esporre all'assemblea l'impegno svolto da parte dell'Ordine durante gli ultimi sei anni nei loro campi. Le presentazioni risultano molto incoraggianti, in particolare nel campo missionario, dove grazie alle numerose nuove fondazioni, l'Ordine si sta ringiovanendo. I lavori del giorno si sono conclusi con la celebrazione eucaristica.

Il pomeriggio è stato lasciato libero: (a) in preparazione alla veglia mariana tenuta nella Basilica di San Paolo Fuori le Mura alle ore 21.00 e presieduta dal Prefetto della congregazione per le Chiese Orientali, Card. Moussa I Daoud, accompagnato dai Superiori Generali, P. J. Chalmers e P. C. Maccise; (b) per offrire alle Province impegnate in Africa e Asia lo spazio necessario per incontrarsi e pianificare la loro collaborazione nella formazione.

Mercoledì, 12 settembre

Udienza del S. Padre Giovanni Paolo II con la Famiglia Carmelitana in Piazza S. Pietro. Purtroppo la celebrazione è stata segnata dal terribile atto terroristico avvenuto il giorno precedente negli Stati Uniti. Niente applausi, poche parole e molto raccoglimento. Alle ore 8.30, dalla chiesa carmelitana di S. Maria in Traspontina, ha avuto inizio la traslazione dell'immagine della Madonna del Carmine accompagnata da centinaia di devoti e religiosi fino a Piazza S. Pietro. L'udienza del Papa ha avuto inizio alle ore 10.00. Durante l'incontro Giovanni Paolo II ha manifestato il suo dolore per le migliaia di vittime innocenti in America. Nel suo secondo intervento ha salutato la Famiglia Carmelitana radunata in occasione del 750 anniversario del dono dello Scapolare, rilevando che questo evento non coinvolge solo la Famiglia Carmelitana, ma tutta la Chiesa. Il patrimonio della spiritualità carmelitana è patrimonio di tutto il popolo di Dio. Ha ricordato che l'imposizione dello Scapolare deve essere un'occasione di conversione personale rispondendo alla grazia che ci conduce verso la santità in Dio. Alla fine dell'udienza i religiosi carmelitani presenti si sono raccolti attorno al S. Padre per l'incoronazione della Madonna del Carmine e una fotografia per l'occasione. L'immagine della Madonna è stata riportata nella chiesa di Traspontina in processione accompagnata da numerosi devoti.

Nel pomeriggio i gremiali hanno avuto l'occasione di visitare L'Eau Vive per il pranzo, alcuni luoghi turistici e il Centro Internazionale Sant'Alberto (CISA) per la S. Messa. Il rientro a Sassone è stato verso le ore 20.00.

Giovedì, 13 settembre

Il preside del Capitolo ha aperto la prima sessione ringraziando: (a) il S. Padre per l'udienza concessa il giorno precedente alla Famiglia Carmelitana, (b) la Famiglia Missionaria "Donum Dei" per il pranzo offerto ai gremiali, (c) il Priore del CISA per la celebrazione eucaristica. Poi ha invitato il P. Joseph Chalmers a leggere un messaggio inviato da Giovanni Paolo II ai partecipanti del Capitolo. Successivamente, ha preso la parola P. Carlos Mesters, per una breve spiegazione sul processo di discernimento da tenersi per il sabato 15 settembre, in preparazione all'elezione del governo generale.

Il tema del giorno, il "Servizio", è stato introdotto dal P. Rafael Leiva, moderatore, invitando il P. Francisco Manoel de Oliveira ad esporre ai capitolari il progetto "Casa del Servo Sofferente" del Commissariato Provinciale di Paranà (Brasile) per venire incontro alle tante sofferenze sociali del paese. La sua presentazione è stata arricchita con riflessioni e domande di chiarificazione dei presenti. Il lavoro del giorno, seguendo il processo della lectio divina, è continuato nei gruppi per i momenti di riflessione e preghiera.

La seconda sessione del pomeriggio ha avuto inizio in aula con un filmato circa la "Casa del Servo Sofferente". Al termine i segretari dei gruppi hanno riportato un riassunto delle riflessioni condivise nei gruppi linguistici. Dopo una breve pausa, alle ore 18.00, i gremiali si sono ritrovati in aula per il feedback dei due facilitatori ed ulteriori chiarificazioni. La celebrazione eucaristica e la cena hanno concluso il giorno.

Venerdì, 14 settembre

Dopo gli avvisi di natura logistica, il P. Mario Esposito, moderatore, ha comunicato che durante l'incontro del giorno precedente del moderamen, in vista al programma da preparare per il prossimo governo generale, è stato deciso di cambiare il percorso del Capitolo. Nel frattempo, il P. William Harry, ha presentato il tema del giorno, le "Comunicazioni", con una breve relazione basata su un documento preparato da una commissione nel maggio 2000. Poi il moderatore ha invitato i presenti a riflettere e rispondere in aula alla domanda: "In che modo, come Ordine, possiamo comunicare meglio fra noi e con coloro che serviamo?" Sono seguiti numerosi interventi.

Nella seconda metà del mattino ha indirizzato l'assemblea il P. Camilo Maccise, Preposito Gene-rale dei Carmelitani Scalzi, sul tema "Mantenere aperto l'internet allo Spirito Santo". Essere aperti allo Spirito significa riconoscere la sua attiva presenza nella storia. Lo Spirito trasmette messag-gi al nostro indirizzo elettronico e questi messaggi arrivano attraverso il server della preghiera. Ci sono tre grandi messaggi che lo Spirito oggi invia: (1) La comunione, (2) La libertà, (3) La parresia. Il messaggio della comunione, che ha come icona biblica la pentecoste, parla dell'unità nella diversità e non dell'uniformità. Il virus di questo messaggio è l'individualismo. Il messaggio della libertà è inteso come crescita e maturazione nell'amore. L'icona biblica è il concilio di Gerusalemme che decide di non imporre pesi ai pagani. Qui si può incontrare il virus del legalismo, la tentazione di rinchiudersi nel passato. Il messaggio della parresia implica la dimensione profetica della vita cristiana e religiosa ed ha come modello biblico il profeta Elia. Si tratta di annunciare il progetto di Dio e di denunciare quanto si oppone ad esso. Questo messaggio può essere distrutto dal virus della paura o, più sottilmente, degli interessi egoistici. P. Camilo ha concluso la meditazione ribadendo la necessità di rimanere aperti allo Spirito che ci parla attraverso i segni dei tempi e i segni dei luoghi. Prima di lasciare l'aula, il P. J. Chalmers ha ringraziato il P. Camilo regalandogli una medaglia commemorativa del 750 anniversario dello scapolare e un'icona della Madonna.

Verso le ore 11.45 i gremiali si sono riuniti in cappella per la celebrazione eucaristica presieduta dal P. Camilo accompagnato dal P. J. Chalmers e dal P. J. Malley. All'inizio della Messa, alle ore 12.00, in comunione con il resto d'Europa, sono stati osservati tre minuti di silenzio e di preghiera in omaggio alle migliaia di vittime della strage accaduto il precedente martedì in America.

Nel pomeriggio il moderatore ha invitato P. Carlo Cicconetti a delineare brevemente il compito del Capitolo Generale e come debba procedere nelle sue indicazioni e direttive per il prossimo Consiglio Generale. E' stato deciso: (a) di studiare nei gruppi linguistici il documento "Sintesi Generale", frutto dei giorni precedenti, (b) che due segretari da ogni gruppo, uno per ogni argomento ("Comunità" e "Studi"), raccolgano le riflessioni del gruppo, (c) che gli stessi segretari si incontrino tra loro secondo il tema e formulino raccomandazioni o proposte utili. L'assemblea generale si è radunata in aula per ascoltare i due segretari alle ore 18.30. La giornata si è conclusa con la preghiera della sera.

Sabato, 15 settembre

Il preside ha aperto la sessione con una preghiera per il P. Brian Pitman, ex-segretario generale, che il Signore ha chiamato a sè. Poi ha comunicato la decisione del moderamen di nominare tre commissioni: Comunità, Formazione, Mass Media, e che queste commissioni prendano in considerazione quanto è stato detto durante il Capitolo circa questi temi così che il nuovo governo generale abbia una direzione da seguire. P. Henricus Pidyarto, moderatore, raccogliendo vari suggerimenti, ha messo in discussione l'opportunità di cambiare o meno l'attuale struttura del governo generale. La maggioranza dei gremiali si è espressa favorevole all'attuale struttura.

Alle ore 10.30, P. Carlos Mesters, in preparazione all'elezione del governo generale programmata per la settimana successiva, ha guidato i presenti nel discernimento, offrendo una breve introduzione, una presentazione della sintesi stesa dai segretari dei gruppi linguistici, e un confronto con la Regola carmelitana. Poi ha suggerito alcuni testi biblici per la riflessione personale. I lavori del giorno si sono conclusi con l'augurio di buon compleanno al P. Gaspar Mondéjar, ex-Vice Generale, e la celebrazione eucaristica.

Domenica, 16 settembre

Giorno libero

Lunedì, 17 settembre

Festa di Sant'Alberto, Legislatore. Dopo il saluto del preside ha preso la parola il moderatore del giorno, P. Carlo Cicconetti, che ha presentato i due momenti principali del giorno: (a) la continuazione del discernimento iniziato sabato precedente, e (b) la votazione consultiva e definitiva del Priore Generale, Vice Priore Generale, Procuratore Generale ed Economo Generale. Alle ore 9.15 i gremiali si sono ritrovati nei gruppi regionali per suggerire e discutere possibili candidati per i quattro uffici del governo generale. Dopo tre quarti d'ora i gremiali sono passati dai gruppi regionali ai gruppi misti. I risultati di questi ultimi gruppi sono stati successivamente comunicati all'assemblea generale ed è stata avviata la votazione consultiva.

Alle ore 16.00 i gremiali si sono riuniti nell'aula capitolare per l'elezione canonica del Priore Generale dell'Ordine. Dopo un momento di preghiera e l'appello dei gremiali è stata avviata la votazione nella quale, il P. Joseph Chalmers ha avuto 75 voti da 81 gremiali. Accettando questo ufficio il P. J. Chalmers ha preso l'ufficio di Preside del Capitolo e ha ringraziato i capitolari della loro fiducia. Poi è stata avviata l'elezione canonica degli altri tre membri del Governo Generale. Sono stati eletti: Vice Priore Generale - P. Carlo Cicconetti, Procuratore Generale - P. Josef Jancar, Economo Generale - P. James Des Lauriers. La giornata si è conclusa con la celebrazione della Messa e poi con la cena.

Martedì, 18 settembre 2001

L'ordine del giorno ha seguito lo stesso ritmo del giorno precedente. Dopo il saluto del Preside, il moderatore, P. Rafael Leiva, ha spiegato brevemente lo svolgimento del giorno. Allora i gremiali sono tornati nei gruppi per discernere, suggerire e discutere sui possibili candidati per i quattro Consiglieri Generali. Alle ore 11.15 si sono ritrovati in aula per la votazione consultiva.

L'elezione canonica dei quattro Consiglieri Generali si è svolta nella sessione del pomeriggio con questo esito: Consigliere Generale per il Nord e Centro Europa e America del Nord - P. William Harry, Consigliere Generale per l'Europa Mediterranea - P. Rafael Leiva, Consigliere Generale per l'Asia, Africa e Australia - P. Anthony Scerri, Consigliere Generale per l'America Latina - P. Carlos Mesters. Alle ore 18.00 i partecipanti al Capitolo si sono trasferiti in cappella per la Messa, durante la quale sono state offerte preghiere per il P. Kilian Healy, ex-Priore Generale, che recentemente ha avuto un attacco cardiaco.


Il nuovo Consiglio Generale dell'Ordine Carmelitano (da sinistra a destra): P. Rafael Leiva, Consigliere Generale; P. William Harry, Consigliere Generale; P. Carlo Cicconetti, Vice Priore Generale; P. Josef Jancar, Procuratore Generale; P. Joseph Chalmers, Priore Generale; P. Carlos Mesters, Consigliere Generale; P. Anthony Scerri, Consigliere Generale; (Assente: P. James Des Lauriers, Economo Generale)

Mercoledì, 19 settembre

Dopo la lettura di vari messaggi d'augurio, il moderatore di turno, P. Mario Esposito, ha invitato i capitolari a leggere per conto proprio la bozza del Messaggio Finale e di presentare i loro commenti e suggerimenti alla commissione. Prima che i gremiali si ritirassero in gruppi per studiare le proposte, il P. Richard Copsey, facilitatore, ha spiegato l'ordine in cui sono state raggruppate: Comunità, Formazione, Governo, Comunicazioni, ed Altre. Alle ore 11.00 i gremiali si sono ritrovati in aula per ulteriori informazioni. La sessione si è conclusa per la celebrazione della Messa. Durante la sessione del pomeriggio, i gremiali si sono incontrati sia in aula che in gruppi per proseguire con lo studio delle proposte.

Giovedì, 20 settembre

I lavori del giorno sono stati avviati dal Priore Generale, P. Joseph Chalmers, che ha informato l'assemblea della nomina di una piccola commissione per preparare le proposte e la loro votazione. Il moderatore, P. Henricus Pidyarto, ha inviato i partecipanti del Capitolo a formare i gruppi per continuare la discussione delle proposte. Alle ore 12.00 è stata celebrata la Messa.

La sessione del pomeriggio ha avuto inizio con la presentazione, da parte del P. Christopher O'Donnell, del Messaggio Finale per ulteriori suggerimenti e sviluppi. Successivamente, per oltre tre ore, i gremiali hanno discusso e votato le proposte sulla vita comunitaria, sul governo generale dell'Ordine, sulle comunicazioni ed altri argomenti. La giornata si è conclusa con la cena.

Venerdì, 21 settembre

Dopo la preghiera del mattino, alle ore 9.00 i gremiali si sono incontrati in aula per l'ultima sessione del Capitolo. Durante il suo discorso conclusivo il Priore Generale, P. Joseph Chalmers, ha ringraziato tutti i partecipanti: i gremiali, i membri del segretariato e delle commissioni, il P. Mimmo Meloni e i suoi dipendenti che gestiscono l'Istituto "Madonna del Carmine". Poi ha ringraziato anche gli ex-Consiglieri Generali e ha dato il benvenuto ai nuovi. Il canto del Flos Carmeli e l'approvazione dei verbali del Capitolo hanno concluso la sessione per procedere alla celebrazione della Messa di chiusura. I concelebranti principali sono stati il Priore Generale e i nuovi membri del Consiglio Generale. Dopo la comunione è stato letto e approvato il Messaggio Finale alla Famiglia Carmelitana.

Conclusione

Il Capitolo Generale 2001 è terminato, ma come ha affermato il Priore Generale nella sua omelia, " il viaggio continua! L'apostolo Matteo non sapeva esattamente cosa implicasse la chiamata di seguire Cristo, eppure Lo ha seguito con fedeltà e fiducia. Così anche noi, siamo invitati a continuare il nostro ossequio a Cristo che ci conduce nel suo regno, dove si trovano Maria ed Elia."






image image image image

29 September 2001